Affiliate manager: chi è, di cosa si occupa e come diventarlo

affiliate manager

La diffusione di internet e la conseguente possibilità di promuovere e commercializzare prodotti e servizi online ha determinato la nascita di nuove figure professionali, tra le quali l’affiliate manager.

L’elevata competitività del mercato e la globalizzazione che caratterizza ogni singolo settore rendono necessarie, oggi più che mai, efficaci strategie per incrementare le vendite.

Internet rappresenta in tal senso lo strumento ideale per intercettare la potenziale clientela.
Gli strumenti e le funzionalità messe a disposizione dalla Rete consentono di raggiungere rapidamente un ampio bacino di utenti e di ampliare le opportunità di business. 

Che cos’è l’affiliate marketing

Attualmente tra le strategie più utilizzate per incrementare le vendite figura l’affiliate marketing, le cui potenzialità vengono sfruttate da numerose aziende, molte delle quali considerate ‘colossi’ delle vendite online.

Ma cos’è esattamente l’affiliation marketing?

Scopriamolo insieme partendo dalla definizione fornita dal sito della Treccani, che riportiamo di seguito:

“Strumento di marketing basato su accordi commerciali che prevedono la pubblicazione di annunci pubblicitari da parte di un inserzionista sul sito web di un affiliato, in cambio di un compenso commisurato ai risultati.”

L’attività coinvolge tre parti:

  • Advertiser: l’azienda, il commerciante o l’imprenditore che offre il prodotto.
  • Publisher: l’affiliato, ovvero colui il quale promuove/vende il prodotto attraverso i propri canali.
  • Cliente finale: colui il quale acquista il prodotto online.

Il principale vantaggio per le aziende si concretizza in una più ampia promozione online, e quindi in un incremento delle vendite.
Chi svolge l’attività di affiliate marketing ottiene invece un ritorno economico, ovvero un guadagno.

I prodotti oggetto di promozione, a seconda del settore nel quale decide di inserirsi l’affiliato, possono essere beni materiali oppure beni immateriali.

In pratica, l’affiliato svolge attività di promozione per prodotti forniti da terzi; un’attività per la quale riceve una commissione.

Il calcolo della commissione, a seconda del tipo di programma di affiliazione, può essere effettuato sul totale del venduto, sui lead oppure sui click.

Il tradizionale programma di affiliazione prevede il pagamento per vendita.
L’affiliato, in tal caso, riceve una commissione calcolata sulle vendite generate dalla sua attività di promozione.

Il pagamento per lead (pay per lead) prevede una commissione calcolata sul lead, ovvero sulla finalizzazione di un’azione, stabilita dal programma di affiliazione, che può essere ad esempio l’iscrizione ad una newsletter oppure la compilazione di un modulo.

Il pagamento per click si basa sul numero dei click effettuati dagli utenti reindirizzati sul sito dell’advertiser attraverso i canali dell’advertiser.

L’affiliation marketing è reso possibile da una piattaforma, ossia lo strumento attraverso il quale vengono tracciate le vendite, i lead e i click provenienti dal link dell’affiliato, e che permette di gestire tutte le operazioni relative a pagamenti e commissioni.

Tra le piattaforme di affiliazione più conosciute figura quella di Amazon, che analizzeremo dettagliatamente nel paragrafo che segue.

La piattaforma affiliate di Amazon: come funziona

Il programma di affiliate marketing di Amazon è tra i più grandi e importanti al mondo.

Attraverso l’utilizzo di strumenti personalizzati per la creazioni di link l’affiliato ha la possibilità di reindirizzare il proprio pubblico verso il sito Amazon, ovvero verso l’acquisto di prodotti e/o la finalizzazione di una particolare azione.
Ogni iscrizione o acquisto idonei generano un guadagno.

Il programma Amazon permette di guadagnare percentuali di commissioni, calcolate sulle vendite, che arrivano fino al 12%.

Le commissioni variano in base alla categoria dei prodotti.

Differenze tra affiliate marketing e referral marketing

A questo punto è d’obbligo una precisazione rivolta a chiarire la confusione che spesso si genera intorno a due concetti apparentemente uguali: il concetto di ‘affiliation marketing’ e quello di ‘referral marketing’.

Nel linguaggio comune, soprattutto tra i non addetti ai lavori, vengono utilizzati indistintamente, come sinonimi l’uno dell’altro.

In realtà l’affiliate marketing riconosce una percetuale in denaro a chi promuove e/o vende prodotti di terzi; il referral marketing riconosce sconti e promozioni.

Un’altra differenza è nella clientela; nel primo caso i clienti sono utenti sconosciuti che visualizzano il messaggio pubblicitario ed eventualmente decidono di finalizzare l’acquisito.
Nel caso del referral chi porta clienti è a sua volta un cliente, il quale parla del prodotto/servizio acquistato con parenti, amici e conoscenti; si tratta quindi di una sorta di passaparola il cui successo si basa sulla fiducia.

affiliate marketing
Credits: mindscanner/ Depositphotos.com

Affiliate manager: cosa fa

L’affiliate marketing è un metodo per generare le cosiddette ‘rendite passive’.
Può essere gestito in maniera amatoriale, ad esempio per arrotondare con qualche entrata extra, oppure può diventare un vero e proprio lavoro.

Lo sviluppo e il successo dell’attività in oggetto ha determinato la nascita di un profilo preposto alla gestione professionale di tutto ciò che riguarda l’affiliazione: l’affiliate manager.

Si tratta di una figura ricercatissima dalle aziende che intendono puntare su programmi di affiliazione per aumentare la visibilità e il business online.

