Come preparare più esami nella stessa sessione: consigli utili

come preparare più esami nella stessa sessione

A tutti gli studenti universitari capita prima o poi di domandarsi come preparare più esami nella stessa sessione.
Il quesito può nascere da un’esigenza legata agli appelli ravvicinati del corso di studi o dall’intenzione personale di recuperare i ritardi accumulati.

In entrambi i casi la preparazione di più esami contemporaneamente richiede impegno, metodo, e qualche rinuncia.

Nel corso di questa guida ti forniremo alcuni consigli utili per organizzarti al meglio e superare brillantemente le prove.

Suggerimenti e dritte per preparare più esami contemporaneamente

Prima di svelarti le dritte per riuscire a dare più esami insieme, ovvero prima di spiegarti come organizzarti al meglio per affrontare la sessione di esami, è d’obbligo una breve premessa.

Per quanto fattibile, studiare tante materie insieme, ovvero preparare più prove contemporaneamente, non è sicuramente una passaggiata.

Uno dei presupposti fondamentali per riuscire nell’impresa è porsi aspettative reali.
È importante organizzarsi sulla base di criteri realistici, tenendo in considerazione le proprie capacità, i propri limiti e, chiaramente, il tempo a disposizione.

Pianifica gli esami: numero e tipologia

Il primo passo per poter raggiungere un qualunque obiettivo di vita, sia esso scolastico, lavorativo o di qualsiasi altra natura, è la pianificazione.

Il punto di partenza è definire quanti e quali esami preparare contemporaneamente.

Ovviamente il numero dipende in gran parte dalla difficoltà delle prove e dalla propria attitudine verso le materie da studiare.
In linea generale è consigliabile evitare di studiare più di tre esami per volta.

Per quanto riguarda invece la tipologia, è preferibile evitare di mettere insieme i cosiddetti esami ‘mattoni’, ovvero quelli notoriamente più impegnativi.
Iniziamo quindi a dividere gli esami ‘facili’ da quelli ‘difficili’.

Inutile dirti che la selezione è piuttosto soggettiva, anche se alcuni esami sono oggettivamente più impegnativi di altri.

Dopo aver identificato le prove che saranno oggetto di studio simultaneo, e dopo averne fissato le date, bisogna stilare una tabella di marcia, che oltre a dettare i ritmi dello studio consente di avere sempre ben chiaro L’avanzamento dei lavori, per cui il lavoro già svolto e quello ancora da svolgere.

La gestione ottimale del tempo è uno dei presupposti fondamentali per riuscire nell’impresa di preparare tre o più esami contemporaneamente.

Prepara il materiale di studio

Dopo aver pianificato il lavoro sia dal punto di vista temporale che contenutistico si passa alla preparazione del materiale di studio.

Per evitare inutili sprechi di tempo è preferibile preparare in anticipo libri, dispense, appunti e tutto ciò che serve per studiare.

Per chi frequenta i corsi di laurea online lo step della raccolta può essere praticamente saltato.
Tutto il materiale è disponibile online, all’interno di un’area riservata accessibile dallo studente previo inserimento di username e password.

Identifica gli argomenti più chiesti

Se hai deciso di preparare più esami nella stessa sessione sicuramente non puoi pretendere una preparazione impeccabile; anche perché per quanto tu possa essere diligente e super organizzato devi comunque fare i conti con il tempo a disposizione.

Con questo non vogliamo assolutamente dirti di essere approssimativo, ma semplicemente di studiare con criterio.

Il passaggio fondamentale per gestire uno studio mirato è informarsi sugli argomenti più gettonati di ogni esame.

Seguire le lezioni è il modo migliore per identificare gli argomenti ‘preferiti’ del professore, ovvero quelli sui quali tende a focalizzarsi, e di conseguenza a chiedere con maggiore frequenza in fase di esame.

A tal proposito gli appunti presi durante le lezioni diventano uno strumento essenziale.

Per chi ha scelto i corsi di laurea online la fase è notevolmente agevolata dalla possibilità di accedere agli streaming delle lezioni, ovvero ai video pre-registrati disponibili all’interno dell’area riservata.
La possibilità di ri-ascoltare le lezioni permette di avere una panoramica chiara degli argomenti da approfondire con maggiore cura e attenzione.

