Con l’università Niccolò Cusano la Psicologia del lavoro è a Roma

Psicologia del lavoro a Roma

La capitale avrà anche i suoi mille vizi ma è indubbio che, per chi ci vive, sappia esercitare magnetismo unico. Ecco perché è logico che uno studente tenti di laurearsi rimanendo a casa propria. Se volete studiare Psicologia del lavoro, a Roma ci potete stare. Lo potete fare grazie all’università Niccolò Cusano che ha da un po’ di tempo investito sulla sua estensione fisica, in special modo nella città eterna. Ecco cosa ha senso sapere se state valutando di studiare Psicologia del lavoro a Roma.

Lo potete tranquillamente chiedere allo staff dell’università Niccolò Cusano attraverso l’apposito form informativo https://www.unicusano.it/contatti-universita ma di base ci potete arrivare da soli facendovi un giro sul sito ufficiale e non solo. Il campus universitario è i cuore pulsante di questa realtà e la ragione è che simboleggia a pieno la voglia di spaccare la dicotomia università telematica ed università fisica per dare allo studente il massimo dell’offerta formativa. È il caso di Psicologia dl lavoro che potrete studiare in questo modo moderno. Da una parte resta in piedi e ben attiva la piattaforma eLearning da cui avrete accesso ai video online delle lezioni in streaming e senza limiti di fruizione. Dall’altra parte, però, potrete frequentare Psicologia del lavoro a Roma. Proprio nel suddetto campus, infatti, si tengono quotidianamente lezioni in presenza con gli stessi docenti che poi troverete agli esami dentro ad aule molto spaziosa e dotate di supporti tecnologici come il WiFi gratis e le LIM – lavagne interattive multimediali. Un’alternativa interessante non da contrapporre ma da integrare a seconda delle vostre necessità. Ci sono materie della Psicologia del lavoro che potete indagare da soli in eLearning ed altre che potete farvi spiegare in classe. Resta il fatto che la strada della Psicologia del lavoro per chi vive a Roma è tra le più interessanti. Gli sbocchi professionali, infatti, non mancano. Ecco i principali:

  • valutazione della persona, delle sue caratteristiche cognitive e motivazionali, nei diversi contesti aziendali;
  • valutazione del personale e delle prestazioni, anche con riferimento ai processi di selezione, orientamento al ruolo, cambiamento organizzativo;
  • formazione/intervento sulla persona, anche all’interno dei contesti sociali e organizzativi;
  • ricerca psicosociale in settori, quali mercato, salute, scelte economiche, scelte politiche;
  • interventi di negoziazione, volti a gestire i conflitti tra gli individui o tra i gruppi, e a favorire cooperazione e integrazione.