Diritto e religioni: Summer school ad Arpino

Giovedì, 07 Settembre 2017
  • Luogo dell'evento: ore 11.00 | Fondazione Mastroianni
  • Indirizzo: Castello Ladislao - Arpino

Nella prestigiosa sede di Castello Ladislao, presso la Fondazione Mastroianni, ad Arpino avrà luogo la terza edizione della Scuola Estiva Arpinate, promossa dall'Università Niccolò Cusano, con l'Università della Magna Graecia e l'Università di Cassino e del Lazio Meridionale. I lavori inizieranno con una relazione del prof. Carlo Cardia, sul tema "Religione dignità umana nell'epoca della globalizzazione", giovedì 7 settembre alle ore 11.00. I lavori continueranno il pomeriggio di giovedì (ore 16-19) , l'intera giornata di venerdì 8 settembre (ore 10.00-13.00/16.00-19.00) e la mattinata di sabato ( 10.00-13.00). All'iniziativa parteciperanno 15 docenti provenienti da tre diverse nazioni e 25 borsisti, ma l'ingresso ai lavori è aperto a tutti gli interessati.

"Il tema della scuola -ci ha detto il coordinatore dell'iniziativa, il prof. Enrico Ferri- è aperto a molteplici prospettive. Diverse relatori, come David Mc Lellan, Francisco J.Ansuátegui e Marco Cossutta, si soffermeranno, ad esempio, sulla difficoltà di separare diritto, politica e religione. Tutti e tre, infatti pretendono di regolare la vita degli individui, ma spesso i loro principii non sono compatibili".

In contesti come quelli islamici, il diritto è considerato una derivazione della religione e non può non essere in linea con il dettato della rivelazione, mentre nel contesto occidentale il diritto ha una dimensione laica, che deriva dagli accordi tra gli individui in base a criteri di affinità e di interesse. Tra i relatori ci sarà anche l'imam Roberto Hamza Piccardo, personaggio di spicco della comunità islamica italiana, per ricordare che "I musulmani d'Italia si aspettano il riconoscimento reale in quanto cittadini (900 mila circa) e residenti (1.600.00) dei diritti previsti dalla Costituzione e dalle leggi dello stato, fondamentalmente il diritto di culto, come la costruzione delle moschee, l'istruzione religiosa, il riconoscimento delle due festività più importanti, il Ramadan e la festa del sacrificio".

Per un altro verso, il prof. Ansuátegui, dell'Università Carlos III, presente all'iniziativa, ha più volte ricordato che "Il modo migliore per rispondere al terrorismo islamico è quello di mantenere i nervi saldi, nel rispetto delle regole e delle garanzie democratiche".
Non mancheranno gli argomenti di discussione in quest'edizione della scuola estiva arpinate, patrocinata dall'Istituto internazionale Jacques Maritain, dalla Città di Arpino e dalla Fondazione Mastroianni.

Segreteria organizzativa e Ufficio stampa dott.ssa Marianna Bove 338.4577127

scarica la locandina