Come scegliere il master giusto: la guida per non sbagliare

come scegliere il master giusto

Come scegliere il master giusto per entrare più facilmente nel mondo del lavoro?

Il quesito, apparentemente semplice e banale, ci introduce in un ambito delicato e complesso: il post-laurea, momento in cui, ponderata la decisione di continuare con una specializzazione più specifica, ci si addentra nei meandri della proposta formativa italiana relativa a master.
Master online di primo e di secondo livello, master per laureati in Giurisprudenza, master indicati per indirizzi economici, master afferenti all’area umanistica, ingegneristica o psicologica…

Volendo escludere quelli che per indirizzo non si allineano alla propria formazione universitaria o alle attitudini personali, resta comunque una proposta vastissima.
Valutare e scegliere nell’ambito dello stesso indirizzo di specializzazione, magari in presenza di percorsi molto simili tra loro, è un’impresa titanica.

Considerando l’impegno economico e di tempo correlato alla frequentazione di un master, e considerando l’importanza che riveste nell’ampliamento delle prospettive occupazionali, forse è il caso di dedicare alla scelta la giusta attenzione.

In questo post ti daremo una serie di indicazioni che ti aiuteranno a capire come scegliere un master valido e di qualità.

Ente erogatore

E’ probabilmente tra i primi criteri da valutare per la scelta del master giusto: parliamo della professionalità e dell’esperienza nel settore formativo dell’ente erogatore.

Per evitare di spendere soldi inutilmente, e altrettanto inutilmente di sprecare tempo ed energie in corsi scadenti e approssimativi, è consigliabile reperire più informazioni possibili sull’istituto che ha attivato il percorso di studi.

La credibilità e la reputazione dell’ente erogatore, sia esso un’università o un istituto privato, rappresentano parametri importanti per definire il livello qualitativo di un master.

Per effettuare tale analisi ti basterà dare un’occhiata al sito dell’ente, ai relativi canali social e alle opinioni degli ex corsisti che sicuramente girano in rete.

Altri indicatori importanti da prendere in considerazione sono le partnership con le aziende e gli enti che eventualmente intervengono nel percorso, sia per quanto riguarda l’attivazione del master che per la collaborazione puramente didattica (organizzazione e gestione di stage, seminari e workshop).

Edizioni precedenti

Un’ulteriore parametro da considerare durante la scelta di un master valido è l’esistenza di edizioni precedenti.

Se il corso post-laurea che stai valutando come possibile strada per la tua specializzazione ha almeno tre anni di attività, allora puoi prenderlo in considerazione. Se è giunto alla terza edizione significa che si tratta di un percorso già collaudato e che molto probabilmente funziona bene.

Se invece ti accorgi che accanto al titolo altisonante c’è scritto prima edizione, allora forse è il caso di approfondire meglio il discorso; potrebbe capitare di imbattersi in un percorso ‘sperimentale’, che in quanto tale non ha ancora un’identità ben definita.

Struttura del programma

Nel processo di individuazione dei migliori master per trovare lavoro rientra l’analisi accurata del piano di studi.

Innanzitutto è fondamentale che l’ente erogatore, che si tratti di un’università pubblica o di un istituto privato, renda disponibile il programma del corso.
In esso devono essere indicati: la durata, il numero di cfu rilasciati, l’ordinamento didattico e ovviamente i requisiti e le modalità di iscrizione.

Nell’ambito del piano di studi rappresenta un plus importante la possibilità di partecipare a laboratori, project work ed esercitazioni pratiche.

Per quanto riguarda le materie, oltre a valutare il grado di approfondimento delle tematiche, bisogna verificare che gli argomenti trattati risultino allineati alle più attuali esigenze, evoluzioni e dinamiche del settore a cui fanno riferimento.

Attenzione quindi al grado di aggiornamento del piano di studi.

Corpo docente e tutor

La qualità di un master dipende da una serie di elementi tra i quali occupa un posto importantissimo la composizione del corpo docente.

E’ buona norma informarsi sulla professionalità degli insegnanti ma è altrettanto importante verificare la presenza di eventuali relatori esterni.
Un buon master prevede seminari e workshop tenuti da professionisti provenienti da aziende e realtà operanti nel settore a cui il corso fa riferimento.

L’esperienza portata dai relatori esterni è fondamentale in quanto rappresenta la connessione tra la didattica teorica e le reali dinamiche dell’ambito operativo.

Prima di scegliere un master post-laurea ricordati di verificare l’eventuale disponibilità di un servizio di tutorato, possibilmente espletato da tutor didattici competenti e professionali.

