POR-FESR 2014-2020

SISMAC- Innovative Sensorized Systems by Additive Manufacturing for Cranioplasty - (english language version)

Public entity granting the financing: Regione Lazio
Principal Investigator: prof.ssa Ilaria Cacciotti
Project Description
The SISMAC project aims to propose innovative solutions with respect to the cranial implants currently used and studied, taking into account the increasing number of head injuries, whose 50% associated with road accidents, with a consequent increase in the demand for reconstructive surgeries and craniomaxillofacial (CMF) devices. SISMAC is consistent with 2 production departments of the S3 axis Life Sciences (biomedical / medical devices, biotechnology / pharmaceuticals) and involves 4 KETS (Advanced Materials, Biotechnologies, Micro / Nanoelectronics, Nanotechnologies, Advanced Manufacturing Systems), being remarkably interdisciplinary in terms of competences, skills and themes.
Objectives
The final purpose of SISMAC consists in the design and realization of a prototype of a biomimetic, functionalized and sensorized cranial implant, in order to propose innovative solutions for the custom-made cranioplasty sector, as alternatives to traditional approaches. SISMAC aims to overcome the limitations found in current implants, such as poor mechanical properties, lack of osseointegration and possible triggering of infections / inflammations, through innovative technological strategies (biomimetic / antimicrobial / anti-inflammatory material, osteoconductive coating, post-operative monitoring system).

Project Partners:

  • Unicusano (Coordinator)
  • Università Cattolica del Sacro Cuore-Roma

Financial support: Total nominal financial support: 149.967,51 €  (113.200,13 € Unicusano)


Start date: 15.04.2021
End date: 14.04.2023

 

 

SISMAC- Sistemi Innovativi Sensorizzati mediante Manifattura Additiva per la Cranioplastica - (versione in lingua italiana)

Ente erogante il finanziamento: Regione Lazio
Responsabile scientifico: prof.ssa Ilaria Cacciotti
Descrizione progetto
Il progetto SISMAC si prefigge di proporre soluzioni innovative rispetto agli impianti cranici attualmente impiegati e studiati, tenendo conto del numero sempre più elevato di traumi cranici, associati per il 50 % a incidenti stradali, con conseguente incremento della domanda di interventi chirurgici ricostruttivi e di dispositivi craniomaxillofacciali (CMF).  SISMAC è coerente con 2 comparti produttivi dell'asse S3 Scienze della Vita (biomedicale/dispositivi medici, biotecnologico/farmaceutico) e contempla 4 KETS (Materiali avanzati, Biotecnologie, Micro/Nanoelettronica, Nanotecnologie, Sistemi di fabbricazione avanzati), poichè è interdisciplinare per competenze e tematiche.
Finalità
Obiettivo finale di SISMAC sarà realizzare un prototipo di impianto cranico biomimetico, funzionalizzato e sensorizzato, al fine di proporre soluzioni innovative per il settore della cranioplastica custom made, come alternative alle metodiche tradizionali. SISMAC mira a superare i limiti riscontrati negli impianti attuali, quali scarse proprietà meccaniche, mancata osteointegrazione e possibile innesco di infezioni/infiammazioni, mediante strategie tecnologiche innovative (materiale biomimetico/antimicrobico/antinfiammatorio, rivestimento osteoconduttivo, sistema di monitoraggio post-operatorio).

Partner Progetto:

  • Unicusano (Coordinatore)
  • Università Cattolica del Sacro Cuore-Roma

Contributo totale del progetto:
149.967,51 €  (113.200,13 € Unicusano)
Data inizio: 15.04.2021
Data fine: 14.04.2023

 

 

RAISE (Rehabilitation of the Arm in Simulated Immersive Environment) - (english language version)

POR FESR loghi

 

Public entity granting the financing: Regione Lazio
Scientific manager: prof. Fabrizio Patanè
Project Description
The RAISE project intends to address the important challenge of making the world of classical rehabilitation interact with the simulation of reality through robotic devices and virtual reality viewers. The device to be developed, although in principle adaptable to various applications, will be an integrated system for rehabilitation of musculoskeletal disorders related to the upper limbs, with particular attention to the shoulder and elbow joints. The idea is therefore to provide, both to rehabilitation centers and to private end users for home use, an innovative tool to perform rehabilitation therapies in virtual reality scenarios that require the execution of specific motor tasks. The hardware of the haptic exoskeleton is already under development by the proposing research group. The present project proposal, therefore, focuses exclusively on the development of software in the field of rehabilitation robotics and in carrying out the experimental campaign on subjects.
Objectives
The main objective of the RAISE project is the realization of the control software of a wearable haptic shoulder and elbow exoskeleton for the rehabilitation of musculoskeletal disorders interfaced with immersive virtual reality. The device may be used for the rehabilitation of post-stroke patients.
The specific objectives are as follows:

  • Specific Objective 1: Biomechanical modeling of the upper limbs to evaluate shoulder and elbow stresses during motor rehabilitation tasks using wearable exoskeleton;
  • Specific Objective 2: implementation and optimization of selected rehabilitation scenarios with immersive virtual reality and exoskeleton, designed as standardized and attractive reproduction of tasks usually performed in clinical settings. Attractiveness will be ensured through the use of serious games;
  • Specific Objective 3: experimental campaign for the optimization of the device and verification of usability in an environment outside the laboratory.

Partner:

  • Unicusano,
  • Tuscia University,
  • Sapienza University

Financial support:
Total nominal financial support: € 149.767,79 (€ 42.140,16 Unicusano)
Start date: 15.04.2021
End date: 15.04.2023

 

 

RAISE (Rehabilitation of the Arm in Simulated Immersive Environment) - (versione in lingua italiana)

POR FESR loghi

 

Ente erogante il finanziamento: Regione Lazio
Responsabile scientifico: prof. Fabrizio Patanè
Descrizione progetto
Il progetto RAISE intende affrontare l’importante sfida di far interagire il mondo della riabilitazione classica con la simulazione della realtà tramite dispositivi robotici e visori di realtà virtuale. Il dispositivo da sviluppare, benché in linea di principio adattabile a svariate applicazioni, sarà un sistema integrato per riabilitazione di disturbi muscoloscheletrici legati agli arti superiori, con particolare attenzione verso le articolazioni di spalla e gomito. L’idea consiste pertanto nel fornire, sia a centri riabilitativi che agli utenti finali privati per uso domestico, uno strumento innovativo per poter eseguire delle terapie riabilitative in scenari di realtà virtuale che richiedano l’esecuzione di compiti motori specifici. L’hardware dell’esoscheletro aptico è già in fase di sviluppo da parte del gruppo di ricerca proponente. La presente proposta progettuale, quindi, si focalizza esclusivamente sullo sviluppo del software nell’ambito della robotica riabilitativa e nello svolgimento della campagna di sperimentazione su soggetti.
Finalità
L’obiettivo principale del progetto RAISE è la realizzazione del software di controllo di un esoscheletro indossabile aptico di spalla e gomito per la riabilitazione di patologie muscoloscheletriche interfacciabile con la realtà virtuale immersiva. Il dispositivo potrà essere utilizzato per la riabilitazione di pazienti post-ictus.
Gli obiettivi specifici sono i seguenti:

  • Obiettivo specifico 1: modellazione biomeccanica degli arti superiori per valutare le sollecitazioni di spalla e gomito durante compiti motori di riabilitazione con utilizzo di esoscheletro indossabile;
  • Obiettivo specifico 2: implementazione e ottimizzazione di selezionati scenari di riabilitazione con realtà virtuale immersiva ed esoscheletro, concepiti come riproduzione standardizzata e attrattiva dei compiti usualmente svolti in ambito clinico. L’attrattività sarà garantita attraverso l’impiego di serious game;
  • Obiettivo specifico 3: campagna di sperimentazione per l’ottimizzazione del dispositivo e verifica di utilizzabilità in ambiente esterno al laboratorio.

Altri Partner Progetto:

  • Unicusano,
  • Università degli studi della Tuscia,
  • Sapienza Università di Roma

Contributo totale del progetto:
Valore nominale del progetto: € 149.767,79 (€ 42.140,16 Unicusano)
Data inizio: 15.04.2021
Data fine: 14.04.2023

 

 

Diagnostica AVanzata su Endoreattori a PROpellente Solido (DAVENPROS) - (english language version)

POR FESR loghi

 

Public entity granting the financing: Regione Lazio
Scientific manager: prof. Tiziano Pagliaroli
Project Description
Space is one of the strategic sectors of the Lazio region's economy. In this regards, the Italian company AVIO is a leader in Europe for the development of launchers. For ground launchers, real-time diagnostics of the performance is of vital importance. The DAVENPROS project aims to develop a sensor capable of measuring the velocity of the exhaust gas. High temperatures and velocities, and a chemically and mechanically aggressive environment make the project really “challenging”.
Objectives
The project aims to build a test bench simulating the conditions of a solid-propellant rocket and a sensor able of measuring the velocity of alumina particles released into the rocket plume.
Partner:

