Corso di perfezionamento e aggiornamento professionale

Esperto di balistica forense con laboratori di Scena del Crimine e Balistica

  • A.A.: 2023/2024
  • CFU: 1300 h - 52 CFU
  • II Edizione III Sessione
  • Scadenza: 31/05/2024

Obiettivi e destinatari

Il Corso è volto a far acquisire le conoscenze professionali inerenti alla balistica forense; le tecniche scientifiche e giuridiche necessarie affinché il professionista sia dotato degli strumenti per poter valutare scenari complessi dove è stato fatto uso di armi da sparo ovvero delle differenti tipologie di armi e munizioni, delle lesioni derivanti da arma da fuoco, della normativa di riferimento e delle operatività insite nell’attività di Consulente esperto in balistica.
Il Corso inizia con una visione d’insieme sul panorama nazionale ed internazionale relativo alle armi per passare, poi, all’analisi degli esplosivi e al BPA (Bloodstain Pattern Analysis) relativa all’uso di armi nella commissione di un crimine violento.
L’esperto avrà la capacità di effettuare valutazioni della scena del crimine con analisi dei reperti collegati all’impiego di armi. Sarà in grado di analizzare gli elementi probatori per indagare l’evento criminoso e ricostruire il comportamento delle parti coinvolte.

Sbocchi professionali:
Il corso offre l’opportunità di lavorare, quali liberi professionisti, nei seguenti ambiti:

  • Giudiziario: Consulente Tecnico nelle indagini difensive, CT dei Pubblici Ministeri, Perito del Giudice, Ausiliario di PG;
  • Investigativo;
  • Privato: attività di investigazione tecnico – scientifica;
  • Aziendale: laboratori di analisi forensi e studi peritali forensi.


Il Corso è rivolto a tutti i diplomati e ai laureati in tutte le discipline del nuovo e vecchio ordinamento (ex art. 6 comma 2 lettera c della legge 341/90).
Il Corso si rivolge prevalentemente alle seguenti categorie:

  • Appartenenti alle forze armate (Esercito, Marina, Aeronautica);
  • Appartenenti alle Forze dell’ordine (Polizia penitenziaria, Carabinieri, Polizia di Stato, Guardia di Finanza ed altre);
  • Funzionari pubblici;
  • Studenti universitari e tutti coloro che desiderano specializzarsi nella balistica forense.

I candidati in possesso di titolo di studio straniero non preventivamente dichiarato equipollente da parte di una autorità accademica italiana, potranno chiedere al Comitato Scientifico il riconoscimento del titolo ai soli limitati fini dell’iscrizione al Master. Il titolo di studio straniero dovrà essere corredato da traduzione ufficiale in lingua italiana, legalizzazione e dichiarazione di valore a cura delle Rappresentanze diplomatiche italiane nel Paese in cui il titolo è stato conseguito.

I candidati sono ammessi con riserva previo accertamento dei requisiti previsti dal bando.
I titoli di ammissione devono essere posseduti alla data di scadenza del termine utile per la presentazione per le domande di ammissione.

 

Durata, Organizzazione didattica, Verifiche e Prova finale

Il Corso ha durata annuale pari a 1300 ore di impegno complessivo per il corsista, corrispondenti a 52 cfu; si svolgerà in modalità e-learning con piattaforma accessibile 24 h\24 e lezioni in presenza/videoconferenza articolato in:

  • lezioni video e materiale fad appositamente predisposto;
  • congruo numero di ore destinate all’auto-apprendimento, allo studio individuale e domestico;
  • laboratori pratici in presenza, facoltativi

Tutti coloro che risulteranno regolarmente iscritti al Corso dovranno sostenere un esame finale che accerti il conseguimento degli obiettivi proposti, presso la sede dell’Università sita in Roma – Via Don Carlo Gnocchi 3.

Programma

Offerta formativa

SSD discipline CFU ORE Docente
IUS/16 MODULO 1
Lineamenti di diritto penale, la prova nel processo

  • Ordinamento giuridico: fonti e partizioni.
  • Processo penale.
  • Fonti di prova
  • Differenza tra mezzi di prova e mezzi di ricerca della prova
  • Assunzione delle prove nel processo penale
  • Valutazione delle prove nel processo penale
5 125 Avv. Federica Colletta
IUS/16 MODULO 2
Fondamenti di Criminologia e Vittimologia. Il ruolo del criminologo nel processo penale e nei mass media.

