Giulia Rinaldi a Vitoria-Gasteiz nei Paesi Baschi

  • Erasmus all'Università de País Vasco

Ciao, sono Giulia Rinaldi, ho 23 anni e sono stata una studentessa dell’Università Niccolò Cusano dove ho conseguito la laurea in Economia Aziendale. L’Unicusano mi ha dato la grande opportunità di sostenere i miei ultimi esami in Erasmus.

Ho preso la decisione di partire per l’Erasmus in modo molto particolare!  Parlando con delle persone in facoltà mi è venuto in mente di provare a fare domanda per il bando. Avevo pochissime aspettative, ma ho inviato ugualmente la mia candidatura.

Il momento in cui ho scoperto di essere stata presa, rimarrà sempre impresso nella mia mente. Una sera d’estate mentre passeggiavo per Roma, la mia città, ho ricevuto una mail dell’Università che mi comunicava che di essere rientrata nella graduatoria del progetto Erasmus+. Ero davvero incredula, così tanto da dover far leggere la mail anche a una mia amica per realizzare che fosse tutto vero!

Non mi sono lasciata sfuggire l’occasione, quindi ho deciso su due piedi di partire, senza sapere per dove e quando. Nei giorni successivi, ho contattato l’ufficio Erasmus e mi sono informata su tutte le procedure necessarie per la partecipazione al progetto. La mia preferenza tra le mete possibili, era ricaduta sulla Spagna e difatti i miei desideri sono stati esauditi. A settembre ho partecipato alla riunione delle partenze e solo poche settimane dopo sono partita per Vitoria-Gasteiz nei Paesi Baschi. Non conoscevo bene la mia destinazione, ma certamente è stata un’esperienza a dir poco bellissima, emozionante e che mi ha dato tanto.

L’Universidad de País Vasco è stata molto accogliente con me, tutto il sistema dell’istruzione nei Paesi Baschi è parecchio differente dal nostro e mi sono trovata benissimo! La città è molto bella, piccola, ordinata, pulita e gli abitanti del posto sono piacevoli e cordiali. È stato facile stringere rapporti di amicizia e di fiducia con le persone della città e altri studenti Erasmus come me. Le mie giornate in Erasmus erano molto piene. La mattina avevo lezione e poi rimanevo in facoltà a studiare. Ho frequentato il centro sportivo dell’università e partecipato alle feste, gite ed eventi vari organizzati dal gruppo Erasmus ESN. Uno dei migliori aspetti dell’esperienza è aver avuto la possibilità di imparare lo Spagnolo. L’Erasmus mi ha formata anche sotto il punto di vista personale, ho imparato ad apprezzare le persone del luogo, la loro grande educazione e il loro forte rispetto per la città in cui vivono. Il rapporto tra studenti e professori, nei Paesi Baschi è decisamente informale, questo mi ha davvero stupita e colpita positivamente.

Consiglio e continuerò a consigliare a tutti di partecipare al programma Erasmus.