Giovani, la laurea serve ancora per trovare lavoro

Per arrivare al traguardo nel miglior modo possibile bisogna tenere a mente l'importanza della scelta del corso di laurea

La laurea serve. A cinque anni dalla laurea, solo 6 ragazzi su 100 non hanno trovato un posto di lavoro. Un dato, quello rivelato da AlmaLaurea, che la dice lunga su quanto serva ancora il famigerato “Pezzo di Carta” per poter entrare il prima possibile e nel migliore dei modi nel mercato occupazionale.

Un dato che in una giornata come quella di oggi,  in cui si accerta che la disoccupazione giovanile, tra i 15 e i 24 anni, secondo l’Istat,  ha raggiunto il suo poco ammirevole primato, superando quota 43%, assume un valore ancor più significativo, che dimostra come la laurea sia ancora un buon passaporto per entrare nel mercato del lavoro.

La laurea serve a trovare lavoro. L’assioma resta valido. E i numeri smentiscono categoricamente chi prova a sostenere il contrario. Quali sono i corsi di studi che favoriscono un inserimento più rapido possibile nel mercato del lavoro? Una laurea particolarmente utile è senza dubbio quella in ingegneria.

Sono proficui per chi li sceglie, però, anche quei corsi di laurea in Giurisprudenza, Economia e Scienze politiche, che offrono sbocchi lavorativi importanti in settori sia pubblici che privati.

Una Laurea utile per trovare lavoro è anche quella in Scienze della Formazione visto che la presenza dell’educatore, soprattutto in funzione preventiva del disadattamento, della devianza e dell’emarginazione, è ampiamente richiesta e pretesa nell’ambito dei servizi sociali di base, in centri di incontro, di accoglienza, di gioco, in punti di aggregazione.

Ambita da diversi studenti e utile, al contrario di quanto alcuni possano pensare, è infine la laurea in psicologia.  Il laureato in Scienze Psicologiche, del lavoro e delle organizzazioni può trovare impiego nelle posizioni che richiedono di gestire metodologie di intervento ma anche in aree legate alla valutazione del personale o in contesti  in cui occorrono interventi di negoziazione, volti a gestire i conflitti tra gli individui o tra i gruppi, e a favorire cooperazione e integrazione. Senza dimenticare, ovviamente, la possibilità di lavorare “in proprio“.

La laurea serve a trovare il lavoro. Chi dice il contrario mente. Per ogni informazione ulteriore, clicca qui