Stage e tirocini

Lo abbiamo detto e ridetto: il master rappresenta un ponte tra l’università e il mondo del lavoro.

E’ abbastanza chiaro che per mettere in comunicazione le due realtà il corso deve rispettare un requisito fondamentale ovvero essere orientato, negli argomenti e nella struttura, al relativo settore di riferimento.

Il collegamento deve essere principalmente di natura operativa per cui la struttura didattica, per risultare efficace ai fini di un rapido inserimento nel mondo del lavoro, deve basarsi su un approccio job-oriented.

Rientra nei criteri di valutazione per la scelta di un master la possibilità di svolgere stage e tirocini.
Si tratta di attività estremamente professionalizzanti che offrono ai corsisti i seguenti vantaggi:

  • consentono un avvicinamento reale al mondo del lavoro;
  • consentono il confronto con professionisti esperti;
  • consentono di mettere in pratica conoscenze e competenze teoriche.

Come se tutto ciò non bastasse offrono la possibilità concreta di farsi conoscere professionalmente dal settore, così da aprire le porte ad un’eventuale possibilità di assunzione.

Livello di placement

Il motivo per il quale un giovane neo-laureto decide di frequentare un master post-laurea è l’esigenza di trovare lavoro in tempi brevi.

In tal senso, per valutare la reale validità di un corso è fondamentale analizzare la percentuale di occupazione dei corsisti, i tempi per trovare lavoro e il livello retributivo.

Puoi scegliere di consultare le statistiche, oppure puoi contattare gli ex allievi per conoscerne le opinioni e per avere un’idea più chiara e realistica della qualità del percorso di studi.

Il livello di placement dipende in gran parte dalla spendibilità del titolo nel mondo del lavoro.

E’ il caso di porsi alcune domande.

La specializzazione a cui stai valutando di iscriverti è richiesta sul mercato? Il profilo formato dal master trova un riscontro concreto all’interno delle realtà aziendali o è soltanto una figura professionale identificata da un affascinante termine inglese?

Per dare una risposta a tali quesiti ti basterà fare un giro tra i portali dedicati alle offerte di lavoro e analizzare la tipologia, e la quantità, di richiesta relativa alla specializzazione.

Prima di concludere il paragrafo dedicato al placement dei master ti segnaliamo un’importante opportunità offerta dall’Università Telematica Niccolò Cusano: il servizio di ‘Stage e Job Placement’ finalizzato a supportare i giovani nel post-laurea, sia per quanto riguarda la formazione professionale (attraverso stage e tirocini) che la ricerca di un lavoro.

scegliere-master-online-giusto

Metodologia formativa flessibile

Al termine di un percorso universitario, che si tratti di un corso di laurea triennale o magistrale, l’esigenza della maggior parte dei giovani neo-laureati è mettere a frutto il titolo e trovare lavoro.

Raggiungere l’indipendenza economica, dopo anni di studio e sacrifici, diventa una necessità che non consente ulteriori proroghe.

Il pensiero di rimandare l’inserimento nel mondo del lavoro per un’ulteriore e più approfondita specializzazione non è minimamente considerabile, a meno che i genitori non siano disposti e in grado di sobbarcarsi ulteriori costi.

Ma allora, se la specializzazione è un requisito diventato praticamente indispensabile per l’accesso nel settore di competenza, qualunque esso sia, come si può risolvere la problematica? Come conciliare l’esigenza di specializzazione con l’esigenza di lavorare e rendersi economicamente autonomi?

La soluzione esiste ed è alla portata di tutti; parliamo dell’e-learning, o formazione a distanza per intenderci meglio.

Si tratta di una metodologia formativa che consente di seguire e frequentare i master universitari online, attraverso il pc oppure attraverso un dispositivo mobile, purché connessi a internet.

La formazione dei corsi post-laurea viene erogata attraverso una piattaforma telematica di ultima generazione che mette in comunicazione il corsista con il mondo dell’università.
Attraverso una username e una password il corsista ha la possibilità di accedere a un’area riservata, all’interno della quale è disponibile tutto il materiale didattico previsto dal master (video lezioni registrate, e-book, slides e materiale di approfondimento).

L’accesso alla piattaforma è consentito 24 ore su 24, 7 giorni su 7, per cui ognuno può decidere autonomamente i momenti da dedicare all’apprendimento.

La flessibilità dei master a distanza consente di conciliare lo studio con un impiego, che probabilmente non sarà il lavoro dei tuoi sogni, ma che ti consentirà di avere una discreta indipendenza economica e di affrontare la spesa del corso senza dover dipendere dai genitori.