POR-FESR 2014-2020

OPTIMA – Technologies and new materials for intelligent manufacturing of functional and modular components for electric scooters - (english language version)

POR FESR logo Tirisico

 

Funding body: MISE – Ministero dello Sviluppo Economico, Bando "Fabbrica intelligente, Agrifood e Scienze della vita"
Scientific coordinator: Prof. Oliviero Giannini
Research Staff: Prof. Stefano Guarino, Ing. Gennaro Ponticelli
Project description:
The project OPTIMA aims to implement new technologies for the production, also by using innovative materials, of a modern modular frame, which performs structural and functional tasks, to be used for the construction of electric-powered scooters. The research will allow to identify the most innovative choices and therefore to design and build a frame aimed at maximum weight saving and with the ability to adapt to the different needs and specifications imposed by the manufacturer. In particular, it will be identified solutions to limit the difficulty in reconfiguring a frame once it has been designed and produced. This last aspect has inevitable repercussions in all subsequent redesign choices that, often, are an adaptation/compromise and not the optimal solution. Finally, the multi-functionality of the frame will allow to delegate many of the functions, currently performed by external and assembled elements, directly to the frame itself.

Targets: The project aims to create advanced and integrated technical solutions to make the design and manufacturing of electric scoters more competitive. In particular, innovative technologies and processes will be studied and developed to improve the performance of the scooter in terms of lightness, longevity and energy efficiency, thus improving the market competitiveness of the current two-wheeled electric mobility solutions. Finally, the project aims to develop a cloud that manages process information from different companies in the supply chain, also integrating it with the diagnostic data of the working components. This system will provide, both producers and designers, information useful for the continuous improvement of the product.
Partner:

  • Advanced Technology Solutions SrL,
  • SAI (Servizi Ausiliari per l’industria e le comunità) SrL

Project contribution: € 651.212,50
Start date: 01.09.2020
End date: 28.02.2023

POR FESR OPTIMA Giannini

 

OPTIMA – TecnOlogie e nuovi materiali per la Produzione inTellIgente di coMponenti funzionAli e modulari per motoveicoli elettrici - (versione in lingua italiana)

POR FESR logo Tirisico

 

Ente erogante il finanziamento: MISE – Ministero dello Sviluppo Economico, Bando "Fabbrica intelligente, Agrifood e Scienze della vita"
Responsabile scientifico: Prof. Oliviero Giannini
Staff di ricerca: Prof. Stefano Guarino, Ing. Gennaro Ponticelli
Descrizione progetto:
Il progetto OPTIMA mira all’implementazione di nuove tecnologie per la produzione, anche attraverso l’utilizzo di materiali innovativi, di un moderno telaio modulare, cha assolva a compiti strutturali e funzionali, da utilizzarsi per realizzazione di motoveicoli a propulsione elettrica. La ricerca permetterà di individuare le scelte più innovative e quindi di progettare e realizzare un telaio finalizzato al massimo risparmio di peso e con capacità di adattarsi alle diverse esigenze e specifiche imposte dal costruttore. In particolare verranno individuate soluzioni al problema legato alla difficolta nella riconfigurazione di un telaio una volta che questo è stato progettato e prodotto, con inevitabili ripercussioni in tutte le scelte successive di riprogettazione che devono spesso rassegnarsi a una logica di adattamento/compromesso, e difficilmente alla scelta della soluzione ottimale. La multifunzionalità del telaio permetterà, infine, di poter demandare molte delle funzioni attualmente assolte da elementi esterni ed assemblati, direttamente al telaio stesso.

Finalità: Il progetto ha l’obiettivo di mettere a disposizione dei produttori di motoveicoli, e delle imprese impegnate nella filiera, soluzioni tecniche e tecnologiche avanzate ed integrate, al fine di rendere più competitiva la progettazione e la realizzazione di motoveicoli elettrici. In particolare, si studieranno e si svilupperanno tecnologie e processi innovatiti atti a migliorare le prestazioni del motoveicolo in termini di leggerezza, longevità ed efficienza energetica migliorando la competitività sul mercato delle attuali soluzioni di mobilità elettrica su due ruote. Infine, sarà oggetto della ricerca lo sviluppo di in un cloud che gestisca le informazioni di processo provenienti da diverse aziende della filiera, integrandole con i dati di diagnostica del componente in esercizio. Tale sistema fornirà sia ai produttori che ai progettisti informazioni utili al miglioramento continuo del prodotto.
Partner:

  • Advanced Technology Solutions SrL,
  • SAI (Servizi Ausiliari per l’industria e le comunità) SrL

Contributo totale del progetto: € 651.212,50
Data inizio: 01.09.2020
Data fine: 28.02.2023

POR FESR OPTIMA Giannini

 

TIRISICO – Tecnologie Innovative per la riduzione del RIschio Sismico delle COstruzioni