  • Unicusano,
  • Università di degli studi di Roma Tre,
  • Centro Ricerche ENEA Casaccia

Financial support:
Total nominal financial support: 129.000 € (30.000 Euro Unicusano)
Start date: 15.04.2021
End date: 14.04.2023

 

 

Diagnostica AVanzata su Endoreattori a PROpellente Solido (DAVENPROS) - (versione in lingua italiana)

POR FESR loghi

 

Ente erogante il finanziamento: Regione Lazio
Responsabile scientifico: prof. Tiziano Pagliaroli
Descrizione progetto
Lo spazio rappresenta uno dei settori strategici della economia della regione Lazio. In questo settore l’azienda italiana AVIO è leader in Europa per lo sviluppo di lanciatori. Per i lanciatori di terra la diagnostica in tempo reale delle prestazioni del vettore spaziale è di vitale importanza. Il progetto DAVENPROS si pone come obiettivo quello di sviluppare un sensore in grado di misurare la velocità di fuoriuscita dei gas combusti dall’ugello di un razzo. Elevato temperature e velocità, ambiente chimicamente e meccanicamente aggressivo rendono lo obiettivo del progetto “challenging”.
Finalità
Il progetto è volto a realizzare un banco test che simula le condizioni di lancio di un endoreattore a propellente solido e un sensore in grado di misurare la velocità delle particelle di allumina rilasciate nella plume del razzo.
Altri Partner Progetto:

  • Unicusano,
  • Università di degli studi di Roma Tre,
  • Centro Ricerche ENEA Casaccia

Contributo totale del progetto:
Valore nominale del progetto: 129.000 € (30.000 Euro Unicusano)
Data inizio: 15.04.2021
Data fine: 14.04.2023

 

 

Perovskite Advanced Radiotherapy & Imaging Detectors (PARIDE) - (english language version)

POR FESR loghi

 

Public entity granting the financing: Regione Lazio – POR FESR Lazio 2014-2020. Progetto T0002E0001 (Gruppi di Ricerca 2020)
Scientific manager: dott. Daniele Maria Trucchi (CNR)
Scientific manager UniCusano: prof. Stefano Salvatori
Project Description
PARIDE project aims at developing high-sensitivity perovskite-based detectors for the imaging of ionizing radiation-sources. Nowadays, perovskite materials are the reference semiconductors for solar cells, thanks to the excellent electronic properties and sustainability of production processes. The objective of PARIDE is to demonstrate the performance of a prototype x-ray detector with a spatial resolution up to 256 channels for dose monitoring in interventional radiology and radiation oncology, made on a flexible substrate and including a compact electronic system for signal processing. The validation of the prototype system in a relevant environment represents the current project objective. PARIDE was born from the encounter between competences of excellence in the fields of materials science, device engineering, and electronic systems design.
Objectives
The PARIDE project proposes to develop a new high-energy radiation detection technology based on perovskites, which is innovative and significantly more sustainable than the solid-state technologies used today in radiology, radiation protection and radiotherapy. Halide-based perovskite is demonstrating excellent ionizing radiation detection properties with large stopping power, high resistance to radiation damage, bandgap-engineering with composition, and compatibility of the technology with direct molding processes (less expensive and faster in comparison to conventional photolithographic processes). In addition, the ability to fabricate the active element on flexible substrates enables extreme flexibility in the shape of the resulting detectors, e.g., the ability to cover curved surfaces, too.
Partner:

  • Istituto di Struttura della Materia (ISM-CNR), Moltelibretti – Roma;
  • Dipartimento di Ingegneria Elettronica, Università degli Studi di Roma Tor Vergata;
  • facoltà di Ingegenria, Università degli Studi Niccolò Cusano, Roma.

