Ecco gli sbocchi del diploma di laurea dell’università Niccolò Cusano

Diploma di laurea

Un tempo esisteva il mito del diploma di laurea, ossia quel famoso ‘pezzo di carta’ che per alcune famiglie rappresentava una sorta di riscatto culturale (e sociale); quel pezzo di carta ottenuto dai figli più diligenti per i quali ogni sacrificio era considerato lecito.

Poi la crisi ha cambiato la percezione rispetto all’utilità del titolo; ha disilluso i giovani che di fronte ad un mercato del lavoro sempre più complesso e problematico si domandano se vale la pena continuare gli studi, e quindi investire tempo e denaro in un percorso universitario, o se iniziare a lavorare.

In altre parole, serve ancora prendere un diploma di Laurea?

La risposta è ‘si’; serve per migliorare le prospettive occupazionali, per arricchire la propria cultura personale, e quindi per crescere. A patto però che si scelga un percorso formativo attuale e di qualità.

Prima di elencarti alcune delle motivazioni più importanti per le quali vale la pena conseguire un diploma di laurea cerchiamo di fare un po’ di chiarezza sui percorsi di studio universitari.

cicli di studio sono tre:

  • Primo ciclo di studi universitari: corsi di laurea triennali
  • Secondo ciclo di studi universitari: corsi di laurea magistrali, biennali, a ciclo unico e master di primo livello
  • Terzo ciclo di studi universitari: dottorati di ricerca, specializzazioni e master di secondo livello

Diploma di laurea: cos’è

Iniziamo quindi ad analizzare il diploma di laurea, il significato e le relative caratteristiche e potenzialità.

Si tratta di un titolo accademico che certifica la fine del primo ciclo di studi universitario, ovvero quello che riguarda le lauree triennali; il conseguimento di tale titolo consente di accedere al successivo ciclo di studi (il secondo), ovvero a corsi di laurea magistrale e master di primo livello.

Il primo ciclo di studi è impostato su una struttura didattica finalizzata a fornire le conoscenze di base relative ad una determinata area disciplinare; conoscenze che possono poi essere approfondite e maggiormente orientate al mondo del lavoro attraverso i successivi cicli di studio.

Attualmente la proposta che riguarda le lauree triennali è estremamente ampia e variegata, in grado di assecondare qualsiasi esigenze o ambizione lavorativa.

Come accennato in precedenza, per far sì che il diploma di laurea triennale abbia un reale valore a livello professionale e migliori oggettivamente le prospettive occupazionali è necessario scegliere con attenzione il corso da frequentare; è fondamentale valutare attantamente l’inidirzzo più affine alle personali attitudini ma anche l’ateneo presso il quale frequentarlo.

Tra le università che affiancano alla qualità e all’attualità dei programmi una metodologia didattica innovativa figura la telematica Niccolò Cusano, che ha settato la sua offerta relativa ai diploma di laurea in maniera tale da rispondere alle esigenze del mercato del lavoro.

Economia, giurisprudenza, psicologia, ingegneria, scienze politiche e scienze della formazione sono le macro-aree disciplinari nell’ambito delle quali si sviluppano i corsi di laurea triennali.
Per ogni macro-area sono disponibili più curriculum che approfondiscono in maniera specifica determinati settori della materia.

diploma di laurea
Credits: IgorTishenko / Depositphotos.com

Come si ottiene il diploma di laurea

I piani di studio dei corsi universitari sono scanditi dai CFU (acronimo di Crediti Formativi Universitari) che identificano in cifre l’impegno richiesto allo studente per ogni esame, e quindi per portare a termine un intero ciclo.

II diploma di laurea si ottiene al conseguimento di 180 CFU e al superamento dell’esame finale, ovvero la discussione della tesi.
Ogni credito corrisponde a 25 ore di lavoro, nell’ambito delle quali rientrano la frequenza delle lezioni in aula (oppure online), lo studio a casa e la frequenza di laboratori e attività di stage.

