Donne nel mondo del lavoro: i dati del divario di genere

La nuova infografica di Unicusano sulla Festa della Donna evidenzia il gap con gli uomini nel mondo del lavoro e ai vertici di istituzioni e grandi imprese

La minore presenza di donne rispetto agli uomini nel mondo del lavoro e nelle istituzioni è un problema ancora irrisolto e la pandemia non ha contribuito a ridurre il divario. È quanto mette in evidenza la nuova infografica realizzata dall’Università degli Studi Niccolò Cusano dedicata alla Festa della Donna, che raccoglie gli ultimi dati sull’occupazione, composizione del Parlamento e posizioni ai vertici delle grandi imprese.

Dalle statistiche citate dall’Unicusano emerge che in Italia è donna il 35,7% dei membri di Camera dei Deputati e Senato della Repubblica contro il 44% di parlamentari donna della Spagna, il 41,5% della Svizzera, il 41,4% della Norvegia e il 40,7% del Belgio.

Il confronto con gli altri Paesi è determinante anche per comprendere il gap nell’occupazione femminile. In Europa si registra un tasso medio di donne con impiego lavorativo del 62,4% mentre il dato italiano è del 49%. La pandemia non ha certamente aiutato a invertire la rotta: prima dell’emergenza era stato registrato un livello occupazionale per le donne del 50,1%. Da non sottovalutare è anche la differenza per area territoriale, tra Nord e Sud del Paese: in tre regioni il tasso di occupazione rilevato è stato inferiore al 30% con la Campania ultima con il 28,7%.

Eppure tra le donne si registra un livello di istruzione più alto rispetto agli uomini. La percentuale delle studentesse che hanno ottenuto un titolo di scuola superiore è del 65,1% mentre gli studenti di sesso maschile si attestano al 60,5%. Per quel che riguarda i titoli di studio universitari, sono laureate il 23% delle donne contro il 17,2% degli uomini. Un gender gap si registra anche nell’imprenditoria. Su 6 milioni di imprese operanti oggi in Italia, solo 1,3 milioni sono gestite da donne, pari al 22% del totale, e circa 154mila da giovani imprenditrici, il 2,6%.

Unicusano riporta poi la significativa classifica dell’indice di uguaglianza di genere nei diversi Paesi europei, il cosiddetto Gender Equality Index, con l’Italia 14esima alle spalle di Svezia, Danimarca, Francia, Finlandia, Paesi Bassi, Regno Unito, Irlanda, Spagna, Belgio, Lussemburgo, Slovenia, Germania e Austria.

Dati più completi sono disponibili nella nuova infografica realizzata dall’Università Niccolò Cusano.

Copia e incolla il codice sottostante per pubblicare l’infografica sul tuo sito:

Per saperne di più e scoprire tutti i dati e le curiosità raccolte… leggi la nuova infografica Unicusano qui sotto.