POR FESR logo Tirisico

 

Ente erogante il finanziamento: Fondi PorFESR Regione Emilia Romagna
Responsabile scientifico (dell’unità UNICUSANO): Prof. Barbara Ferracuti

Staff: Ing. Maria Zucconi, Ing. Stefania Imperatore, Ing. Valentina Tomei, Ing. Antonio Sandoli
Data inizio: Giugno 2017
Data fine: Giugno 2019
Descrizione progetto: Il Progetto TIRISICO ha come obiettivo lo sviluppo e la validazione di soluzioni costruttive per ridurre il danneggiamento complessivo degli edifici soggetti all’azione sismica. Le attività del partner UNICUSANO si concentrano sullo sviluppo di modelli numerici non lineari di pareti in Legno (XLAM) con sistema di ricentraggio quando soggetti ad azioni sismiche.
Partner:

  • CIRI EC Università di Bologna (Coordinatore),
  • EN&TECH Università di Modena e Reggio Emilia, TekneHub (Laboratorio del Tecnopolo di Ferrara)
  • Università degli Studi Niccolò Cusano (Università Telematica Roma)
  • Consorzio RI.COS.

link: http://www.tirisico.it/

POR FESR TIRISICO Ferracuti

 

CRANIMA - Impianti a base di compositi innovativi per applicazioni in CRANIoplastica: dall’elaborazione delle immagini tomografiche alla realizzazione del prototipo mediante Manifattura Additiva

POR FESR loghi

 

Ente erogante il finanziamento: Fondi POR FESR 2014-2020 - RIPOSIZIONAMENTO COMPETITIVO - FASE II - AVVISO n. 4 – KETs – tecnologie abilitanti
Responsabile scientifico (dell'unità UNICUSANO): Prof. Ilaria Cacciotti

Descrizione: Il Progetto si pone l'obiettivo di affrontare e risolvere un problema di attualità altamente sentito da parte delle strutture sanitarie per quanto riguarda il settore della cranioplastica custom made (paziente-specifica). Strutture sanitarie di rilievo (tra queste: Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini, Policlinico Agostino Gemelli) hanno evidenziato come la disponibilità in tempi rapidi di protesi craniche (in seguito a traumi, ferite perforanti, craniectomie decompressive, resezioni di tumori, patologie degenerative, malformazioni congenite) sia, allo stato attuale, scarsa e insoddisfacente. Nasce quindi la necessità di dare vita a una filiera completa di progettazione e produzione di protesi craniche con radici nel territorio laziale, che possa sviluppare ed applicare sia le conoscenze su capacità di elaborazione grafica biomedicale, relativa alle tomografie acquisite, necessarie per ottenere il modello 3D da stampare, sia quelle relative a materiali e tecnologie avanzate, per garantire un servizio completo al settore della cranioplastica, al fine di intercettare le esigenze evidenziate dai principali Enti Sanitari del Lazio e incrementare l'impatto del settore sul sistema economico regionale. CRANIMA propone modalità innovative di elaborazione di immagine tomografica e di teleconsulto, finalizzate a ottimizzare e velocizzare la comunicazione con il neurochirurgo, a ottenere un modello 3D idoneo per la stampa, oltre a soluzioni alternative agli impianti in polimetilmetacrilato (PMMA) (identificato come materiale di elezione) attualmente impiegati, al fine di superarne i limiti, quali scarse proprietà meccaniche, mancata osteintegrazione e infiammazione. A tale scopo si ricorre a due diverse tecnologie di additive manufacturing, i.e. FDM (fused deposition modelling) e SLA (stereolitografia), alla realizzazione di impianti compositi biomimetici, al fine di simulare composizione e proprietà del tessuto osseo, e caricati con opportuni antinfiammatori/antibiotici per evitare/ contenere la risposta infiammatoria. L’impianto finale è integrato con un sensore miniaturizzato, finalizzato a un monitoraggio del decorso postoperatorio del paziente, mediante un’interfaccia  wireless.Come evidente nelle finalità proprie delle attività in oggetto, le attività proposte sono perfettamente coerenti con la “Smart Specialisation Strategy” regionale il tutto con particolare riferimento all’asse “Scienze della Vita”, relativamente a due dei quattro comparti produttivi (i.e. “biomedicale/dispositivi medici”, “informatica applicata alla biomedicina ed ai servizi di assistenza socio-sanitaria”). Importante sottolineare l’interdisciplinarietà delle attività previste che contemplate la totalità delle Key Enabling Technologies (Biotech, ICT, Nanotecnologie e Materiali Avanzati, Fabbricazione e micro-nanoelettronica).

