Cosa fare dopo il liceo artistico: gli sbocchi lavorativi

cosa fare dopo il liceo artistico

Cosa fare dopo il liceo artistico, ovvero quali sono gli sbocchi attuali che permettono di assecondare le inclinazioni artistiche e allo stesso tempo costruire una carriera di successo?

Se hai una passione per l’arte o una predisposizione naturale verso il disegno, la pittura o la scultura non necessariamente significa che da grande diventerai uno scultore o un pittore contemporaneo.

Frequentare il liceo artistico significa acquisire una preparazione di base estremamente versatile, che può essere specializzata ulteriormente a seconda delle personali ambizioni.

Oggi esistono tantissimi sbocchi che esulano da quelle figure che tradizionalmente, e quasi esclusivamente, venivano associate al mondo dell’arte; tantissimi sbocchi che si allineano alle moderne espressioni artistiche e ai nuovi supporti tecnologici attraverso i quali l’arte viene espressa, comunicata e fruita.

Nel corso di questa guida analizzeremo nel dettaglio le potenzialità del liceo artistico, le materie e gli sbocchi lavorativi.

Cosa si studia al liceo artistico: indirizzi e materie

È piuttosto evidente che una forte passione per l’arte e una spiccata propensione verso il disegno o qualsiasi altra forma d’arte non sono sufficienti per diventare un artista, o più in generale per lavorare nel mondo dell’arte.
Trattandosi di un settore ampio e multidisciplinare è necessario acquisire un ampio bagaglio di conoscenze e competenze tecniche che riguardano l’arte in generale e gli strumenti, tradizionali e innovativi, per poterla esprimere al meglio.

Che si desideri diventare pittore, scultore, designer di gioielli o arredatore è necessario possedere un’adeguata base formativa.
Il liceo artistico rappresenta a tal proposito il punto di partenza perfetto per qualsiasi aspirante artista.

Il programma include lo studio delle classiche materie previste dai licei come l’ italiano, la letteratura, la storia, la geografia, la matematica, la fisica e le scienze, alle quali si affiancano discipline che afferiscono in maniera specifica al mondo dell’arte.

Dopo i primi due anni di liceo lo studente sceglie l’indirizzo di studi più affine alle personali inclinazioni.
Per il triennio è possibile scegliere tra i seguenti indirizzi, ognuno dei quali fornisce una preparazione più dettagliata in determinati campi:

  • Arti figurative: garantisce una formazione di tipo ‘generale’ che si focalizza su scultura e pittura
  • Grafica: incentrato sulla progettazione
  • Scenografia: eroga competenze relative agli allestimenti scenici destinati a tv, cinema e teatro
  • Architettura e ambiente: fornisce la base ideale per intraprendere il percorso universitario relativo alla facoltà di architettura
  • Design: incentrato sulla progettazione di oggetti
  • Audiovisivo e multimediale: formazione incentrata sulla storia e sulle tecniche dell’arte audivisiva e multimediale, per cui sui media e internet

Università dopo il liceo artistico: quali facoltà scegliere

L’artistico è un liceo che rilascia un titolo di scuola superiore valido per l’accesso all’università, per cui è possibile iscriversi indistintamente a qualunque facoltà, a prescindere dall’attinenza con le materie già studiate.

Numerosi sono i corsi di laurea, ovvero le facoltà, che consentono di approfondire e sviluppare la passione e l’inclinazione per l’arte.

Generalmente si tende ad associare il termine arte a quadri, sculture e monumenti; ma sappiamo bene che esistono tantissime altre espressioni artistiche che riguardano il mondo dello spettacolo, della fotografia, della moda ecc.

Chi ha frequentato il liceo artistico ha le basi per poter accedere a svariati percorsi di studio universitari, direttamente o indirettamente afferenti il mondo dell’arte.

Architettura

Una delle facoltà più gettonate tra i diplomati che hanno conseguito la maturità artistica è senza dubbio quella di architettura.

L’indirizzo del liceo artistico ‘architettura e ambiente’ garantisce sbocchi interessanti a chi sceglie di proseguire con una specializzazione univeristaria.

La facoltà di architettura si snoda in varie proposte, ognuna delle quali approfondisce un determinato ambito di applicazione della materia: urbanistica, restauro, disegno industriale.

Ingegneria civile

Tra gli indirizzi universitari più interessanti dal punto di vista delle prospettive occupazionali e allo stesso tempo in grado di assecondare le ambizioni di chi ha frequentato il liceo artistico rientra quello ingegneristico.

La facoltà di ingegneria civile approfondisce il ramo ingegneristico che riguarda la progettazione di edifici e opere destinate ad un uso civile.

DAMS

Tra i corsi di laurea che garantiscono una formazione artistica rientra il DAMS (acronimo di Discipline delle Arti della Musica e dello Spettacolo).

Si tratta di un corso di laurea che eroga una formazione teorica e pratica incentrata sulle arti visive; sul cinema, sul teatro, sulla tv, sulla musica e sulla danza.

Il titolo consente ai laureati di acquisire una solida preparazione spendibile in tutti i contesti artistici e culturali. In particolare, gli sbocchi si concentrano prevalentemente negli ambiti museale, editoriale, multimediale e archivistico.

Accademia delle Belle Arti

L’Accademia delle Belle Arti rientra nel comparto universitario AFAM (Alta Formazione Artistica Musicale e Coreutica); ovvero è un’istituzione di alta cultura incentrata sulle arti visive, la storia dell’arte e l’arte applicata.

Si tratta di un’accademia che rilascia diplomi accademici di primo livello (laurea) e di secondo livello (laurea magistrale).

