Università Niccolò Cusano, la presa di posizione dei docenti

Master UniCusano

A seguito dell’articolo pubblicato dal quotidiano La Repubblica del 14-11-2013, teniamo a precisare quanto segue.

I rilievi formulati dall’anonimo docente consisterebbero nel fatto che, presso le Università telematiche in generale e nella nostra in particolare, si agevolerebbe il superamento degli esami. Nell’articolo non mancano generalizzazioni.

Il punto centrale è costituito dal fatto che la valutazione della qualità dello studente è demandata al docente del corso ed è lasciata alla sua deontologia: questo vale sia presso le Università statali che presso la nostra Università. Qualora il docente ritenga che un compito sia stato copiato in sede di esame, può tenerne conto nella valutazione. Nella nostra opinione, il punto da chiarire è questo:  se da parte dell’Unicusano provengano, oppure no, esplicite o implicite richieste ai docenti affinchè mantengano un livello di valutazione particolarmente favorevole per lo studente. Questo non è mai accaduto. Ci è sempre stata lasciata la più completa libertà nella formulazione dei programmi, nella predisposizione del materiale didattico e, soprattutto, nella valutazione degli studenti; esattamente come accade nelle università Statali, da cui molti di noi provengono. Da sempre, è stato infatti messo in chiaro dai vertici dell’Ateneo che avremmo sempre dovuto assicurare agli studenti la massima disponibilità(come avviene in università estere e non sempre in quelle italiane), senza rinunciare ad una seria valutazione del profitto degli stessi in sede di esame.

Venendo all’ultima critica contenuta nell’articolo, riguardante l’opaca conduzione degli esami fuori sede, è nostra comune certezza che da parte dell’amministrazione dell’Unicusano ci sia la volontà di mantenere la più alta serietà. Le procedure sono mutuate da quelle concorsuali: i compiti vengono preparati e associati ad ogni studente e fatti pervenire alle sedi esterne  da parte di personale docente ed amministrativo dell’Università. Il personale docente provvede quindi all’identificazione degli studenti, verifica che gli studenti non consultino testi o internet durante la prova ed al termine della prova provvede a ritirare i compiti e sigillare i plichi. Sempre il personale docente e amministrativo è incaricato di riportare gli elaborati presso la sede dove questi vengono fatti pervenire alla commissione d’esame per la correzione.

In conclusione riteniamo che l’articolo in questione sia gravemente ed ingiustamente lesivo della nostra dignità professionale ed auspichiamo che ne venga fatta rettifica nel modo più opportuno.

 

I docenti dell’Università Unicusano