Mattia Aguirre: “ LMDX business analyst presso Amazon” - Unicusano


Storie di Laureati
Curiosità e voglia di imparare: le leve strategiche del successo

Mattia Aguirre: “ LMDX business analyst presso Amazon”

Mattia Aguirre: “ LMDX business analyst presso Amazon”

Scopriamo insieme il percorso formativo e professionale di Mattia Aguirre, nostro laureato in Economia triennale, che lavora attualmente come LMDX Business Analyst presso la più grande Internet company al mondo: Amazon.

Nel 2010, appena conseguito il diploma di ragioneria, ho deciso di iscrivermi all’università La Sapienza di Roma e allo stesso tempo ho trovato lavoro presso una società di esternalizzazione inventariale.

Il lavoro si svolgeva principalmente di notte, spesso fuori Roma.

Questo purtroppo ha contribuito negativamente al mio percorso di studi, non avendo la possibilità di seguire le lezioni.

Infatti, dopo un anno e soli due esami sostenuti, ho deciso di lasciare l’università.

Ad Agosto 2017 sono stato assunto in Amazon come Supervisor e la prima cosa che ho deciso è stata iscrivermi nuovamente all’università.

Questa volta, però, ho scelto la facoltà di Economia e Management dell’Unicusano, che con il suo percorso telematico era perfetta per le mie esigenze.

Non è stato facile conciliare studio e lavoro, considerando che nel frattempo ci sono state anche due promozioni, tuttavia a Dicembre del 2021 sono riuscito a raggiungere l’obiettivo che mi ero preposto ed ho conseguito la Laurea in Economia triennale presso l’Unicusano.

Attualmente sono Business Analyst, con uno step up da Program Manager in corso, del team Last Mile Delivery Experience per il South Europe in Amazon.”

Come sei entrato a far parte della più grande “Internet company” al mondo?

“A Maggio 2017 avevo deciso di cambiare lavoro e Amazon proprio in quel periodo stava cercando personale per una nuova apertura su Roma.

Dopo uno screening telefonico conoscitivo che ha avuto esito positivo, sono stato invitato a Milano per svolgere altri tre colloqui.

Durante le interviste, Amazon richiede di seguire un format di risposta denominato STAR (Situation, Task, Action and Result), poiché le domande che vengono poste prevedono la descrizione di situazioni lavorative passate in cui il proprio contributo, positivo o negativo, abbia influenzato il risultato finale.

Il giorno dopo sono stato ricontattato dalla recruiter che mi ha comunicato l’esito positivo del colloquio.”

Qual è l’aspetto che ami di più del tuo lavoro?

Lavorare in un’azienda dinamica, meritocratica, che indirizza la crescita lavorativa in base alle qualità dimostrate mi motiva molto.

Del mio ruolo come Business analyst, invece, mi piace essere al centro di molti progetti diversi in cui cerchiamo di migliorare l’esperienza del cliente finale.”

Perché hai scelto di iscriverti all’Unicusano?

Cercavo un’università che mi permettesse di seguire le lezioni online e che mi garantisse la possibilità di svolgere almeno un esame al mese. Inoltre, l’Ateneo era basato su Roma e godeva di ottime recensioni.

Tutti questi fattori mi hanno portato a scegliere l’Università Niccolò Cusano per la mia formazione.”

C’è una materia o un professore del tuo percorso universitario che ricordi in particolare?

Sicuramente Il prof. Drago, che come professore mi ha fatto conoscere il mondo della machine learning e come relatore mi ha permesso di presentare una tesi incentrata sul ruolo del Business Analyst.

Lo ringrazio ancora per la professionalità, la gentilezza e la disponibilità dimostrata.”

Quali sono le skills fondamentali che un aspirante Business Analyst deve possedere?

Utilizzo un principio fondamentale che abbiamo in Amazon: learn and be curious. Sicuramente è il principio che più mi rappresenta e che un’analista deve senza dubbio seguire. Infatti, è fondamentale che un analyst si aggiorni continuamente al fine di individuare il modo più semplice, rapido e funzionale di elaborare un’analisi.”

Hai dei rimpianti relativamente alle scelte di carriera fatte fino ad ora?

“Lavorativamente parlando non ho rimpianti, forse ho qualche rimpianto sulla formazione. Lasciare l’università inizialmente è stato un fallimento, che credo abbia rallentato il mio percorso di crescita, anche se poi ho recuperato brillantemente grazie all’Unicusano.

Un altro rimpianto formativo è sicuramente l’inglese, attualmente fondamentale per me per relazionarmi con colleghi in giro per il mondo.

È imprescindibile conoscerlo alla perfezione se si vuole lavorare in una grande azienda.”

Siamo molto orgogliosi di avere tra i nostri laureati un giovane talento così ambizioso e motivato come Mattia, che nonostante un inizio un po' stentato ha saputo fare le scelte giuste e dimostrare tutte le sue qualità per spiccare il volo verso una delle più grandi aziende del mondo.

Complimenti Mattia!

 

A cura di Sara Marini - Area Marketing

CHIEDI INFORMAZIONI

icona link