Master | 02 Settembre 2022
Tipologie di HR: quante ne esistono e quali sono?

Tipologie di HR: quante ne esistono e quali sono?

L’ambito professionale delle risorse umane offre opportunità lavorative che si concretizzano in numerosi settori del mercato; cerchiamo quindi di capire a quali tipologie di HR si rivolgono le offerte di lavoro e quali sono i requisiti per candidarsi.

Se consideriamo tutti gli aspetti che afferiscono alle human resources è facile comprendere la vastità del campo nel quale opera un profilo esperto in gestione delle risorse umane: da quelli amministrativi a quelli organizzativi fino ad arrivare alla selezione e alla formazione, la gestione dei vari elementi che riguardano il personale richiede profili qualificati e specializzati.

L’evoluzione degli spetti normativi, tecnici e operativi determina l’esigenza di professionalità aggiornate, in possesso di un know how attuale.

Nel corso dei prossimi paragrafi parleremo dell’HR specialist, del significato del termine e delle varie tipologie di professionisti.

Chi è l’HR specialist e cosa fa

Prima di addentrarci nel cuore della professionalità è d’obbligo una breve premessa per capire cosa si intende per risorse umane.

Il termine indica l’insieme delle professionalità che lavorano per un’azienda, per cui include sia i dipendenti e sia i collaboratori esterni.

L’HR specialist è il profilo preposto alla gestione delle risorse umane, un’attività per la quale Wikipedia riporta la seguente definizione:

“La gestione delle risorse umane (dall’inglese Human Resources Management) è una funzione aziendale che riguarda la gestione del personale nel suo più vasto significato.”

Per comprendere meglio la professionalità, ovvero per capire cosa fa un HR specialist abbiamo sintetizzato le principali mansioni nel seguente elenco:

  • Ricerca e selezione del personale: analisi dei curriculum e gestione dei colloqui con i candidati
  • Assunzione del personale: gestione delle assunzioni e definizione delle tipologie di rapporti di lavoro
  • Gestione delle relazioni tra l’azienda e le risorse umane: gestione buste paga, ferie, malattie, permessi, infortuni e licenziamenti
  • Formazione del personale: organizzazione e gestione di percorsi formativi impostati sulle esigenze aziendali

Tipologie di HR

A seconda del ruolo che svolge, l’HR specialist può essere inserito in una delle categorie che ne definiscono le mansioni.
Ad oggi si individuano 3 macro-categorie di addetti HR e una serie di altre micro-categorie.

Partiamo dalle principali analizzando nel dettaglio il focus intorno al quale ruota l’attività svolta.

Recruiter

Il recruiter è il profilo che si occupa della selezione del personale.
Conosciuto anche come HR specialist o addetto alla selezione, il recruiter svolge mansioni che partono dall’impostazione della job description per arrivare alla ricerca del personale e ai colloqui con i candidati.

HR recruiter ha un significato piuttosto generico legato alle varie fasi di selezione.
Volendo essere precisi per ciò che riguarda la terminologia relativa alle varie tipologie di HR specialist, nell’ambito del processo di selezione rientrano gli headhunter, letteralmente ‘cacciatori di teste’.
Si tratta in pratica di selezionatori che gestiscono la ricerca e la selezione di professionalità specifiche, destinate a ricoprire ruoli di responsabilità; in altre parole ruoli di tipo manageriale.

HR Trainer

L’HR trainer è il responsabile della formazione, ovvero colui il quale si occupa di formare i dipendenti e di incentivarne la crescita professionale.

Nel dettaglio, il formatore elabora percorsi finalizzati a migliorare e ottimizzare le attività delle risorse umane, in linea con quelle che sono le esigenze e gli obiettivi dell’azienda.
Corsi, lezioni, conferenze e workshop tendono a sviluppare sia le competenze tecniche e sia le capacità personali, ovvero le cosiddette ‘soft skills’ (leadership, comunicazione, problem solving, lavoro in team, organizzazione ecc.).

Oltre a definire strumenti e metodologie formative, il trainer si occupa anche del monitoraggio dei risultati ottenuti, al fine di individuare gli eventuali aspetti da correggere.

Tra gli aspetti formativi gestiti da un trainer rientra anche la sicurezza sul lavoro.

