Come diventare criminologo: percorso di studi e guadagni

come diventare criminologo

Portata in auge dalle tantissime serie tv, la criminologia è diventata una materia estremamente attraente, che ha acquisito un grande appeal agli occhi dei giovani, al punto che in tanti oggi si domandano come diventare criminologo.

Sulla scia dei film e delle produzioni televisive americane la figura professionale viene identificata in una sorta di detective, anche se in realtà il criminologo non è propriamente un investigatore.

In questa guida analizzeremo il profilo e le relative competenze, oltre a fornire una panoramica del percorso di studi e specializzazione per diventare esperti in materia,

Cosa studia la criminologia

Prima di entrare nel merito del percorso formativo per diventare criminologo è d’obbligo una breve premessa per capire cos’è la criminologia e cosa si studia.

Partiamo dalla definizione presente sul sito Wikipedia:

“La criminologia è una scienza che studia i comportamenti criminali, l’insieme ordinato delle conoscenze empiriche sul crimine, sul reo, sulla condotta socialmente deviante e sul controllo di tale condotta e sulla vittima.”

Si tratta in pratica di una scienza che si occupa di studiare il fenomeno criminoso da diverse prospettive, con l’obiettivo di comprendere gli elementi psicologici che hanno condotto il criminale a commettere il reato.

L’analisi dei crimini è finalizzata non soltanto a comprenderne le dinamiche  ma anche a strutturare azioni di prevenzione e strategie rivolte a supportare le vittime e rieducare i colpevoli.

La materia, relativamente recente, si avvale del supporto di altre discipline come il diritto, la sociologia, la medicina, la psicologia e la statistica; ma anche la psichiatria e la biologia.

Criminologo: cosa fa

Da quanto fin qui detto è chiaro che il criminologo è una figura multitasking, la cui attività parte dall’investigazione per arrivare all’analisi dei processi psicologici del criminale.

Il profilo si occupa di studiare il crimine, ma anche l’autore e la vittima del reato.

In particolare, il criminologo ricostruisce i fattori che hanno spinto il criminale a commettere reato; effettua valutazioni in merito al livello di pericolosità per la società; definisce gli interventi per la rieducazione e il supporto psicologico dell’autore del reato.

Tra le attività svolte da un professionista rientrano anche la ricerca scientifica e la consulenza; quest’ultima rivolta alla polizia o al questore.

A seconda dell’ambito in cui opera, e quindi della specializzazione che ha conseguito, è possibile distinguere varie tipologie di criminologo:

  • Criminologo penitenziario
  • Criminologo medico
  • Criminologo clinico
  • Criminologo forense
  • Criminologo investigativo

Analizziamo brevemente le competenze specifiche di ognuna delle professionalità appena elencate.

Il criminologo penitenziario, come si può facilmente dedurre dalla denominazione, lavora all’interno di contesti carcerari.
La sua funzione è prevalentemente di supporto.
In particolare, egli si occupa di strutturare percorsi di recupero e reintegro sociale per i detenuti, in collaborazione con le altre autorità.

Il criminologo medico è in sostanza un medico che viene interpellato durante i processi.
Il professionista in questione viene solitamente convocato direttamente dal giudice, il quale necessita di un esperto per poter stabilire lo stato mentale dell’imputato.
Infatti, il criminologo medico è spesso specializzato in psichiatria.

Il criminologo clinico gestisce il processo che punta a ricostruire le motivazioni che hanno portato a commettere il reato; allo stesso tempo si occupa di valutare la pericolosità dell’autore del reato a livello sociale.
Generalmente il criminologo clinico viene nominato dal giudice con l’obiettivo di comprendere la capacità di intendere e di volere dell’imputato o l’assenza di tale capacità durante l’esecuzione del crimine.

Il criminologo forense si occupa di stilare il profilo psicologico del colpevole; nel dettaglio egli analizza gli aspetti sociologici e psicologici che potrebbero averlo indotto a commettere il reato.
Tra le sue competenze rientra la ricostruzione della scena del crimine, fondamentale per poi comprendere le dinamiche del reato.
Il profilo viene solitamente convocato dall’avvocato per avere un quadro più chiaro degli eventi.

