Università | 30 Novembre 2022
Le lingue più importanti per trovare lavoro: quali sono?

Le lingue più importanti per trovare lavoro: quali sono?

Per trovare lavoro è indispensabile la conoscenza di una seconda lingua. Ma quali sono le lingue più importanti al mondo in campo lavorativo? Per scoprire le lingue su cui investire tempo e fatica si può utilizzare l’indice PLI – Power Language Index. Si tratta di una sorta di misuratore del potere di una lingua.

Per costruire l’indice viene effettuata una valutazione approfondita sulla scorta di ben 20 indicatori diversi. Ogni singola lingua cioè viene valutata in base al numero di persone che la parlano, all’utilizzo in campo diplomatico, all’impiego nei mezzi di comunicazione di massa, alla capacità di facilitare viaggi e spostamenti in giro per il mondo e all’impatto nel mondo economico. Quest’ultimo indicatore è molto importante perché misura la potenza di una lingua sulle maggiori o minori possibilità di trovare lavoro di chi è in grado di parlarla fluentemente. Quali sono allora le lingue più importanti al mondo? Qui sotto, un elenco che include una selezione di 7 idiomi da studiare per aumentare le chance di trovare il lavoro dei propri sogni.

1 – Inglese

L’inglese conquista il primato di lingua più potente per una serie di motivi. Prima di tutto è tra le lingue più studiate al mondo. I madrelingua poi sono circa 379 milioni, ma le persone in grado di parlare inglese sono più di un miliardo. Non solo, è anche la lingua ufficiale di tre dei componenti più influenti del G7: Stati Uniti, Gran Bretagna e Canada.

In Italia, tra l’altro, la conoscenza dell’inglese è considerata un prerequisito indispensabile per candidarsi a molti posti di lavoro. Ormai, non è neppure più sufficiente la conoscenza scolastica, soprattutto per accedere a professioni nel settore finanziario, tecnologico e informatico. Questo significa che gli studenti di facoltà come economia, finanza, management e informatica dovrebbero puntare assolutamente sul perfezionamento dell’inglese.

2 – Cinese mandarino

Il cinese mandarino occupa il secondo posto nell’indice PLI. In altre parole nell’elenco delle lingue più importanti al mondo viene subito dopo l’inglese. Il cinese mandarino, infatti, è parlato da un numero altissimo di persone: ben 1,118 miliardi (dato che fa riferimento all’anno 2022).

Si tratta senza dubbio di una lingua più difficile da imparare rispetto all’inglese, ma vale la pena impegnarsi per una serie di ragioni. La Cina ha un ruolo economico sempre più importante a livello globale e ci sono interi settori in cui  può vantare un vero e proprio dominio/monopolio commerciale. L’Italia poi ha molti rapporti con la Cina che, a sua volta, apprezza diversi prodotti del made in Italy.

Questo significa che gli studenti interessati a lavorare nell’import-export, per esempio, dovrebbero puntare sul cinese mandarino. Visto che non è tra le lingue più studiate al mondo, tra l’altro, consente di acquisire delle competenze specifiche, che la stragrande maggioranza dei lavoratori non possiede. L’investimento in tempo e denaro viene cioè ripagato dalla competitività che si acquisisce in campo professionale. Il cinese mandarino cioè è una delle lingue più importanti per il futuro su cui è bene investire per migliorare la propria posizione professionale. 

3 – Francese

Spesso il francese è poco considerato dagli studenti italiani ed è un peccato, come dimostra l’indice PLI. Si tratta, infatti, della terza lingua più parlata in Europa con 80 milioni di madrelingua (dato del 2021).

Non solo, è la lingua ufficiale di tanti paesi, tra cui Belgio, Lussemburgo, Svizzera, Canada e Haiti. Solo per citarne alcuni. Il francese poi è la lingua amministrativa di paesi come Algeria, Marocco, Mauritania e Tunisia. Il numero di persone in grado di parlare francese è cioè molto alto e corrisponde a più di 270 milioni di parlanti (dato risalente al 2022).