Financial support: 149.887€
Start date: 15.04.2021
End date: 14.04.2023

 

 

Perovskite Advanced Radiotherapy & Imaging Detectors (PARIDE) - (versione in lingua italiana)

POR FESR loghi

 

Ente erogante il finanziamento: Regione Lazio – POR FESR Lazio 2014-2020. Progetto T0002E0001 (Gruppi di Ricerca 2020)
Responsabile scientifico del progetto: dott. Daniele Maria Trucchi (CNR)
Responsabile scientifico unità UniCusano: prof. Stefano Salvatori
Descrizione progetto
Il progetto PARIDE ha come obiettivo lo sviluppo di rivelatori in perovskite dall’elevata sensibilità per imaging di sorgenti di radiazioni ionizzanti. Le perovskiti sono i semiconduttori di riferimento per le future celle solari, grazie alle eccellenti proprietà elettroniche e alla sostenibilità dei processi di produzione. L’obiettivo di PARIDE è la dimostrazione delle prestazioni di un prototipo di rivelatore con risoluzione spaziale fino a 256 canali per il monitoraggio della dose in radiologia interventistica e in radioterapia oncologica, realizzato su substrato flessibile e comprensivo di un sistema elettronico compatto per l’elaborazione del segnale. La validazione del sistema prototipale in ambiente rilevante rappresenta l’attuale obiettivo progettuale. PARIDE nasce dall’incontro tra competenze di eccellenza nei settori della scienza dei materiali, dell’ingegneria dei dispositivi per la rivelazione di radiazione ionizzante e della progettazione elettronica integrata.
Finalità
Il progetto PARIDE propone di sviluppare una nuova tecnologia per la rivelazione di radiazione ad alta energia basata su perovskiti, innovativa e decisamente più sostenibile rispetto alle tecnologie a stato solido oggi utilizzate in radiologia, radioprotezione e radioterapia. La perovskite basata su alogenuri sta dimostrando eccellenti proprietà di rivelazione della radiazione ionizzante con un grande potere di arresto, elevata resistenza al danno da radiazione, bandgap del semiconduttore regolabile con la composizione e compatibilità della tecnologia con processi di stampaggio diretto, molto meno costosi e più rapidi dei processi fotolitografici usati per rivelatori a stato solido convenzionali. La capacità di fabbricazione dell’elemento attivo su substrati flessibili abilita un’estrema flessibilità nella forma dei rivelatori risultanti, ad esempio la possibilità di ricoprire superfici curve.
Partner di Progetto:

  • Istituto di Struttura della Materia (ISM-CNR), Moltelibretti – Roma;
  • Dipartimento di Ingegneria Elettronica, Università degli Studi di Roma Tor Vergata;
  • facoltà di Ingegenria, Università degli Studi Niccolò Cusano, Roma.

Contributo totale del progetto: 149.887€
Data inizio: 15.04.2021
Data fine: 14.04.2023

 

 

Laser joIning fOr New hybrid Structures (LIONS) - (english language version)

POR FESR loghi

 

Public entity granting the financing: Lazio Innova - avviso pubblico “Progetti di Gruppi di Ricerca 2020” - POR FESR Lazio 2014-2020 - Asse prioritario 1 “Ricerca ed Innovazione”.
Scientific manager: prof. Simone Venettacci
Project Description:
The Laser joIning for New hybrid Structures project develops in 24 months through the collaboration of the research groups of Tor Vergata and UniCusano Universities and it is part of the "Aerospace" Specialization Area (AdS), with particular reference to the Key Enabling Technologies (KET), defined by Horizon 2020, in the "Manufacturing" area. The project proposal is aimed in particular at a desire to reposition the regional industrial fabric towards the quality manufacturing sector and the processing of high-tech materials.
The project involves systematic and integrated activities, involving both universities, on the following issues:

  • study of the laser-polymer interaction;
  • study of the thermal degradation of the polymer due to laser radiation;
  • study of the influence of surface roughness on the amount of laser energy reflected on the surface;
  • study of the clamping force on the joint seal;
  • study of the physical and chemical mechanisms influencing the polymer-metal laser junction;
  • characterization of hybrid joints;
  • study of the adhesion mechanisms of the joints.

Objectives:
The general objective of the project, which is part of the paradigms of Industry 4.0, is the study and development of innovative laser joining technologies for the construction of hybrid structures and components, consisting of metal and polymer parts, without the use of adhesives or mechanical elements.

Laser technology allows the material to be heated to a high temperature quickly, creating joints in a short time and in the absence of clamping forces, allowing for high process automation. Significant issues to be addressed with the project concern:

  • understanding of the physical and chemical mechanisms influencing the polymer-metal laser junction;
  • definition of the optimal laser interaction conditions for the formation of the junction;
  • identification of the technological process windows (ineffective heating - excessive overheating) according to the materials to be joined, which guarantee strength and quality of the joint.

Overcoming these criticalities will allow to bring the Technological Maturity Level from 2 to 4.