Partners

  • 2 Aziende: Gelco S.p.A. e Sentech S.r.l.
  • 2 Organismi di Ricerca: Università di Roma Niccolò Cusano, Università Cattolica del Sacro Cuore

Pubblicazioni relative al progetto

  • Luca Lazzarini, Valerio Papa and Ilaria Cacciotti, Innovative and osteoconductive composite cranial implants by fused deposition model technique, Congresso Nazionale Biomateriali 2019 (SIB 2019), 05-07 June 2019, Centro Residenziale e Studi (CRS) della Scuola Nazionale dell'Amministrazione (SNA), Caserta, Italy.
  • Luca Lazzarini, Valerio Papa and Ilaria Cacciotti, Design of a novel composite 3D printed cranial implant: an innovative promising strategy, XV AIMAT NATIONAL CONFERENCE- XII INSTM NATIONAL CONFERENCE 2019, 21sr-24th July 2019, Hotel Continental Terme, Ischia Porto (Na)-Italy.
  • Gianpiero  Tamburrini,  Marta  Barba.,  Lorena  Di  Pietro,  Luca  Lazzarini,  Giuseppina  Nocca,  Paolo  Frassanito,  Alessandro  Arcovito,  Ilaria  Cacciotti,  Wanda  Lattanzi,  'Characterization  of  calvarial  stem  cells  toward  the  optimization  of  cranioplastic strategies', 47th Annual Meeting of the International Society for Pediatric Neurosurgery (ISPN 2019), 20-24 October 2019, Birmingham, UK.

TESTER - TrasduttorE di pressione con membrana in Sic e diamanTE sintetico ad elevate pRestazioni

POR FESR loghi

 

Ente erogante il finanziamento: Fondi POR FESR 2014-2020 - RIPOSIZIONAMENTO COMPETITIVO - FASE II - AVVISO n. 4 – KETs – tecnologie abilitanti
Responsabile scientifico (dell'unità UNICUSANO): prof. Stefano Guarino

Descrizione: Il progetto prevede la progettazione e la realizzazione di un innovativo trasduttore di pressione in grado di lavorare in condizioni ambientali estreme (alta pressione, alta temperatura e ambienti chimicamente aggressivi), attraverso l’utilizzo di materiali innovativi, quali il carburo di silicio (SiC) e il diamante-CVD. L’output di progetto è rivolto al mercato al mercato della componentistica avanzata destinata al controllo e alla gestione di sistemi industriali e dei motori a combustione interna (m.c.i.) ai fini della ottimizzazione delle prestazioni e della riduzione dei consumi.

Finalità:
L’obiettivo principale del progetto di ricerca è l’acquisizione di conoscenze avanzate sulle tecnologie di lavorazione del diamante e SiC idonee alla progettazione di nuove geometrie che altrimenti non potrebbero essere realizzate (se non con molte difficoltà). Il processo di lavorazione così ridisegnato costituisce un importante valore aggiunto, oltre che per EDA Industries S.p.A., per le aziende operanti in settori in cui la nuova tecnologia può trovare impiego, potendo così, anche questeultime, acquisire maggiore competitivitàIn questo ambito, da almeno due decenni, lo studio di molti centri di ricerca si è orientato verso l’impiego di questi duemateriali semiconduttori ad ampio gap, estremamente duri e chimicamente inerti. Questi, infatti, possiedono eccellentiproprietà chimico-fisiche che li rendono ideali per la realizzazione sia di dispositivi elettronici attivi e passivi, sia dicomponenti meccanici di dimensioni anche micrometriche (MEMS). Tra le loro proprietà chimico-fisiche, il carico dirottura elevato, l'elevata rigidezza meccanica, l'alta conducibilità termica, l'alta temperatura di lavoro e l'alta resistenzachimica ad agenti chimici aggressivi, rendono il diamante-CVD e il SiC i principali candidati per la realizzazione disensori. Purtroppo, se da un lato queste proprietà meccaniche e termiche sono un vantaggio per il prodotto finito,dall’altro rappresentano un ostacolo alla lavorazione del materiale che risulta estremamente complessa, costosa e timeconsuming.Il principale valore aggiunto delle attività in oggetto è, pertanto, la definizione, lo studio e lo sviluppo di processi dilavorazione di diamante e SiC idonei alla produzione di membrane utilizzabili per la realizzazione di sensori che sianoindustrialmente sostenibili.Per le loro caratteristiche, questi materiali hanno avuto negli ultimi anni una domanda crescente in numeroseapplicazioni in diversi settori del mondo industriale: industria chimica e petrolchimica, industria meccanica, automotive(auto, diesel), aerospazio, energia (produzione, oil & gas, etc.) e ambiente (sistemi HVAC), rappresentano solo alcuniesempi concreti.Le attività progettuali sono realizzate dall’Associazione Temporanea di Scopo in effettiva collaborazione costituita da EDA Industries S.p.A. e Università Nicolò Cusano - Telematica Roma.