Il rapporto tra Italia e Francia poi è facilitato dalla vicinanza geografica. Le relazioni commerciali sono molto sviluppate e sul territorio italiano sono presenti numerose aziende francesi che impiegano circa 240 mila cittadini italiani. I settori in cui i rapporti sono maggiori sono quelli della moda, del design e delle telecomunicazioni. Gli studenti universitari interessati a questi ambiti professionali dovrebbero assolutamente puntare sullo studio del francese.

4 – Spagnolo

Lo spagnolo conquista il quarto posto nell’indice PLI tra le lingue più importanti al mondo. I parlanti totali sono circa 548 milioni (dato del 2022) e i paesi in cui è la lingua madre sono ben 20, tra cui Venezuela, Argentina, Bolivia, Cile, Messico, Cuba, Portorico, Perù e così via. Non solo, sono milioni i bilingue che parlano spagnolo come secondo idioma.

Tutti gli studenti che desiderano lavorare in Sud America, per esempio, possono puntare sullo spagnolo. Lingua indicata per settori come il turismo e il commercio. L’Italia e la Spagna, tra l’altro, hanno molte relazioni commerciali, anche a causa della vicinanza geografica. Per non parlare della vicinanza dal punto di vista culturale che rende sicuramente più appetibile un eventuale trasferimento in un paese latino come la Spagna. Da non trascurare poi la facilità di apprendimento per uno studente italiano di una lingua come lo spagnolo, sicuramente molto più semplice del cinese mandarino.

5 – Tedesco

Tra le lingue più importanti da sapere c’è senza dubbio il tedesco, soprattutto per un europeo. Nella Comunità Europea, infatti, è la lingua più parlata con ben 95 milioni di persone. Non si parla poi solo in Germania ma anche in Svizzera, Austria e Belgio ed è studiata soprattutto in paesi nordici come la Danimarca, la Finlandia e la Svezia.

La Germania, inoltre, è uno dei paesi più solidi dal punto di vista economico in Europa ed è uno dei principali partner commerciali italiani. In Italia operano tantissime aziende tedesche che danno lavoro a migliaia di connazionali (Bosch, Mercedes, BMW, Lufhansa ecc.). Per non parlare poi dei gruppi finanziari e bancari. Il tedesco è un’ottima scelta linguistica per studenti interessati al settore finanziario, automobilistico e commerciale.

In realtà, il tedesco è anche la lingua della ricerca, dell’innovazione e del digitale. I domini tedeschi superano in numero quelli inglesi, posizionandosi al secondo posto dopo i domini .com. Questo significa che ci sono milioni di contenuti digitali in tedesco, favoriti anche da grandi e-commerce di diffusione internazionale. Gli studenti interessati a internet e al marketing online possono puntare sul tedesco e sulla Germania per lavorare nel loro settore preferito.

6 – Arabo

L’arabo occupa il sesto posto nell’indice PLI delle lingue più importanti al mondo. Supera anche il tedesco (che occupa il settimo posto), essenzialmente per il numero di parlanti. L’arabo standard, infatti, è parlato da più di 270 milioni di persone. Si tratta poi di una lingua che ha una sua influenza in ascesa. Tra i settori in cui ha maggiore rilevanza ci sono senza dubbio quello energetico (gas e petrolio) e quello commerciale.

È una lingua, però, non facilissima da imparare ed è consigliata agli studenti universitari interessati a lavorare nel settore energetico e commerciale, nel campo diplomatico e delle relazioni internazionali e nel settore della mediazione culturale.

7 – Russo

Il russo è una lingua molto diffusa, non a caso è parlato da quasi 260 milioni di persone. Per gli italiani si tratta di una lingua da imparare soprattutto per garantirsi un lavoro nel settore turistico. I russi hanno mostrato una grande preferenza per il nostro paese e parlare la loro lingua rappresenta indubbiamente un punto a favore. La passione per il lusso e per il made in Italy rende questa lingua una buona opportunità anche per chi lavora o vuole lavorare nel settore moda, cosmetica e gioielleria. La lingua russa, dunque, è un’opzione da tenere in considerazione per garantirsi una collocazione professionale soprattutto negli ambiti appena citati.

Credits immagine: Maxxyustas/DepositPhoto.com

CHIEDI INFORMAZIONI

icona link