Al di là di quelli che sono gli argomenti più gettonati in fase di esame, quando si ha poco tempo per preparare uno o più esami si ricorre generalmente a qualche espediente pratico che velocizzi e agevoli lo studio.
In tal senso può rivelarsi utile il Principio di Pareto, il quale afferma che ‘il 20% delle cause produce l’80% dei risultati’.

Applicato allo studio il principio sostiene che per ottenere l’80% dei risultati bisogna focalizzarsi sul 20% degli argomenti, ovvero su quelli principali.
In altre parole, per ottenere un 24 (80% di 30) bisogna studiare almeno il 20% di tutto il materiale didattico previsto per l’esame.
Il 24 è chiaramente un voto medio tra il 18 (voto minimo) e il 30 (voto massimo).

Predisponi un metodo di studio

Passiamo al punto cruciale sul quale si basa gran parte del successo universitario: il famoso ‘metodo di studio’ di cui abbiamo tanto sentito parlare fin da piccoli.

Sappiamo bene che studiare per preparare 3 esami in una sessione richiede organizzazione e impegno; ma richiede anche una metodologia efficace e produttiva.

È fondamentale individuare un metodo che da un lato si allinei alle personali attitudini allo studio e dall’altro consenta di superare limiti e difficoltà.

Utilizzare qualche strumento pratico è sicuramente utile per gestire in maniera ottimale i vari aspetti dell’apprendimento.

La tecnica del pomodoro, ad esempio, permette di gestire i tempi in modo efficace, alternando brevi sessioni di studio intense (e prive di distrazioni) a piccole pause di recupero.

La lettura veloce può essere un altro valido alleato per chi si appresta ad affrontare la preparazione di tre o più esami contemporaneamente.

Attenzione però, si tratta di uno strumento che per essere utilizzato al meglio, ovvero per dare risultati concreti, necessita di un minimo di allenamento.

Per quanto riguarda invece la memorizzazione e la comprensione degli argomenti sono disponibili innumerevoli strumenti.
Dai semplici riassunti alle mappe concettuali, fino ad arrivare alla tecnica P.A.V. e alla tecnica dei Loci le possibilità sono davvero infinite.

Indicare le più valide a livello universale non è chiaramente possibile.
Ognuno deve essere in grado di individuare quelle che maggiormente si allineano alle proprie caratteristiche ed esigenze.

Nell’ambito di un buon metodo di studio sono previste più sessioni di ripasso finalizzate a monitorare il livello dell’apprendimento e le eventuali lacune da colmare.

Trova il giusto equilibrio: studio, riposo, svago

Le esagerazioni sono sempre controproducenti.
Anche se hai deciso di preparare tre esami contemporaneamente non significa che devi smettere totalmente di vivere; e tanto meno significa che devi ingorare le esigenze di corpo e mente.

Il riposo è fondamentale per ricaricare le energie.

Dormire la notte, un numero di ore sufficiente per permettere al cervello di rigenerarsi, è fondamentale per il corretto funzionamento delle funzioni cognitive.

Viceversa il poco riposo, o anche il riposo tormentato e discontinuo, genera uno stato di stanchezza sia fisica e mentale che influisce negativamente sulla qualità dell’apprendimento.

Se poi al riposo riusciamo ad abbinare anche qualche momento di svago il recupero diventa totale, e saremo più attivi e produttivi nello studio.

Chiaramente ciò non significa uscire ogni sera e ritirarsi alle quattro di mattina, ma semplicemente concedersi qualche pausa per fare una passeggiata, per prendere un caffè con un amico o per dedicarsi al proprio hobby preferito.

Trovare il giusto equilibrio senza esagerare in un senso o in un latro è fondamentale per gestire l’apprendimento nel modo giusto.

Ora sai come preparare più esami nella stessa sessione; non devi fare altro che inziare ad organizzare il lavoro seguendo i consigli che hai letto in questo post.

Credits: piotr_marcinski/Depositphotos.com