Project partners:

  • “Tor Vergata” University of Rome - “Mario Lucertini” Enterprise Engineering Department (project leader)
  • “Niccolò Cusano” University of study (partner)

Financial support:
Total nominal financial support: 145.841€ (66.646,76 Euro UniCusano)
Start date: 15.04.2021
End date: 15.04.2023

 

Laser joIning fOr New hybrid Structures (LIONS) - (versione in lingua italiana)

POR FESR loghi

 

Ente erogante il finanziamento: Lazio Innova - avviso pubblico “Progetti di Gruppi di Ricerca 2020” - POR FESR Lazio 2014-2020 - Asse prioritario 1 “Ricerca ed Innovazione”.
Responsabile scientifico: prof. Simone Venettacci
Descrizione progetto:
Il progetto Laser joIning fOr New hybrid Structures si sviluppa in 24 mesi tramite la collaborazione dei gruppi di ricerca delle Università di Tor Vergata ed UniCusano e si inserisce nell’Area di Specializzazione (AdS) “Aerospazio”, con particolare riferimento alle Tecnologie Abilitanti KET (Key Enabling Technology), definite da Horizon 2020, in ambito “Fabbricazione”. La proposta progettuale è rivolta in particolare ad una volontà di riposizionamento del tessuto industriale regionale verso il settore manifatturiero di qualità e la lavorazione dei materiali ad alto contenuto tecnologico.
Il progetto prevede un lavoro sistematico e integrato che vede coinvolti i due Atenei sulle seguenti tematiche:

  • studio dell’interazione laser-polimero;
  • studio del degrado termico del polimero dovuto all’irraggiamento laser;
  • studio dell’influenza della rugosità superficiale sull’aliquota di energia laser riflessa in superficie;
  • studio della forza di serraggio sulla tenuta del giunto;
  • studio dei meccanismi fisici e chimici alla base della giunzione laser polimero-metallo;
  • caratterizzazione dei giunti ibridi;
  • studio dei meccanismi di adesione dei giunti.

Finalità
L’obiettivo generale del progetto, che si inserisce nell’ambito dei paradigmi dell’Industria 4.0, è lo studio e lo sviluppo di tecnologie innovative di giunzione laser per la realizzazione di strutture e componenti ibridi, costituiti da parti in metallo e polimero, senza l’utilizzo di adesivi o di elementi meccanici.
La tecnologia laser consente di portare rapidamente ad elevata temperatura il materiale, realizzando giunti in tempi rapidi e in assenza di forze di bloccaggio, consentendo un’elevata automazione del processo. Criticità significative da affrontare con il progetto riguardano:

  • comprensione dei meccanismi fisici e chimici alla base della giunzione laser polimero-metallo;
  • definizione delle condizioni di interazione laser ottimali per la formazione della giunzione;
  • identificazione delle finestre tecnologiche di processo (riscaldamento inefficace – surriscaldamento eccessivo) in funzione dei materiali da giuntare, che garantiscano resistenza e qualità del giunto.

Il superamento di queste criticità consentirà di portare il Livello di Maturità Tecnologica da 2 a 4.
Partner di Progetto:

  • Università di Roma “Tor Vergata” – Dipartimento di Ingegneria dell’impresa “Mario Lucertini” (capofila),
  • Università degli studi “Niccolò Cusano” (partner)

Contributo totale del progetto:
Valore nominale del progetto: 145.841€  (66.646,76 Euro UniCusano)
Data inizio: 15.04.2021
Data fine: 15.04.2023

 

 

OPTIMA – Technologies and new materials for intelligent manufacturing of functional and modular components for electric scooters - (english language version)

POR FESR logo Tirisico

 

Funding body: MISE – Ministero dello Sviluppo Economico, Bando "Fabbrica intelligente, Agrifood e Scienze della vita"
Scientific coordinator: prof. Oliviero Giannini
Research Staff: prof. Stefano Guarino, ing. Gennaro Ponticelli
Project description:
The project OPTIMA aims to implement new technologies for the production, also by using innovative materials, of a modern modular frame, which performs structural and functional tasks, to be used for the construction of electric-powered scooters. The research will allow to identify the most innovative choices and therefore to design and build a frame aimed at maximum weight saving and with the ability to adapt to the different needs and specifications imposed by the manufacturer. In particular, it will be identified solutions to limit the difficulty in reconfiguring a frame once it has been designed and produced. This last aspect has inevitable repercussions in all subsequent redesign choices that, often, are an adaptation/compromise and not the optimal solution. Finally, the multi-functionality of the frame will allow to delegate many of the functions, currently performed by external and assembled elements, directly to the frame itself.