Per capire meglio: un esame da 9 CFU presuppone un impegno da parte dello studente pari a 225 ore.

Attraverso la pratica modalità didattica e-learning messa a punto da Unicusano i crediti formativi possono  essere conseguiti studiando online, ovvero a distanza.
Le ore di studio previste per ogni cfu possono essere raggiunte seguendo le lezioni in streaming, senza vincoli di orari da rispettare e comodamente da casa.

La Niccolò Cusano mette a disposizione di ogni studente la possibilità di integrare FAD (Formazione a Distanza) e FIP (Formazione in Presenza).
Ogni corsista ha quindi la possibilità di usufruire di tutti i servizi messi a disposizione dall’ateneo, e di impostare l’apprendimento in maniera flessibile e personalizzata.

Gli sbocchi

Dopo aver compreso che diploma di laurea e laurea triennale sono la stessa cosa cerchiamo di capire quali sono le opportunità che offre il titolo relativo al primo ciclo di studi universitari.

Come accennato in precedenza il diploma di laurea fornisce il requisito essenziale per accedere al secondo ciclo di studi, per cui a lauree magistrali e master di primo livello, che consentono di specializzare, approfondire e ‘professionalizzare’ le conoscenze acquisite durante il triennio.

Il diploma di laurea consente allo stesso tempo di accedere al mondo del lavoro, con una preparazione prevalentemente teorica che garantisce comunque le basi per poter iniziare subito a lavorare.

Va precisato che per alcune posizioni (principalmente per quelle dirigenziali) e per i concorsi pubblici la laurea triennale non è sufficiente.

Chiaramente non esiste una regola generale per affermare il valore più o meno significativo di una laurea triennale; tutto dipende dal tipo di indirizzo scelto, dalle capacità personali e dalle ambizioni professionali personali.

Cosa sono e come si ottengono i diplomi accademici di I e II livello

Spesso il diploma di laurea e il diploma accademico vengono confusi; in molti pensano che si tratti di due sinonimi per indicare lo stesso titolo.

Prima di arrivare alle conclusioni di questo articolo è d’obbligo una precisazione finalizzata a chiarire le differenze esistenti tra i due titoli, che come stabilito dal Miur hanno lo stesso valore legale.

Il diploma accademico è un titolo di istruzione superiore, per cui equiparabile ai titoli universitari. Anch’esso può essere di primo o di secondo livello.

Si tratta di un titolo rilasciato da un istituto AFAM (Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica), per cui si ottiene frequentando ad esempio l’Accademia di Belle Arti, le Accademie nazionali di danza, i conservatori musicali o uno dei numerosi enti artistici nazionali, purché accreditati al Miur.

L’accesso agli istituti AFAM è subordinato al possesso di un diploma di istruzione secondaria di secondo grado e al superamento di una prova di selezione.

I corsi accademici si dividono in corsi di primo livello (triennali, equipollenti ai corsi di laurea triennale) e corsi di secondo livello (biennali).

Per ottenere il diploma accademico di I livello è necessario conseguire 180 CFA (Crediti Formativi Accademici).
Il titolo consente di accedere ai corsi di secondo livello, ai corsi di laurea magistrale, ai master di primo livello, ai diplomi accademici di specializzazione/perfezionamento.

Per ottenere il diploma accademico di secondo livello è necessario conseguire 120 Crediti Formativi Accademici; per alcuni istituti 132.

Sono invece di recente istituzione i diplomi di II livello che prevedono una durata quinquennale e l’acquisizione di 300 crediti.
Si tratta di corsi che abilitano alla professione di restauratore di beni culturali, accessibili a chi possiede un titolo di I livello AFAM o una laurea universitaria equipollente.

Alla fine di ogni ciclo di studi lo studente deve affrontare una prova che prevede una tesi e una prova pratica incentrata sulla disciplina artistica studiata.

Se vuoi ricevere ulteriori informazioni sui percorsi di studio attivati dalla Niccolò Cusano non esitare a contattare il nostro staff attraverso il form online che trovi cliccando qui!