Crediti NPL: definizione e significato

crediti npl

Nell’ambito del sistema bancario nazionale ed internazionale si sente spesso parlare di crediti NPL, ovvero di crediti deteriorati, una problematica che affligge le banche ma che ha ripercussioni su tutta l’economia nazionale.

In realtà sarebbe più corretto dire che l’elevato stock di NPL identifica una situazione economica avversa, che ha origine nel periodo di recessione iniziato nel 2008.
La scarsa liquidità del mercato secondario e l’inefficienza dei processi giudiziari per ciò che concerne le tempistiche per il recupero dei crediti hanno ulteriormente peggiorato la situazione.

Oggi il management di portafogli di esposizioni problematiche è una professione vera e propria, svolta da profili esperti in diritto bancario e in possesso di specializzazioni relative al mercato dei crediti deteriorati.

NPL – Crediti non performing: definizione e caratteristiche

Prima di addentrarci nell’ambito dei Non Performing Loans, dei crediti deteriorati netti, delle deifinizioni e delle relative caratteristiche è necessario fare un piccolo passo indietro in quella che identifica la macrocategoria in cui si inseriscono gli NPL.

La macro-categoria in questione viene indicata con un altro acronimo, NPE, che identifica i Non Performing Exposures.
Si tratta delle esposizioni creditizie deteriorate, per le quali la Banca d’Italia, nel 2008, ha stabilito la seguente classificazione:

  • Esposizioni scadute (PD – Past Due)
  • Inadempienze probabili (UTP – Unlikely To Pay)
  • Sofferenze (NPL – Non Performing Loans)

 Analizziamole brevemente nel dettaglio.

Nella categoria Past Due (esposizioni scadute e/o sconfinanti) rientrano le esposizioni per cassa, diverse dalle sofferenze, e le inadempienze che alla data della segnalazione risultano scadute o sconfinanti da oltre 90 giorni.

Nella categoria Unlikely To Pay (inadempienze probabili) rientrano le esposizioni per le quali, secondo il giudizio della banca, è improbabile l’adempimento integrale delle obbligazioni creditizie da parte del debitore senza il ricorso a particolari azioni.

Passiamo quindi all’argomento oggetto di approfondimento di questo post: gli npl, al significato e alle caratteristiche.

NPL cosa sono nello specifico?
In parole semplici potremmo dire che si tratta di crediti, vantati dalle banche, che i debitori non sono più in grado di pagare.

Nel linguaggio bancario vengono chiamati anche prestiti non performanti, ovvero crediti deteriorati o crediti inesigibili; includono mutui, finanziamenti e prestiti per i quali la riscossione è incerta, sia in termini di rispetto della scadenza e sia rispetto alla somma.
Il non adempimento può riguardare il capitale oppure gli interessi; o anche entrambi.

Si tratta quindi di esposizioni verso soggetti in stato di insolvenza (o condizioni equiparabili).

I crediti deteriorati limitano la capacità delle banche di erogare nuovi prestiti, per cui comportano ripercussioni negative sulla redditività e la solidità dell’ente creditizio stesso.
Tali ripercussioni si riversano anche su altri settori dell’economia del Paese, ostacolando lo sviluppo e l’occupazione.

Le origini dei Non Performing Credit e la situazione degli NPL in Italia

Dopo aver parlato in generale dei crediti NPL, della definizione e di quelle che sono le peculiarità cerchiamo di capire l’origine delle ‘Sofferenze’.

I crediti non performing vengono determinati dalla difficoltà economica di persone e imprese, le quali si ritrovano in condizioni finanziarie tali per le quali non sono più in grado di assolvere gli obblighi relativi ai prestiti ricevuti.

Come accenato in precedenza, gli NPL rappresentano un problema per la banca, per la sua stessa solidità.
Allo stesso tempo un elevato numero di crediti deteriorati può rappresentare una minaccia seria per l’economia dell’intero Paese.

L’ente creditizio è sottoposto ad una serie di vincoli che fanno riferimento al bilancio, alla redditività e al capitale; vincoli che la banca rischia di non rispettare proprio a causa dei non performing loans.

Cerchiamo di comprendere meglio il discorso attraverso qualche dato numerico.