    • Criminologia
    • Vittimologia
    • Colloquio criminologico
    • La perizia in criminologia: imputabilità e pericolosità sociale
    • Il ruolo del criminologo nel processo penale
    • Aspetti introduttivi di criminilastica e vittimalistica
8 200 Prof. Avv. Elisabetta Aldrovandi
SPS/12 MODULO 3
Crimini in famiglia il percorso psicologico della    devianza

  • Sociologia della famiglia criminale
  • Psicopatologia del serial killer
  • La comunicazione non verbale e il linguaggio della menzogna
5 125

Dott.ssa Antonella Elena Rossi

NON PREVISTO MODULO 4
Storia delle armi da fuoco

  • Armi da fuoco; storia, caratteristiche e tipologie
  • Le armi: lunghe/corte, a colpo singolo/ripetizione manuale/ ripetizione semi-automatica/ripetizione automatica, a canna liscia/a canna rigata.
  • Il ciclo funzionale di un’arma da fuoco
  • Montaggio e smontaggio delle armi da fuoco, controllo dell’efficienza dell’arma da fuoco
  • I sistemi di mira: il mirino, la tacca di mira, la diottra, il tunnel, il laser, le ottiche
  • Il munizionamento moderno: le cartucce,il proiettile,la carica di lancio, l’innesco, la borra, cartucce a munizionamento a palla, le cartucce con munizionamento spezzato,l’identificazione della marca e del calibro
  • Manutenzione e custodia delle armi da fuoco

7

175

Dott.ssa Raffaella Sorropago

IUS/16
ING-IND/14
MODULO 5
La balistica forense sulla scena del crimine

  • Classificazione delle armi secondo la normativa italiana ed europea
  • La balistica lesionale
  • Proiettili ad alta e bassa velocità
  • Le ferite d’arma da fuoco
  • Gli accertamenti tecnici con i simulatori balistici: la gelatina balistica e il sapone balistico
  • Gli accertamenti con i metodi cromogenici
  • GSR i residui dello sparo
  • Introduzione alla BPA (Bloodstain Pattern Analysis)
  • BPA e la scena del crimine (Bloodstain Pattern Analysis)
  • Cenni storici afferenti alla nascita dello studio della scena del crimine
  • Acquisizione informazioni dalla scena del crimine
  • Suddivisione delle diverse tracce e del loro metodo di individuazione, esaltazione e conservazione
  • Le tracce biologiche edattiloscopiche
9 225 Dott.ssa Raffaella Sorropago
ING-IND/14 MODULO 6
Ricostruzione delle traiettorie balistiche ed identificazione dell’arma del delitto

  • Lo sparo con un’arma: studio del fenomeno ed effetti di balistica terminale;
  • Fenomeni di Impatto: la formazione delle tracce di natura balistica;
  • Interazioni del proiettile con le forze esterne. Effetti di deformazione del proiettile
  • Il sopralluogo sulla scena di un’azione di fuoco. Ricerca di evidenze e tracce di impatto.
  • Analisi delle evidenze e tracce d’impatto rilevate: valutazioni preliminari in merito alla possibile traiettoria del proiettile
  • Studio e ricostruzione della traiettoria nella fase di volo del proiettile;
  • Studio dell’interazione del proiettile con i bersagli colpiti nella fase di volo.
  • Balistica comparatistica: teoria e pratica. Discussione di alcuni casi reali.
8 200

Emanuele Paniz

  MODULO 7
Laboratori pratici

  • Sopralluogo e ricostruzione della scena del crimine
  • Ricostruzione tracce ematiche
  • Ricostruzione di un evento a fuoco
  • Elementi di fotografia giudiziaria
  • Testimonianza dell’esperto balistico
  • Balistica forense, ricostruzione delle traiettorie, analisi 3D
    Dott.ssa Raffaella Sorropago
  Elaborato finale 2 50  

Quota d'iscrizione

  • 1.500,00
  • 1.200,00 per le seguenti categorie:
    • Iscritti e laureati Unicusano
    • Appartenenti alle Forze Armate.
    • Appartenenti alle Forze dell’Ordine e Corpi Armati dello Stato

CHIEDI INFORMAZIONI