Targets: The project aims to create advanced and integrated technical solutions to make the design and manufacturing of electric scoters more competitive. In particular, innovative technologies and processes will be studied and developed to improve the performance of the scooter in terms of lightness, longevity and energy efficiency, thus improving the market competitiveness of the current two-wheeled electric mobility solutions. Finally, the project aims to develop a cloud that manages process information from different companies in the supply chain, also integrating it with the diagnostic data of the working components. This system will provide, both producers and designers, information useful for the continuous improvement of the product.
Partner:

  • Advanced Technology Solutions SrL,
  • SAI (Servizi Ausiliari per l’industria e le comunità) SrL

Project contribution: € 651.212,50
Start date: 01.09.2020
End date: 28.02.2023

POR FESR OPTIMA Giannini

 

OPTIMA – TecnOlogie e nuovi materiali per la Produzione inTellIgente di coMponenti funzionAli e modulari per motoveicoli elettrici - (versione in lingua italiana)

POR FESR logo Tirisico

 

Ente erogante il finanziamento: MISE – Ministero dello Sviluppo Economico, Bando "Fabbrica intelligente, Agrifood e Scienze della vita"
Responsabile scientifico: prof. Oliviero Giannini
Staff di ricerca: prof. Stefano Guarino, ing. Gennaro Ponticelli
Descrizione progetto:
Il progetto OPTIMA mira all’implementazione di nuove tecnologie per la produzione, anche attraverso l’utilizzo di materiali innovativi, di un moderno telaio modulare, cha assolva a compiti strutturali e funzionali, da utilizzarsi per realizzazione di motoveicoli a propulsione elettrica. La ricerca permetterà di individuare le scelte più innovative e quindi di progettare e realizzare un telaio finalizzato al massimo risparmio di peso e con capacità di adattarsi alle diverse esigenze e specifiche imposte dal costruttore. In particolare verranno individuate soluzioni al problema legato alla difficolta nella riconfigurazione di un telaio una volta che questo è stato progettato e prodotto, con inevitabili ripercussioni in tutte le scelte successive di riprogettazione che devono spesso rassegnarsi a una logica di adattamento/compromesso, e difficilmente alla scelta della soluzione ottimale. La multifunzionalità del telaio permetterà, infine, di poter demandare molte delle funzioni attualmente assolte da elementi esterni ed assemblati, direttamente al telaio stesso.

Finalità: Il progetto ha l’obiettivo di mettere a disposizione dei produttori di motoveicoli, e delle imprese impegnate nella filiera, soluzioni tecniche e tecnologiche avanzate ed integrate, al fine di rendere più competitiva la progettazione e la realizzazione di motoveicoli elettrici. In particolare, si studieranno e si svilupperanno tecnologie e processi innovatiti atti a migliorare le prestazioni del motoveicolo in termini di leggerezza, longevità ed efficienza energetica migliorando la competitività sul mercato delle attuali soluzioni di mobilità elettrica su due ruote. Infine, sarà oggetto della ricerca lo sviluppo di in un cloud che gestisca le informazioni di processo provenienti da diverse aziende della filiera, integrandole con i dati di diagnostica del componente in esercizio. Tale sistema fornirà sia ai produttori che ai progettisti informazioni utili al miglioramento continuo del prodotto.
Partner:

  • Advanced Technology Solutions SrL,
  • SAI (Servizi Ausiliari per l’industria e le comunità) SrL

Contributo totale del progetto: € 651.212,50
Data inizio: 01.09.2020
Data fine: 28.02.2023

POR FESR OPTIMA Giannini

 

TIRISICO – Tecnologie Innovative per la riduzione del RIschio Sismico delle COstruzioni

POR FESR logo Tirisico

 

Ente erogante il finanziamento: Fondi PorFESR Regione Emilia Romagna
Responsabile scientifico (dell’unità UNICUSANO): prof.ssa Barbara Ferracuti

Staff: Ing. Maria Zucconi, Ing. Stefania Imperatore, Ing. Valentina Tomei, Ing. Antonio Sandoli
Data inizio: Giugno 2017
Data fine: Giugno 2019
Descrizione progetto: Il Progetto TIRISICO ha come obiettivo lo sviluppo e la validazione di soluzioni costruttive per ridurre il danneggiamento complessivo degli edifici soggetti all’azione sismica. Le attività del partner UNICUSANO si concentrano sullo sviluppo di modelli numerici non lineari di pareti in Legno (XLAM) con sistema di ricentraggio quando soggetti ad azioni sismiche.
Partner:

  • CIRI EC Università di Bologna (Coordinatore),
  • EN&TECH Università di Modena e Reggio Emilia, TekneHub (Laboratorio del Tecnopolo di Ferrara)
  • Università degli Studi Niccolò Cusano (Università Telematica Roma)
  • Consorzio RI.COS.

link: http://www.tirisico.it/

POR FESR TIRISICO Ferracuti

 

CRANIMA - Impianti a base di compositi innovativi per applicazioni in CRANIoplastica: dall’elaborazione delle immagini tomografiche alla realizzazione del prototipo mediante Manifattura Additiva

POR FESR loghi

 

Ente erogante il finanziamento: Fondi POR FESR 2014-2020 - RIPOSIZIONAMENTO COMPETITIVO - FASE II - AVVISO n. 4 – KETs – tecnologie abilitanti
Responsabile scientifico (dell'unità UNICUSANO): prof.ssa Ilaria Cacciotti
Descrizione: Il Progetto si pone l'obiettivo di affrontare e risolvere un problema di attualità altamente sentito da parte delle strutture sanitarie per quanto riguarda il settore della cranioplastica custom made (paziente-specifica). Strutture sanitarie di rilievo (tra queste: Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini, Policlinico Agostino Gemelli) hanno evidenziato come la disponibilità in tempi rapidi di protesi craniche (in seguito a traumi, ferite perforanti, craniectomie decompressive, resezioni di tumori, patologie degenerative, malformazioni congenite) sia, allo stato attuale, scarsa e insoddisfacente. Nasce quindi la necessità di dare vita a una filiera completa di progettazione e produzione di protesi craniche con radici nel territorio laziale, che possa sviluppare ed applicare sia le conoscenze su capacità di elaborazione grafica biomedicale, relativa alle tomografie acquisite, necessarie per ottenere il modello 3D da stampare, sia quelle relative a materiali e tecnologie avanzate, per garantire un servizio completo al settore della cranioplastica, al fine di intercettare le esigenze evidenziate dai principali Enti Sanitari del Lazio e incrementare l'impatto del settore sul sistema economico regionale. CRANIMA propone modalità innovative di elaborazione di immagine tomografica e di teleconsulto, finalizzate a ottimizzare e velocizzare la comunicazione con il neurochirurgo, a ottenere un modello 3D idoneo per la stampa, oltre a soluzioni alternative agli impianti in polimetilmetacrilato (PMMA) (identificato come materiale di elezione) attualmente impiegati, al fine di superarne i limiti, quali scarse proprietà meccaniche, mancata osteintegrazione e infiammazione. A tale scopo si ricorre a due diverse tecnologie di additive manufacturing, i.e. FDM (fused deposition modelling) e SLA (stereolitografia), alla realizzazione di impianti compositi biomimetici, al fine di simulare composizione e proprietà del tessuto osseo, e caricati con opportuni antinfiammatori/antibiotici per evitare/ contenere la risposta infiammatoria. L’impianto finale è integrato con un sensore miniaturizzato, finalizzato a un monitoraggio del decorso postoperatorio del paziente, mediante un’interfaccia  wireless.Come evidente nelle finalità proprie delle attività in oggetto, le attività proposte sono perfettamente coerenti con la “Smart Specialisation Strategy” regionale il tutto con particolare riferimento all’asse “Scienze della Vita”, relativamente a due dei quattro comparti produttivi (i.e. “biomedicale/dispositivi medici”, “informatica applicata alla biomedicina ed ai servizi di assistenza socio-sanitaria”). Importante sottolineare l’interdisciplinarietà delle attività previste che contemplate la totalità delle Key Enabling Technologies (Biotech, ICT, Nanotecnologie e Materiali Avanzati, Fabbricazione e micro-nanoelettronica).