Svariati sono i corsi formativi, che si sviluppano nell’ambito di tre principali macro-aree:

  • Arti visive: pittura, scultura, decorazione e grafica
  • Progettazione e arti applicate: scenografia, fotografia, restauro, progettazione artistica
  • Comunicazione e didattica dell’arte

Il percorso di studi offre sbocchi che si concretizzano sia all’interno di enti e musei e sia nel mondo dello spettacolo; ma anche in tutti quegli ambiti in cui la creazione artistica si avvale delle moderne tecnologie.

Liceo artistico: che lavoro fare

Il conseguimento di una laurea rappresenta, in generale, un plus importante per migliorare le prospettive occupazionali.
Il diplomato, a seconda delle proprie esigenze e ambizioni, può decidere tranquillamente di approcciarsi al mercato del lavoro con il diploma di maturità. Non necessariamente deve iscriversi all’università e conseguire una laurea per poter lavorare.

In un Paese come l’Italia, così ricco dal punto di vista artistico, trovare un impiego in uno dei tantissimi ambiti collegati al mondo dell’arte è possibile anche con un diploma di maturità.

Entriamo quindi nel cuore del nostro post per rispondere al quesito ‘dopo il liceo artistico cosa fare?’

Dai musei agli enti locali, dall’artigianto al mondo dello spettacolo ecco di seguito alcuni interessanti sbocchi lavorativi dopo il liceo artistico.

Progettista d’interni

Tra gli sbocchi professionali del liceo artistico rientra l’interior design, ovvero l’attività che fa capo al progettista d’interni.

L’interior designer è il profilo che si occupa di progettare gli spazi interni di abitazioni, uffici, negozi, strutture ricettive (hotel, b&b ecc.) e infrastrutture pubbliche.

La professionalità del progettista ha come finalità ultima l’allestimento degli spazi, ovvero un’organizzazione che risulti funzionale e che abbia allo stesso tempo un senso estetico; il tutto chiaramente sulla base delle esigenze e delle richieste del cliente.

Addetto alla scenografia

Il diploma del liceo artistico offre sbocchi interessanti e gratificanti anche nel mondo della scenografia.

Lo scenografo è un profilo richiesto nel settore del cinema, della televisione, dello spettacolo e dell’intrattenimento in generale.

Per quanto riguarda le mansioni l’addetto alla scenografia si occupa di realizzare le ambientazioni delle varie tipologie di produzioni (cinematografiche, televisive, teatrali ecc.).
L’attività di un professionista parte quindi dallo studio delle sceneggiature, ovvero dei copioni, sulla base delle quali dovrà successivamente ideare, progettare e realizzare le ambientazioni.

La professionalità presuppone un solido background di competenze tecniche integrato da doti creative e organizzative.

liceo artistico sbocchi
Credits: gunnar3000 / Depositphotos.com

Fotografo

La fotografia è un campo affascinante che offre innumerevoli sbocchi lavorativi dopo il liceo artistico.

Diventare fotografo è un’ambizione piuttosto comune, per assecondare la quale esistono svariati percorsi formativi.

Il punto di partenza ideale è l’indirizzo ‘Audiovisivo e multimediale’ del liceo artistico, che consente di acquisire le basi per una futura specializzazione.
Dal mondo dello spettacolo a quello della stampa, dalla pubblicità agli eventi, dal settore del turismo a quello dell’arte le opportunità lavorative per un fotografo sono infinite; opportunità che possono riguardare sia un impiego da dipendente e sia una collaborazione da free-lance.

Grafico per il web

Lo sviluppo di internet ha determinato la nascita di nuove professionalità, la cui principale mansione e sfruttare le potenzialità della rete per raggiungere obiettivi di varia natura.

Il grafico che lavora per il web può essere considerato come una sorta di evoluzione della tradizionale professione di grafico.

Definire in maniera univoca la professionalità è praticamente impossibile.
Si tratta di una figura che a seconda dei contesti nei quali opera può svolgere varie tipologie di attività.

In linea generale, e quindi anche riduttiva, potremmo dire che si tratta del professionista che si occupa di realizzare ‘disegni’ destinati al web.
‘Disegni’ intesi chiaramente nel significato più ampio del termine, nell’ambito del quale rientrano banner, marchi, newsletter, brochure, loghi, packaging di prodotti, ecc.

Fumettista

Il liceo artistico, attraverso approfondimenti che riguardano i moderni supporti e strumenti digitali, fornisce una preparazione che può essere spesa nel campo della fumettistica.

Il fumetto è un genere che da sempre appassiona adulti e bambini, per cui, anche se sono cambiati i supporti per la lettura (lettori e dispositivi digitali al posto del cartaceo) rimane comunque un ever green.

Il disegnatore di fumetti, di storyboard o anche di ambientazioni per videogiochi è una delle professioni che può essere intrapresa da chi ha conseguito un diploma presso il liceo artistico.

Tra i contesti in cui può trovare impiego rientrano case editrici, redazioni di riviste o siti internet.

A seconda dei casi può lavorare su sceneggiature già esistenti, create da terzi, oppure può occuparsi personalmente di ideare e realizzare il fumetto.

Altri sbocchi

Anche il campo dell’artigianato può offrire interessanti opportunità lavorative a chi ha conseguito una maturità ad indirizzo artistico.

La creazione di gioielli, la realizzazione di complementi d’arredo o il design di particolari materiali sono alcuni dei settori cui risulta spendibile la preparazione di un diplomato, unita chiaramente ad una serie di altre attitudini e capacità personali.

Ora sai cosa fare dopo il liceo artistico, o meglio hai più chiaro il panorama delle opportunità; non devi fare altro che individuare la prospettiva più affine alle tue ambizioni e iniziare a lavorare per assecondarla.

Credits: DragonImages / Depositphotos.com