Per rendere un’idea della situazione, nel 2017 in Italia l’ammontare dei crediti deteriorati era pari a 297 miliardi, ovvero il 37% del totale europeo.
I dati forniti dalla Banca d’Italia erano basati sulla seguente ripartizione:

  • 189 miliardi: sofferenze
  • 102 miliardi: inadempienze probabili
  • 6 miliardi: crediti scaduti

I numeri sopra riportati, per quanto possano identificare cifre enormi, mostrano un netto miglioramento, ovvero una diminuzione rispetto al picco del 2015 (circa 340 miliardi di euro).

L’aumento progressivo dei crediti deteriorati è attribuita alla fase di recessione del secondo dopoguerra; una fase che a partire dalla fine del 2008 ha gravemente danneggiato l’economia italiana; una fase dalla quale il nostro Paese ancora non è riuscito ad uscirne completamente.

Ad aggravare ulteriormente la situazione le pratiche npl, le lungaggini della giustizia e della burocrazia che determinano tempi altrettanto lunghi per il recupero dei crediti.

Tra i fattori che hanno influito negativamente sul settore NPL anche il bid-ask spread, ovvero la differenza tra i prezzi di vendita dei crediti deteriorati, fissati dalle banche, e i prezzi ai quali gli operatori specializzati erano disposti ad acquistare quegli stessi crediti.
C’è da dire che, alla luce di una situazione tutt’altro che semplice per gli npl delle banche, nel 2015 il governo ha attuato una serie di riforme finalizzate ad accorciare le tempistiche e a snellire le procedure relative ad alcune operazioni, quali adesempio le esecuzioni immobiliari e i fallimenti.

Credits: Vladru / Depositphotos.com

Specializzarsi nella gestione dei crediti deteriorati

I crediti deteriorati rappresentano un ramo del diritto bancario, per la cui gestione sono richiesti profili qualificati e specializzati.
Come accennato nel corso del paragrafo introduttivo la gestione dei portafogli di esposizioni problematiche rappresenta una priorità per ogni istituto bancario.
Si rende quindi necessario un management efficace e professionale,

Con l’obiettivo di rispondere a qualsiasi esigenza di specializzazione l’università telematica Niccolò Cusano ha attivato il master in ‘I crediti deteriorati di origine bancaria gli NPL’.

Si tratta di un corso post-laurea di secondo livello, erogato in partnership didattica con Unicor NPL, rivolto a chi intende specializzarsi in diritto bancario, e più in particolare nella gestione dei crediti deteriorati.

Il programma di studi del master mira a fornire gli strumenti e le conoscenze necessari per gestire con profitto un portafogli di esposizioni problematiche.
Gli argomenti affrontati consentono di acquisire un know how attuale e approfondito, spendibile nell’ambito della valutazione degli investimenti finanziari e immobiliari.

Al termine del master i corsisti avranno acquisito una serie di conoscenze di natura economica e giuridica, integrate da approfondimenti che riguardano l’estimo immobiliare e la gestione delle basi di dati.

Il percorso di specializzazione è altrettanto indicato per le aziende che operano nel settore, interessate ad investire sulla formazione dei propri dipendenti e collaboratori.

Ecco di seguito qualche info in più in merito agli argomenti approfonditi:

  • Elementi di diritto civile sul credito
  • Tecnica bancaria in relazione ai crediti deteriorati
  • La circolazione del credito – gli operatori del settore
  • L’acquisto del credito – La due diligence
  • L’acquisto del credito – Negoziazione e contrattualistica
  • La tutela giudiziale del credito
  • L’attività di management
  • Investire negli NPL a single name
  • Le anomalie e casistiche particolari

Nell’ambito del programma sono previsti numerosi laboratori, ovvero simulazioni di casistiche pratiche che consentono al corsista di approcciarsi operativamente al settore, di mettere in atto la teoria  e di acquisire una buona padronanza degli strumenti e delle metodologie utilizzate nel campo del management dei crediti deteriorati.

Il master ha un costo di 8.000 euro da corrispondere in 5 rate.
Per i laureati Unicusano, per i laureati da meno di 24 mesi e per tutti i laureati nelle facoltà di Giurisprudenza e di Economia è prevista una quota di iscrizione ridotta pari a 7.500 euro.

Se desideri ricevere ulteriori info e dettagli sul master online Unicusano non esitare a contattarci attraverso il form che trovi cliccando qui!

Credits: ashatuvango / Depositphotos.com