In linea generale l’affiliato può essere un influencer, uno youtuber o un qualsasi altro content creator con un discreto numero di follower.
Può anche essere ‘semplicemente’ il titolare di uno spazio web atto ad ospitare annunci, in quanto l’obiettivo principale è vendere i prodotti dell’azienda con la quale è affiliato.

Il concetto è piuttosto semplice, per cui potrebbe sembrare altrettanto semplice metterlo in pratica.
In realtà però si tratta di un’attività che richiede costanza e impegno, uniti ad un accurato lavoro di individuazione e analisi del target di riferimento (nicchia di persone accomunate dai medisimi interessi e gusti).

Cerchiamo di capire nel dettaglio cosa fa un affiliate specialist.

Partendo dal presupposto che si tratta di un profilo che guadagna sulle commissioni generate dalla vendita di prodotti di terze parti possiamo affermare che l’attività di un affiliato consiste essenzialmente nella promozione online.

L’attività si sviluppa nella creazione di contenuti persuasivi, ovvero testi, immagini e video realizzati con l’intento di convincere uno specifico target di utenti a finalizzare una determinata azione (acquisto, iscrizione o altro).

Dal punto di vista operativo il manager delle affiliazioni si occupa di stabilire, in collaborazione con la direzione aziendale, le tipologie di campagne da proporre agli affiliati ed una serie di altri dettagli come ad esempio il messaggio da trasmettere alla community, gli sconti per gli utenti, le grafiche, gli hashtag e i titoli delle campagne.

Tra le sue mansioni rientra la gestione dei contatti con gli influencer e il monitoraggio di tutto ciò che li riguarda post, stories e l’andamento delle campagne.
L’affiliate manager deve quindi controllare che tutti i punti dei relativi contratti vengano rispettati.

Il professionista in questione si occupa inoltre di individuare nuovi affiliati al fine di ampliare la campagna di affiliate marketing.

Il marketing affiliato determina per chi svolge l’attività una serie di vantaggi.
Non dovendo acquistare i prodotti, disporre di un magazzino, gestire inventari, seguire le spedizioni e occuparsi del servizio clienti, l’affiliate specialist non si assume rischi economici.

Requisiti e competenze per lavorare come affiliate marketer

Per chi sceglie di svolgere l’attività in maniera professionale, ovvero per chi ambisce a diventare affiliate marketing manager, è fondamentale acquisire conoscenze e competenze afferenti il mondo del digital marketing, ma non solo…
Il ruolo richiede anche una serie di requisiti e attitudini personali.

Capacità e doti personali

Un professionista deve possedere ottime doti comunicative e interpersonali, indispensabili per gestire la contrattazione con gli affiliati dell’azienda.

L’affiliate manager è una persona creativa e precisa, in possesso di doti organizzative, di coordinamento e problem solving.

Conoscenze di marketing online

La conoscenza degli strumenti del marketing digitale e del relativo funzionamento è fondamentale per poter diventare un professionista dell’affiliate marketing.

La SEO e le dinamiche che regolano il funzionamento dei motori di ricerca e delle SERP rientrano tra le conoscenze indispensabili per realizzare strategie di promozione efficaci e vincenti.

E-mail marketing, pay per click e content marketing rientrano tra le altre competenze essenziali per poter ricoprire il ruolo di affiliate manager.

Conoscenza dei social

I social network rappresentano strumenti essenziali per l’attività di affiliazione.

Il social media marketing è una materia che qualunque manager dell’affiliazione deve padroneggiare.
Un professionista deve saper utilizzare e ottimizzare tutti gli strumenti e le potenzialità offerte dai vari Facebook e company. Deve conoscere le dinamiche che regolano il mondo social al fine di realizzare contenuti attraenti e persuasivi, in linea con il target di riferimento.

Capacità di utilizzo dei tools tecnici

Per poter gestire campagne di affiliazione il manager deve conoscere alcuni strumenti tecnici essenziali.

Deve saper utilizzare Office, con particolare riferimento ad Excel.
Deve conoscere le basi del linguaggio di programmazione HTML e deve essere in grado di utilizzare i principali strumenti di analisi dell’andamento delle campagne pubblicitarie.

Per chi ha già conseguito un titolo di laurea il percorso più idoneo è quello che passa da un corso di specializzazione tra i quali segnaliamo il master in Digital marketing attivato dall’università telematica Niccolò Cusano.

Si tratta di un corso post-laurea di primo livello, attivato in partnership con l’agenzia di marketing e comunicazione Ploomia, il cui intento è formare professionisti di altissimo profilo.

Il programma affronta una serie di argomenti legati all’impostazione di strategie vincenti e ai relativi strumenti per realizzarle.

Tra gli argomenti approfonditi la SEO, la link building, il Search Engine Marketing, il programmatic advertising, il social media marketing, il content marketing, l’influencer marketing e lo strumento Analytics.

Per quanto riguarda l’aspetto economico, il master prevede un costo pari a 2.700,00 euro.
Per chi ha conseguito la laurea da meno di 24 mesi e per chi si è laureato presso l’Unicusano è prevista una quota di iscrizione ridotta pari a 2.500,00 euro.

L’esperienza sul campo rimane comunque il requisito che consente di crescere e fare carriera.

Ora sai come entrare nel mondo dell’affiliate marketing e sai come iniziare a muovere i primi passi.

Se desideri ricevere ulteriori info e dettagli sul master online Unicusano puoi contattare il nostro staff attraverso il form che trovi cliccando qui!

Credits: Wavebreakmedia / Depositphotos.com