Come diventare consulente commerciale: studi e opportunità

come diventare consulente commerciale

Come diventare consulente commerciale? Questa è sicuramente una domanda interessante per chi vorrebbe lavorare nel settore del marketing e delle vendite avviando un percorso di carriera orientato al mondo della consulenza.

Il consulente commerciale è quella figura professionale che ha il compito di dare supporto a enti o professionisti che vogliono creare o rinforzare la propria area commerciale e/o quella del marketing. Si tratta di un professionista che ha abilità polivalenti, che spaziano dalle capacità comunicative alle competenze nel ramo delle vendite.

Per poter esercitare con successo questo lavoro, dunque, sono necessari studi ben definiti sul mondo dell’economia e del marketing, oltre ad una serie di soft skills come l’empatia e il problem solving. In questa guida ti spiegheremo nel dettaglio in cosa consiste il lavoro del commerciale, dalle mansioni al percorso di studi migliore per intraprendere questa professione. Se sei pronto, iniziamo subito.

Tutto quello che devi sapere su come si diventa consulente commerciale

La figura del consulente commerciale è fondamentale per un’azienda che desidera ottenere successo. Questa figura professionale mette a punto strategie commerciali in grado di generare ricavi per un’impresa e, proprio in virtù di questo, il consulente commerciale è molto ricercato sul mercato.

Se sei curioso di scoprire come diventare consulente commerciale, continua a leggere questa guida: ti spiegheremo tutto nei prossimi paragrafi.

LEGGI ANCHECome diventare rappresentante di commercio: studi e opportunità

Chi è il consulente commerciale

Come abbiamo accennato, il lavoro del consulente commerciale è molto ampio e prevede la padronanza di diverse abilità; si tratta di una figura professionale polivalente, che rappresenta il cuore pulsante delle vendite di un’azienda.

Parlando nello specifico delle azioni concrete in capo al consulente commerciale, questo si occupa di:

  • Analizzare i mercati di riferimento;
  • Studiare il contesto aziendale e definire i punti di forza e di debolezza dei prodotti/servizi;
  • Creare strategie commerciali ad hoc per un’azienda;
  • Mettere in pratica la strategia commerciale curando o coordinando l’aspetto operativo.

Dare una definizione di consulente commerciale univoca è molto difficile, ma in generale possiamo dire che si tratta di quel professionista che, mediante la messa a punto di una serie di strategie, riesce ad incrementare le vendite di un’azienda.

Chiaramente il processo di vendita è di vitale importanza per chi opera nel settore commerciale e dei comparti del marketing e della promozione: ogni azienda ha delle figure di riferimento utili proprio a creare o a ottimizzare questo processo, ragionando su come vendere un prodotto o un servizio sul mercato.

Cosa fa il consulente commerciale

Il consulente commerciale, dunque,  si occupa di analisi dei mercati e di marketing, creando strategie utili per portare avanti le vendite all’interno di un determinato mercato. Le sue attività permettono di aumentare la soddisfazione dei clienti, portandoli alla fidelizzazione e generando valore per l’impresa, che si traduce in un aumento di fatturato.

La figura del commercial advisor, però, non si occupa solamente di questo aspetto, ma di tanti altri compiti ascrivibili al comparto vendite.

Sicuramente lo studio del mercato fa parte delle sue mansioni:  il consulente commerciale ha il compito di definire se un prodotto o servizio è adatto per essere distribuito in un determinato mercato e capire come farlo per avere risultati positivi. Oltre allo studio del mercato, questo professionista deve studiare anche il target di riferimento, ossia il gruppo di potenziali acquirenti a cui si rivolge il prodotto/servizio.

Accanto all’analisi del contesto esterno, è importante anche fare delle analisi interne relative ai processi aziendali e a caratteristiche proprie dell’impresa, come il posizionamento del brand. Il consulente commerciale stabilisce anche quali dovranno essere i canali di vendita, che possono essere, ad esempio, punti vendita tradizionali o negozi online.

Le competenze del consulente commerciale

Se vuoi sapere come diventare consulente commerciale, è importante conoscere quali sono le competenze che questa figura professionale dovrebbe assolutamente avere.

Ora che abbiamo visto le mansioni del consulente commerciale, potrai facilmente immaginare quali siano le competenze più importante che questo professionista deve avere, prima fra tutti una grande conoscenza del marketing strategico e operativo.

Non solo: il consulente deve essere in grado di condurre analisi di mercato, deve avere capacità organizzative e relazionali (sia all’interno della stessa azienda, si con i clienti, che con le figure professionali di cui si occupa).

Oltre a questo, deve saper gestire e coordinare un team di commerciali, scegliere le persone più adatte per ricoprire questo ruolo e avere forti doti empatiche. Deve inoltre saper definire le condizioni generali per una vendita e saper formulare dei preventivi.

Essendo una professione estremamente dinamica, il consulente commerciale deve tenersi in costante aggiornamento lavorando sull’apprendimento continuo e sulla propria crescita personale. Lavorando anche su mercati esteri, una buona padronanza delle lingue straniere, in particolare dell’inglese, è sicuramente utile.

Quanto guadagna un consulente commerciale

Lo stipendio di un consulente commerciale dipende da molti fattori, primo fra tutti la dimensione e il prestigio dell’azienda per la quale lavora. Molto spesso il consulente viene pagato con uno stipendio fisso più delle provvigioni: un bravo consulente di commercio avrà molti clienti e, a seconda della sua bravura, potrà guadagnare di più.

L’ammontare delle provvigioni può variare di azienda in azienda e anche l’ammontare dello stipendio fisso può influire sulla determinazione delle percentuali.

Gli studi per diventare consulente di commercio: corsi di laurea Unicusano

Dunque, alla luce di quello che abbiamo detto, come diventare consulente commerciale? Senza dubbio, fare tanta esperienza nel campo è fondamentale per apprendere i segreti del mestiere e applicare ciò che si apprende studiando.

A proposito del percorso di studi, abbiamo detto che per essere un buon consulente commerciale servono solide competenze nel campo del marketing strategico e operativo, oltre alla conoscenza del mercato e delle logiche che lo regolano. A tal proposito, i corsi di laurea dell’area economica dell’Università Niccolò Cusano rappresentano la soluzione ideale.

I nostri corsi di laurea dell’area economica sono:

Il Corso di Laurea in Economia aziendale e Management, di durata triennale, ha come obiettivo quello di fornire allo studente solide conoscenze nei vari campi dell’economia e della gestione delle aziende pubbliche e private, nonché i metodi e le tecniche quantitative della Matematica per le applicazioni economiche, della Matematica finanziaria e attuariale e della Statistica. La preparazione fornita al laureato in ambito aziendale è arricchita grazie alla previsione di crediti formativi nell’ambito delle materie giuridiche, necessari alla conoscenza del quadro normativo di riferimento all’interno del quale si svolge l’attività aziendale.

Tutto questo è garantito da un piano formativo molto ricco che tocca diverse aree di sviluppo, dalla pura economia alle lingue straniere.

Al termine del percorso di studi triennale, se lo desideri, potrai proseguire i tuoi studi con un Corso di Laurea Magistrale in Scienze Economiche, utile per approfondire concetti relativi al mondo dell’economia e della finanza.

Se vuoi diventare consulente commerciale, inizia ora a muovere i giusti passi verso il tuo futuro: per iscriverti ai nostri Corsi, compila il form o chiama il numero verde 800.98.73.73