Come essere più attenti e concentrati: 3 trucchi infallibili

come essere più attenti

Ogni volta che provi a metterti sui libri cerchi un modo per distrarti? Beh, se sei uno studente universitario, ti sarai sicuramente chiesto come essere più attenti e concentrati durante la tua sessione di studio.

Migliorare la tua concentrazione è un passo importante per migliorare le tue performance accademiche: saper restare focalizzato su un’attività che stai facendo e portarla a termine è una delle abilità che contribuiscono al successo di uno studente e, per questo, è bene che tu investa su un buon allenamento.

Quando si tratta di rafforzare l’attenzione, dovrai sforzarti di vedere il tuo cervello come un muscolo. Così come vai in palestra a fare esercizio per rafforzare i tuoi addominali, per rafforzare concentrazione, attenzione e memoria dovrai dedicare tempo ad una serie di esercizi, che ti aiuteranno a dare il meglio di te.

I tuoi “muscoli” dell’attenzione hanno una quantità di forza limitata in un dato momento, la loro resistenza e potere possono atrofizzarsi dall’inattività o rafforzarsi da un esercizio vigoroso e intenzionale, e richiedono riposo e recupero dopo essere stati utilizzati in modo intenso. Cosa significa? Che dovrai fare esercizio per tenere sveglia la tua mente, ma anche dedicarti ad un giusto riposo e costruire un buon equilibrio.

In questa guida ti spiegheremo come essere più attento sullo studio e ti daremo tre strategie infallibili per vedere subito qualche risultato.

Ecco come migliorare la concentrazione e l’attenzione nello studio

Per capire come fare per essere più attento, dovrai sperimentare la disciplina: disciplinare la mente significa addestrarla ad obbedire al tuo comando. Abitudini dannose come la procrastinazione possono impattare negativamente sulla qualità del tuo studio.

Ecco tre trucchi infallibili per allenare la mente e migliorare la concentrazione nello studio.

LEGGI ANCHEPigrizia nello studio: ecco 6 consigli per liberarsene del tutto

1 – Inizia a piccoli passi

La cosa peggiore che tu possa fare, se decidi di cambiare abitudini, è darti delle regole estreme. Facciamo un esempio pratico: la maggior parte delle persone che decide di rimettersi in forma e perdere 10 chili, quando parte dal punto zero, si butta in un programma di allenamento ferreo, estremo, difficile da portare avanti.

Questo rischia di portarti al fallimento prima ancora di aver iniziato. Perché? Semplicemente gli obiettivi che hai stabilito non sono raggiungibili.

Quando parliamo di allenare la tua attenzione il procedimento è lo stesso: se, da oggi, decidi di cambiare le tue abitudini, non puoi lanciarti a capofitto in un programma estremo, perché rischi di rimanerne deluso.

Fissati degli obiettivi raggiungibili e lavora step by step: non forzarti e non pretendere troppo da te stesso. Ad esempio, una delle prime cose che puoi sperimentare è il “Metodo del Pomodoro” in cui lavori ininterrottamente per 45 minuti e poi concedi una pausa di 15 minuti. Per molti di noi, 45 minuti potrebbero anche essere una maratona mentale: inizia con un obiettivo piuttosto facile e inizia a salire da lì.

2 – Leggi

Ti sembrerà un consiglio “scontato”, ma in realtà non lo è affatto: leggere è un esercizio perfetto per migliorare la concentrazione. Tuttavia, come forse saprai, alcune ricerche dicono che in Italia 6 persone su 10 non amano i libri e non leggono. Il motivo principale? L’assenza di tempo.

Inizia a leggere qualche libro e poniti la lettura come una sfida: imponiti di leggere almeno 30 minuti al giorno. Ti servirà per ampliare la mente e darti una disciplina rigida da seguire.

Sforzati anche di leggere almeno un paio di articoli lunghi come questo ogni settimana: ti aiuterà a prendere dimestichezza con i contenuti e ad addestrare la tua capacità di focalizzarti. Ecco la tua sfida di oggi:

  • Scegli un libro che vorresti leggere: può essere un saggio, un romanzo, una ricerca
  • Osserva il numero di pagine del libro
  • Datti una deadline massima entro la quale terminare la tua lettura

LEGGI ANCHERilassamento mentale: ecco come riprendersi dopo una giornata di studio

3 – Crea una lista di cose da fare

L’obiettivo di questa guida è svelarti come essere più attenti e concentrati durante lo studio, ma non solo. Se ci segui da un po’, saprai che parliamo spesso dell’importanza di pianificare il lavoro.

Ebbene, non c’è modo migliore per pianificare di una to-do list. Partiamo dal presupposto che Internet, pur facilitandoci la vita in molte occasioni, ha reso immediatamente accessibili alcune informazioni: questo ci porta ad accedere ai nostri dispositivi in qualunque momento, anche solo per vedere le previsioni meteo.  Ogni volta che una domanda sfiora la nostra mente, tendiamo a volerne conoscere subito la risposta, interrompendo ciò che stiamo facendo.

Il problema è che, una volta distratti, occorrono in media 25 minuti per tornare a concentrarci sul nostro compito originale. Che fare, dunque? Crea una lista di cose da fare giornaliera, settimanale e mensile. Cerca di programmare il tuo studio e i tuoi impegni in un vero e proprio calendario, da rispettare alla lettera. Se qualcosa sfiora la tua mente mentre stai portando a termine un compito, appuntalo su un foglio e imponiti di guardarlo più tardi. Essere disciplinato è la chiave per essere concentrato.

Su come essere più attenti abbiamo detto tutto, per oggi: non ti resta che allenare la tua soglia di attenzione e migliorare la tua forza di volontà per raggiungere tutti i tuoi obiettivi.