HR Payroll

HR payroll è detto anche addetto alle buste paga, o HR administration.
Si tratta in pratica del professionista che si occupa della gestione degli aspetti burocratici relativi alla stipula di contratti, alle buste paga, agli stipendi, alle turnazioni.
In altre parole svolge un ruolo assimilabile a quello del consulente del lavoro.

Altre tipologie

Le tipologie di HR specialist appena descritte rappresentano le tre principali macrocategorie nelle quali comunemente vengono suddivise le professionalità che operano nell’ambito delle Human Resources.

Esistono tuttavia altre figure specializzate, che si occupano di aspetti specifici relativi alle risorse interne di un’azienda.

È opportuno precisare che la distinzione delle professionalità è piuttosto teorica. Soltanto in alcune aziende, particolarmente strutturate e con un numero di dipendenti consistente, viene attuata a livello pratico la distinzione tra le varie tipologie di HR.

Nella maggior parte dei casi l’hr specialist è una figura ibrida che si occupa dei vari aspetti legati alle risorse umane.
Non a caso oggi si parla di HR generalist o di HR generalist administrator.

Concludiamo il discorso sui vari profili e sulle relative professionalità analizzando brevemente la figura dell’HR generalist per capire cosa fa dal punto di vista operativo?

Si tratta di un profilo che si occupa dei principali aspetti legati alle risorse umane di un’azienda, per cui gestisce sia la parte della selezione e sia la parte relativa all’amministrazione.

Lavorare nel settore HR: requisiti e formazione

Prima di spiegarti come diventare un professionista esperto in gestione HR è necessaria una breve premessa sull’attuale situazione del mercato.

Tra le richieste professionali spopola la consulenza HR.
Il settore si presenta estremamente promettente ma anche piuttosto esigente per quanto riguarda la professionalità.
Cerchiamo di capirne i motivi e come acquisire un know how allineato alle attuali esigenze del mercato.

Lavorare nelle risorse umane come HR generalist, HR specialist o HR assistant ha un significato piuttosto ampio per ciò che concerne l’operatività.

Lavorare nel campo delle Human Resources significa interagire quotidianamente con varie tipologie di profili, con personalità differenti per le quali sono necessarie una serie di attitudini da affiancare alla preparazione tecnica.

Le soft skills indispensabili per svolgere la professione sono: capacità comunicative e relazionali, doti organizzative ed empatia.
Flessibilità e multitasking sono altrettanto fondamentali per gestire le mansioni legate al personale.

Per quanto riguarda invece la formazione, il responsabile delle risorse umane deve poter contare su una preparazione multidisciplinare.

Il punto di partenza ideale è identificabile in un percorso di laurea ad indirizzo giuridico o psicologico.
Anche la laurea in economia garantisce basi idonee per intraprendere la professione.

 La specializzazione dopo il conseguimento della laurea è fondamentale per acquisire un know how specifico nell’ambito della gestione delle risorse umane.

Il mercato formativo risponde perfettamente all’esigenza di specializzazione degli aspiranti hr specialist con un’ampia proposta di corsi professionali e master di primo e secondo livello.

Tra le possibilità presenti sul mercato formativo italiano il master in ‘Gestione e amministrazione delle risorse umane’ attivato dall’Università telematica Niccolò Cusano.

Si tratta di un corso post-laurea di primo livello finalizzato a formare profili esperti nel management delle risorse umane.

Ecco in sintesi i principali argomenti approfonditi dal programma di studi:

  • Area socio organizzativa: modelli organizzativi, modelli di leadership e team building
  • Area gestione e sviluppo risorse umane: teorie e tecniche per lo sviluppo delle risorse umane (coaching, counselling, ricerca e selezione, web recruitment
  • Area formativo-didattica: modelli e tecniche della formazione, formazione continua e fondi interprofessionali
  • Area relazioni industriali e politiche retributive: evoluzione delle relazioni industriali, contrattualistica e tecniche di negoziazione

Il corso garantisce la preparazione per accedere all’area delle risorse umane di aziende, amministrazioni pubbliche e società di ricerca e consulenza.

Se sei interessato a specializzarti contatta subito il nostro staff e richiedi maggiori informazioni sul master online in ‘Gestione e amministrazione delle risorse umane’ attraverso il form che trovi cliccando qui!

Credits: scornejor / Depositphotos.com

CHIEDI INFORMAZIONI

icona link