Biomateriali, l’Università Niccolò Cusano brilla anche all’estero

Struttura dell’università Niccolò Cusano

Il percorso di internazionalizzazione dell’Università Niccolò Cusano prosegue con successo. La Professoressa Ilaria Cacciotti, docente della facoltà di Ingegneria nell’Ateneo di Via Don Carlo Gnocchi, già vincitrice nel 2001 del prestigioso premio “Unesco-Women for Science” per una proposta di terapia innovativa del morbo di Parkinson, è stata invitata a far parte della Commissione di valutazione di un dottorando della FAU, la Friedrich-Alexander-Universität Erlangen (Norimberga), che ha fornito un importante contributo alla ricerca nel campo dei ponteggi con capacità di rilascio di farmaci terapeutici. 

Il Department of Materials Science and Engineering dell’importante ateneo tedesco e la facoltà di ingegneria dell’Università Niccolò Cusano sono partner all’interno del progetto Erasmus per la mobilità di studenti, ricercatori e docenti.

La professoressa Ilaria Cacciotti, conosciuta come “La Regina delle Cellule” per aver inventato un metodo al fine di evitare il rigetto nel trapianto per la cura del Parkinson, sarà inoltre tra i relatori del biomed 2015, sesta edizione del seminario internazionale in Biomateriali e Medicina Rigenerativa, che si terrà in Romania dal 17 al 19 settembre.