10° anniversario Unicusano: tra tradizione e innovazione

Se fai piani per un anno semina grano, se fai piani per un decennio semina alberi, se fai piani per una vita forma ed educa persone.

Sono passati dieci anni dal giorno in cui il seme dell’ambizione di formare ed educare persone venne piantato su di un terreno annaffiato di passione, convinzione e lungimiranza. Oggi, a dieci anni di distanza, quel seme è divenuto un albero, giovane, forte, rigoglioso, dal quale, giorno dopo giorno, si sono potuti ammirare fiori e frutti di ogni genere e specie.

L’Università degli Studi Niccolò Cusano nasce il 10 di maggio del 2006 e viene legalmente riconosciuta dal Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca previo decreto ministeriale. La prima difficoltà che incontra chi decide di costruire una realtà innovativa riguarda la perfetta corrispondenza che deve esserci  tra le intenzioni che si hanno e le azioni che si compiono. Nel costruire l’Università N. Cusano ci si è sempre preoccupati di strutturare una realtà accademica seria, snella, efficace, tecnologica, perseguendo con ossessione lo scopo di far coesistere nello stesso sistema tradizione e innovazione, filosofia e tecnologia, qualità e fruibilità.

Le premesse avanguardistiche, l’e-learning e la possibilità di studiare da casa, sul proprio pc, abbattendo ostacoli millenari come son quelli rappresentati dallo spazio e dal tempo, si sono trasformate negli anni da peculiarità a valore aggiunto. Nel 2012 la sede dell’ateneo si trasferisce dal quartiere Appio-Latino a Via Don Carlo Gnocchi, dove un Campus di oltre 16 mila mq ed un parco di 6 ettari ospitano, all’interno della Riserva naturale di Monte Mario, una realtà accademica in costante evoluzione che sposa un modello di somministrazione della didattica che è una compenetrazione virtuosa di frontalità e insegnamento a distanza.

In questi 10 anni l’Unicusano, per garantire ai propri iscritti un’offerta formativa molto ricca, ha articolato la sua proposta didattica in 17 corsi di laurea suddivisi in 6 aree: Formazione, Ingegneria, Economia, Giurisprudenza, Scienze Politiche e Psicologia.

Nel campus di Roma esistono, e si distinguono per l’eccellenza dei risultati, laboratori all’avanguardia come quello afferente alla facoltà di ingegneria. Oggi, grazie anche ai continui investimenti nella ricerca ingegneristica, si può veder compiuto il progetto hi-quad, il primo veicolo ibrido realizzato dall’Ateneo in collaborazione con altri partner accademici e industriali. Altro fiore all’occhiello è il laboratorio di ricerca medico-scientifica che sviluppa le linee guida dettate dalla Fondazione Università Niccolò Cusano per la ricerca medico-scientifica, operante nel campo bio-medico e diagnostico, allo scopo di divulgare i risultati degli studi.

Al di là delle tante parole che possono inquadrare e tratteggiare un percorso che può essere definito un cammino di successo e soddisfazione nel campo dell’alta formazione, sono per lo più i numeri, in questo 10° anniversario di Unicusano, a dare la dimensione delle imprese che si compiono: oltre 18 mila studenti, 70 center su tutto il territorio nazionale, oltre 40 sedi d’esame in Italia, nel breve spazio di dieci anni. E poi la centralità dello studente, l’importanza dei giovani che vanno accompagnati nel loro cammino di formazione e per i quali sono stati strutturati, anno dopo anno, progetti ed iniziative come Radio Cusano Campus, l’emittente radiofonica dell’Ateneo, che ha portato la cultura in FM e in streaming e che punta a coinvolgere sempre più le giovani menti dell’università. Tanti anche gli strumenti messi a disposizione dei ragazzi: UNITEST, grazie al quale gli studenti possono svolgere un test d’orientamento interattivo, JOBTEST che è lo strumento per aiutare a scoprire qual è il lavoro più affine alle proprie inclinazioni oppure QUIZZO, l’applicazione gratuita per smartphone che offre un valido aiuto a chi deve affrontare l’esame teorico per la patente.

Tra le tante soddisfazioni che hanno scandito dieci anni di viaggio all’interno del mondo accademico, la partecipazione allo SMAU 2015, dove l’Unicusano è stata finalista con la sua piattaforma e-learning e pubblica anche la prima edizione di Unicusano Focus, un inserto settimanale che affronta in otto pagine tematiche spesso taciute e a volte ignorate come quelle relative all’attività e ai risultati prodotti dalla ricerca scientifica, ma anche storie di sport, disabilità, coraggio, industria e innovazione. Nello stesso anno, nasce “Unicusano Lab: Mens, Ingenii, Verbum” per gli appassionati delle quattro e delle due ruote.

Nel 2016, oltre a vedere la luce Unicusano Up Magazine (inserto mensile di salute, benessere e alimentazione), l’Università Niccolò Cusano diventa partner di Amnesty per sostenere il festival musicale “Voci per la Libertà – Una Canzone per Amnesty”.

La crescita dell’Ateneo di Roma si ispira ai college anglo-americani, dove la formazione della mente procede di pari passo con quella del corpo, a tal punto che lo sport è diventato un elemento chiave ed essenziale per la Cusano. Un impegno sociale che si riflette nell’Unicusano Fondi Calcio, ribattezzata anche la squadra della Ricerca Scientifica, e nella collaborazione pluriennale con l’Aurelia Nuoto e altre realtà sportive.

Il processo di crescita vede l’Università Niccolò Cusano impegnata anche in un processo di internazionalizzazione con l’apertura di diverse sedi in Europa. Il 10° anniversario dell’Unicusano è un traguardo importante che sottolinea e conferma l’eccellenza dell’Ateneo.