Come diventare tecnico della prevenzione: studi e possibilità

come diventare tecnico prevenzione

Vuoi capire come diventare un tecnico della prevenzione?

In questa guida ti spiegheremo tutto ciò che devi sapere riguardo questa figura professionale, da quali sono le sue mansioni, alle sue conoscenze e competenze, fino alla sua formazione.

Con il passare degli anni, si è resa necessaria una più rigida (e in continua evoluzione) lista di norme, linee guida e controlli sulla sicurezza e sulle tecniche di prevenzione.

Questo serve a garantire luoghi di lavoro e ambienti il più igienico sanitari possibili, in modo da non ledere le persone né dal punto di vista fisico, Né tantomeno mentale.

Insomma, si parla di una maggiore attenzione e di tutte quelle norme sulla sanità, che ci garantiscono di vivere in salute. Proprio per controllare che queste norme vengano rispettate, è nata la figura del tecnico della prevenzione.

Vediamo tutti i dettagli.

Come si diventa tecnico della prevenzione? Ecco tutto ciò che devi sapere

Vuoi sapere come diventare tecnico della prevenzione? In questa breve guida ti daremo tutte le informazioni necessarie per conoscere nel dettaglio questa figura professionale e capire se è una carriera che fa per te.

Vedremo assieme quali sono le sue mansioni, i requisiti e le competenze che deve conoscere e il percorso formativo.

Chi è e che cosa fa il il tecnico della prevenzione? Le mansioni

La professione del tecnico della prevenzione è stata regolamentata dal  D.M. Sanità nr 58/97 e dalla Legge  251/2000, art. 4.

Essa si basa sul compiere determinati esami ed ispezioni, allo scopo di garantire la tutela della salute dell’uomo all’interno dei luoghi di lavoro e dell’ambiente.

Un tecnico della prevenzione svolge attività di prevenzione, formazione, verifica e controllo riguardo all’igiene e alla sicurezza dei luoghi di lavoro, in materia di tutela dell’ambiente, di sanità pubblica, igiene degli alimenti e igiene veterinaria.

Vediamo quindi le sue principali mansioni:

  • notifica eventuali irregolarità su materie a lui competenti
  • controlla gli ambienti di vita e di lavoro
  • fa inchieste per infortuni e malattie professionali
  • vigila sulle condizioni degli alimenti e bevande
  • verifica l’igiene e la sanità veterinaria
  • controlla i prodotti cosmetici
  • lavora assieme all’amministrazione giudiziaria durante le indagini riguardo i reati contro il patrimonio ambientale, o sulle condizioni di igiene e sicurezza all’interno dei luoghi di lavoro e sulle condizioni degli alimenti

Queste sono le sue principali mansioni, ma sono presenti anche altri incarichi ma sempre in relazione alle sue materie di competenza.

Cosa deve saper fare? Skills e competenze

Quali sono le conoscenze e le competenze che un tecnico della prevenzione deve possedere?

  • saper applicare le procedure sui prelievi ambientali e alimentari e il loro conferimento ai Laboratori delle Autorità Competenti
  • conoscenza dei sistemi operativi per la gestione dei dati su statistiche epidemiologiche
  • conoscenze base sulla statistica e epidemiologia
  • possesso di una cultura medico sanitaria
  • conoscenza del Diritto Pubblico, Diritto Penale e Diritto del Lavoro
  • avere basi sull’igiene e sicurezza del lavoro
  • conoscenze riguardanti Tossicologia Medicina legale e Primo Soccorso
  • conoscenze riguardanti la prevenzione e protezione specialistica

Il percorso di studi

Arriviamo quindi al dunque: come diventare Tecnico della Prevenzione?

La laurea è sicuramente un primo passo fondamentale.

Una volta conseguito il titolo, potrai lavorare sia nella aziende private (inquadrato come dipendente o come libero professionista) oppure, accedendo tramite concorso, all’interno della pubblica amministrazione, nei Dipartimenti della Prevenzione delle ASL e nelle ARPA (agenzie regionali per la protezione dell’ambiente).

A seguire, è utile specializzarsi con un Master. Ad esempio, se in generale il tema della sicurezza ti interessa, Unicusano offre diversi Master:

  1. Diritto della sicurezza alimentare. L’importanza della sicurezza alimentare impone al tecnico della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro una formazione specialistica che sappia orientare l’operatore nelle complessità tecnico giuridiche che intervengono, da più parti, nella filiera agroalimentare;
  2. Psicologia della Salute Organizzativa. Master di II livello incentrato su teorie, strumenti e metodologie per la valutazione del rischio Stress Lavoro Correlato
  3. Sicurezza delle reti informatiche. Il master si rivolge a tecnici della prevenzione o dall’intervento immediato in caso di una minaccia informatica improvvisa, come furto di identità e informazioni sensibili, l’attacco di un virus o un hacker

Per saperne di più, compila il form.

***

Credits Immagine: DepositPhotos / drhitch