Partners

  • 2 Aziende: Gelco S.p.A. e Sentech S.r.l.
  • 2 Organismi di Ricerca: Università di Roma Niccolò Cusano, Università Cattolica del Sacro Cuore

Pubblicazioni relative al progetto

  • Luca Lazzarini, Valerio Papa and Ilaria Cacciotti, Innovative and osteoconductive composite cranial implants by fused deposition model technique, Congresso Nazionale Biomateriali 2019 (SIB 2019), 05-07 June 2019, Centro Residenziale e Studi (CRS) della Scuola Nazionale dell'Amministrazione (SNA), Caserta, Italy.
  • Luca Lazzarini, Valerio Papa and Ilaria Cacciotti, Design of a novel composite 3D printed cranial implant: an innovative promising strategy, XV AIMAT NATIONAL CONFERENCE- XII INSTM NATIONAL CONFERENCE 2019, 21sr-24th July 2019, Hotel Continental Terme, Ischia Porto (Na)-Italy.
  • Gianpiero  Tamburrini,  Marta  Barba.,  Lorena  Di  Pietro,  Luca  Lazzarini,  Giuseppina  Nocca,  Paolo  Frassanito,  Alessandro  Arcovito,  Ilaria  Cacciotti,  Wanda  Lattanzi,  'Characterization  of  calvarial  stem  cells  toward  the  optimization  of  cranioplastic strategies', 47th Annual Meeting of the International Society for Pediatric Neurosurgery (ISPN 2019), 20-24 October 2019, Birmingham, UK.

TESTER - TrasduttorE di pressione con membrana in Sic e diamanTE sintetico ad elevate pRestazioni

POR FESR loghi

 

Ente erogante il finanziamento: Fondi POR FESR 2014-2020 - RIPOSIZIONAMENTO COMPETITIVO - FASE II - AVVISO n. 4 – KETs – tecnologie abilitanti
Responsabile scientifico (dell'unità UNICUSANO): prof. Stefano Guarino

Descrizione: Il progetto prevede la progettazione e la realizzazione di un innovativo trasduttore di pressione in grado di lavorare in condizioni ambientali estreme (alta pressione, alta temperatura e ambienti chimicamente aggressivi), attraverso l’utilizzo di materiali innovativi, quali il carburo di silicio (SiC) e il diamante-CVD. L’output di progetto è rivolto al mercato al mercato della componentistica avanzata destinata al controllo e alla gestione di sistemi industriali e dei motori a combustione interna (m.c.i.) ai fini della ottimizzazione delle prestazioni e della riduzione dei consumi.

Finalità:
L’obiettivo principale del progetto di ricerca è l’acquisizione di conoscenze avanzate sulle tecnologie di lavorazione del diamante e SiC idonee alla progettazione di nuove geometrie che altrimenti non potrebbero essere realizzate (se non con molte difficoltà). Il processo di lavorazione così ridisegnato costituisce un importante valore aggiunto, oltre che per EDA Industries S.p.A., per le aziende operanti in settori in cui la nuova tecnologia può trovare impiego, potendo così, anche questeultime, acquisire maggiore competitivitàIn questo ambito, da almeno due decenni, lo studio di molti centri di ricerca si è orientato verso l’impiego di questi duemateriali semiconduttori ad ampio gap, estremamente duri e chimicamente inerti. Questi, infatti, possiedono eccellentiproprietà chimico-fisiche che li rendono ideali per la realizzazione sia di dispositivi elettronici attivi e passivi, sia dicomponenti meccanici di dimensioni anche micrometriche (MEMS). Tra le loro proprietà chimico-fisiche, il carico dirottura elevato, l'elevata rigidezza meccanica, l'alta conducibilità termica, l'alta temperatura di lavoro e l'alta resistenzachimica ad agenti chimici aggressivi, rendono il diamante-CVD e il SiC i principali candidati per la realizzazione disensori. Purtroppo, se da un lato queste proprietà meccaniche e termiche sono un vantaggio per il prodotto finito,dall’altro rappresentano un ostacolo alla lavorazione del materiale che risulta estremamente complessa, costosa e timeconsuming.Il principale valore aggiunto delle attività in oggetto è, pertanto, la definizione, lo studio e lo sviluppo di processi dilavorazione di diamante e SiC idonei alla produzione di membrane utilizzabili per la realizzazione di sensori che sianoindustrialmente sostenibili.Per le loro caratteristiche, questi materiali hanno avuto negli ultimi anni una domanda crescente in numeroseapplicazioni in diversi settori del mondo industriale: industria chimica e petrolchimica, industria meccanica, automotive(auto, diesel), aerospazio, energia (produzione, oil & gas, etc.) e ambiente (sistemi HVAC), rappresentano solo alcuniesempi concreti.Le attività progettuali sono realizzate dall’Associazione Temporanea di Scopo in effettiva collaborazione costituita da EDA Industries S.p.A. e Università Nicolò Cusano - Telematica Roma.