Concludiamo con il criminologo investigativo che lavora sulla scena del crimine in collaborazione con gli investigatori e la scientifica.
È la figura che più di ogni altra si avvicina ai personaggi delle serie tv americane.
Per il lavoro che svolge deve conoscere e padroneggiare le principali tecniche di investigazione scientifica.

Il criminologo investigativo e quello forense vengono definiti ‘consulenti tecnici’; possono svolgere attività di consulenza per la polizia giudiziale, per i giudici e per gli avvocati.

È importante sapere che il criminologo investigativo può intraprendere la strada per entrare nella polizia scientifica, ovvero per diventare un RIS.
Due le possibilità: essere un membro dell’Arma e superare un concorso interno oppure vincere il concorso pubblico per il ‘ruolo tecnico logistico’.

In generale gli sbocchi per un criminologo si concretizzano nei seguenti contesti operativi:

  • Tribunale per i minori
  • Settore penitenziario
  • Strutture sanitarie
  • Intelligence
  • Polizia di Stato
  • Polizia scientifica

Passiamo ora ad analizzare un aspetto importante della professione, ovvero quello economico.

Quanto guadagna un criminologo?

In Italia lo stipendio si attesta sopra la media nazionale.
La retribuzione mensile oscilla intorno ai 1.900,00 euro.
Per quanto riguarda il range annuo, si parte da un minimo di 25.000 euro lordi per arrivare a cifre che toccano i 200.000 euro.

criminologia cosa si studia
Credits: BrianAJackson / Depositphotos.com

Quale facoltà scegliere per diventare criminologo

La figura del criminologo in Italia non è legalmente riconosciuta; si tratta però di una professionalità estremamente attraente, che non a caso rientra tra le ambizioni professionali di tantissimi giovani.

In molti si chiedono se esiste un’università in criminologia e cosa si studia.
In realtà non esiste un percorso di studi specifico e tanto meno un corso di laurea apposito.
Non esiste un albo dei criminologi per cui non sono previsti concorsi per l’abilitazione.

Le lauree che forniscono una preparazione di base idonee a costruire una carriera da criminologo sono quelle in Giurisprudenza, Psicologia, Sociologia e Medicina.

Altrettanto valide per la tipologia di preparazione che erogano le lauree in scienze della formazione e in generale tutte quelle ad indirizzo umanistico.

Abbiamo, non a caso, parlato di preparazione di base.
Questo perché la professionalità di un esperto in criminologia richiede specifiche competenze afferenti le scienze forensi; competenze che possono essere acquisite attraverso un master o un corso post-laurea di specializzazione professionale.

Sulla scia del successo che riscuote la materia sono stati attivati numerosi master post-laurea che approfondiscono i vari aspetti della disciplina.

Attenzione però a scegliere percorsi di studio in criminologia validi, aggiornati e attuali; oltre che chiaramente riconosciuti.

Tra le proposte il master in ‘criminologia clinica’ attivato dall’università telematica Niccolò Cusano.
Si tratta di un corso post-laurea di secondo livello che mira a fornire le competenze necessarie per analizzare la scena del crimine e recuperare da essa informazioni utili al caso da risolvere.

Il programma approfondisce le principali metodologie utilizzate in ambito criminologico, penitenziario, medico-legale e forense e le tecniche di indagine psicologica (test e colloqui diagnostici).

Al termine del master il corsista sarà in grado di intervenire in tutte quelle situazioni che si pongono alla base del comportamento criminale. Avrà inoltre acquisito le competenze per comprendere l’eventuale psicopatologia dell’autore del reato.

Il corso Unicusano ha un costo di 2.200,00 euro, da corrispondere in 4 rate.
Per i laureati presso la Niccolò Cusano e per chi ha conseguito una laurea da meno di 24 mesi, anche presso altre università, è prevista una quota di iscrizione ridotta pari a 2.000,00 euro.

Ora sai come diventare crimonologo; per ulteriori info e dettagli sul master online in criminologia non esitare a contattare il nostro staff attraverso il form online che trovi cliccando qui.

Credits: kaninstudio / Depositphotos.com