L’UniCusano? Il posto migliore per mangiare all’università

Mangiare all’università

La verità è che è uno dei piaceri della vita. Nutrirsi per l’uomo non è solo nutrirsi. Per questa ragione, anche se siete solo degli studenti e non possedete grandi risorse da investire per il vostro palato, non significa che dobbiate trattarvi male. Se state frequentando un corso all’UniCusano, per esempio, mangiare all’università sarà qualcosa di davvero interessante. L’epoca in cui questo “servizio” era considerato collaterale e non utile, infatti, si è chiusa. Mens sana in corpore sano. Ecco cosa significa mangiare all’università all’UniCusano.

Come si diventa la prima della classe? Non tralasciando nulla, soprattutto quei particolari che sembrano minori e che invece minori non sono. È il caso del mangiare all’università prendono molto seriamente. Si illumina da dentro, infatti, il servizio mensa del mangiare all’università che vanta peculiarità davvero differenti rispetto ai competitors.
 Quali? Presto detto.
Il primo gap con “gli altri” è che all’UniCusano mangiare all’università costa solo 5 euro a pasto completo. Si tratta insomma di una cifra non solo al di sotto delle media degli atenei privati ma anche molto competitiva rispetto ai bar e ai ristoranti convenzionati. Addio, quindi, ai panini duri da masticare o alle insalate minuscole. Chi studia fatica e chi fatica deve riprendere energie. Cosa c’è di meglio di un pasto caldo e completo come quello che vi fareste preparare dalla mamma?
Il secondo gap del mangiare all’università rispetto al resto del settore della formazione è che ha ingredienti di prima qualità. Quando si trova un’offerta a questo prezzo, infatti, si pensa subito alla bassa qualità della roba. Non è questo il caso perché si tratta solo di portare in tavola la filosofia di fondo dell’UniCusano secondo cui il bene dello studente è al centro del mondo accademico sempre.
Se riuscite a tenere a bada ancora per un po’ l’appetito, vi consigliamo di viaggiare ulteriormente sul sito ufficiale dell’università o sul BLOG di UNICUSANO oppure potete porre domande attraverso l’apposito form.