Il Servizio Bibliotecario Nazionale? Consigliato dall’UniCusano

Test di orientamento dell’UniCusano

Se state studiando per prepararvi ad un esame o, ancora più verosimilmente, state scrivendo una tesi di laurea, ogni consiglio utile sarà ben accetto. Lo sa bene l’UniCusano che sottolinea l’importanza del Servizio Bibliotecario Nazionale. Secondo l’ateneo, che ha sempre l’interesse dello studente al centro del suo operato, si tratta infatti di uno strumento molto utile per raccogliere informazioni, dati e fonti con una grande qualità e certezza. Se siete alle prese col passaggio finale della vostra carriera accademica e avete bisogno di una mano per la bibliografia, continuate a leggere per saperne dio più sul Servizio Bibliotecario Nazionale.

Chi ha a cuore il destino degli studenti è consapevole di quanto sia ben accetto ogni piccolo aiuto. E così l’UniCusano dà una metaforica pacca sulla spalla a tutti i ragazzi che stanno scrivendo una tesi invitandoli ad usare lo strumento del Servizio Bibliotecario Nazionale (SBN). Di cosa si tratta? Tecnicamente è la rete delle biblioteche italiane promossa dal MiBAC,dalle Regioni e dalle università ed è coordinata dall’ICCU. Al Servizio Bibliotecario Nazionale (SBN) vi aderiscono attualmente oltre 3200 biblioteche, statali, di enti locali, universitarie, di istituzioni pubbliche e private, operanti in diversi settori disciplinari. 
Più nello specifico,
il catalogo collettivo del Servizio Bibliotecario Nazionale (SBN) contiene:

–       descrizioni di documenti acquisiti dalle biblioteche SBN a partire dagli anni intorno al 1990 o dall’entrata in SBN delle singole biblioteche;

–       descrizioni “libro in mano” di documenti dei secoli XVI – XX;

–       descrizioni recuperate dai cataloghi cartacei antecedenti al 1990.

Va detto che la base dati dell’OPAC SBN si aggiorna settimanalmente e, soprattutto che tramite l’OPAC SBN è possibile:

–       identificare i documenti di interesse;

–       individuare le biblioteche che possiedono tali documenti ed accedere alla scheda anagrafica della singola biblioteca;

–       accedere ai cataloghi locali per informazioni aggiuntive sulla disponibilità del documento;

–       accedere al servizio in linea di prestito da remoto o fornitura di documenti in riproduzione (ILL SBN) se la biblioteca partecipa a tale servizio;

–       accedere alle “Voci d’autorità”, voci controllate finalizzate a garantire l’univocità di alcuni punti di accesso del catalogo; attualmente sono presenti e ricercabili le schede relative ad una porzione dell’archivio “Autori”.

È evidente che il Servizio Bibliotecario Nazionale (SBN) sia un valido amico per scrivere la tesi. Già la testa è piena di ansie e paure, dover poi cercare un ago nel pagliaio non è davvero semplice.
La vera vostra amica nella formazione, però, è l’UniCusano. Imparate a conoscerla sempre di più leggendo il sito ufficiale o i post del BLOG di UNICUSANO dove sono raccontate le tante sfaccettature di questo mondo accademico. Se, invece, le domande ce le avete voi, potete porle attraverso il form https://www.unicusano.it/contatti-universita.