Film anni 30: ecco i 5 cult da vedere assolutamente

film anni 30

Curioso di scoprire quali sono i film anni 30 da non perdere assolutamente?

Ti accontentiamo subito: in questa guida vedremo quali sono i film kolossal degli anni 30 da vedere, dai classici italiani alle pellicole di respiro internazionale.

Un buon film è quello che ci vuole per trascorrere una pausa dallo studio in compagnia: dalle storie drammatiche alle commedie, negli anni ’30 il cinema ha prodotto vere e proprie icone adatte davvero per tutti.

Vediamo ora quali sono i 5 film vecchi da vedere assolutamente.

La top five dei film degli anni 30 da vedere

Pronto per scoprire i film che non dovresti assolutamente perdere prodotti negli anni Trenta? Continua a leggere: ti sveleremo i titoli migliori nei prossimi paragrafi della nostra guida.

LEGGI ANCHE – Libri di storia: ecco quelli da leggere assolutamente

Il mago di Oz

Apriamo la nostra top five con Il mago di Oz, un film del 1939 diretto da Victor Fleming.

La trama racconta le avventure della piccola Dorothy e del suo cagnolino Totò che vengono trasportati, grazie ad un ciclone, in un mondo fantastico dove incontrano un leone, uno spaventapasseri e un omino di ferro. Durante la sua permanenza in questo regno, Dorothy sconfiggerà la strega cattiva e verrà a conoscenza della verità sul mago di Oz.

Il pezzo forte di questo film? Sicuramente l’interpretazione di Judy Garland della piccola Dorothy, che canta la famosa e indimenticabile canzone Over the rainbow.

Via col vento

Quando parliamo di film kolossal, non possiamo non citare Via col vento, diretto anch’esso da Victor Fleming. Si tratta di una pellicola molto popolare, che ha riscosso grande successo di pubblico e di critica.

Ambientato negli Stati Uniti meridionali sullo sfondo della guerra di secessione americana e dell’era della Ricostruzione, il film racconta la storia di Rossella O’Hara (Vivien Leigh), la volitiva figlia del proprietario di una piantagione della Georgia, dalla sua ossessione romantica per Ashley Wilkes (Leslie Howard), sposato con sua cugina Melania Hamilton (Olivia de Havilland), al suo matrimonio con Rhett Butler, interpretato da Clark Gable.

Il film ha vinto ben 10 premi Oscar, rimanendo il film col maggiore incasso nella storia del cinema per oltre un quarto di secolo.

Uomini e topi

Uomini e topi è un film del 1939 diretto da Lewis Milestone, tratto dall’omonimo romanzo di John Steinbeck. Protagonisti di questo film drammatico due giovani americani, che lavorano in una fattoria e affrontano, tra le loro avventure, l’arrogante figlio del padrone.

Prodotto da Hal Roach studios, la pellicola è stata nominata a 4 premi Oscar, tra i quali due per le musiche di Aaron Copland e un altro come migliore film.

M – Il mostro di Düsseldorf

Tra i film degli anni 30 di ispirazione noir, citiamo senza dubbio M – Il mostro di Düsseldorf, una pellicola diretta da Fritz Lang.

La trama è ispirata alle attività criminali commesse nella Germania negli anni venti da Fritz Haarmann e Peter Kürten. Il film racconta proprio il terrore della popolazione di una città tedesca in balia di un maniaco già colpevole dell’uccisione di otto bambine. Questo criminale è ricercato dalla polizia e anche dalla malavita locale, usando i mendicanti come spie. Una serie di vicissitudini porteranno poi all’identificazione del maniaco e al suo arresto.

Nel 1951 ne è stato girato un rifacimento a opera di Joseph Losey, intitolato M.

L’angelo azzurro

Chiudiamo la nostra top five con un film del 1930, L’angelo azzurro. Diretto da Josef von Sternberg, tratto dal romanzo Professor Unrat di Heinrich Mann,  un’opera che si differenzia per la efficacia narrativa ed espressiva e che ha suscitato l’interesse di sociologi e studiosi, oltre che degli psicoanalisti.

Al centro della trama, la tragica storia del professor Rath, rispettabile insegnante di un ginnasio di provincia, che si innamora di una cantante di varietà, impersonata da Marlene Dietrich.

Si tratta sicuramente di una delle migliori interpretazioni della Dietrich, che grazie a questo suo ruolo ottenne la sua consacrazione, dando una svolta decisiva alla sua carriera.

Bonus film d’animazione: Biancaneve e i sette nani

Al termine di questa guida dedicata agli appassionati di cinema abbiamo previsto una piccola sorpresa, citando una pellicola di animazione del 1937, prodotta da Walt Disney: Biancaneve e i sette nani. 

Basato sull’omonima fiaba dei fratelli Grimm, questo film è importante perché è stato il primo lungometraggio in cel animation della storia del cinema, il primo film d’animazione prodotto negli Stati Uniti d’America, il primo a essere girato completamente a colori e il primo lungometraggio prodotto dalla Walt Disney Productions.

La nostra top five dei film degli anni 30 è terminata: non ti resta che goderti la tua pausa dallo studio con le pellicole più belle di quell’epoca.