Master I Livello in Pensiero creativo. Le dieci competenze irrinunciabili

Master I Livello
A.A.: 2019-2020
CFU: 60
II Edizione I Sessione 
  • Scadenza: 30.09.2019

Obiettivi e destinatari

Sempre più competenti, sempre più specializzati. Questo richiede il mondo del lavoro. Ma secondo uno studio del World Economic Forum, il 65% dei bambini che oggi sono alla scuola elementare, da grande farà un lavoro che attualmente non esiste.

E quindi, come possiamo noi, oggi, comprendere il mondo che sta cambiando? Dai nuovi assetti geopolitici all'intelligenza artificiale, dalle sfide della convivenza alla biologia sintetica, dalla cultura underground alle blockchain, dalle dinamiche neotribali emergenti agli algoritmi dei social network. Non possiamo essere esperti di tutto, ma possiamo raffinare le nostre categorie di pensiero.

Ciò che è sicuramente indispensabile è imparare a pensare fuori dal coro, ad essere analitici e critici, ma allo stesso tempo creativi. Questa è la chiave per il futuro, qualunque esso sia.

Dobbiamo esercitare un pensiero creativo, fondamentale per l'elaborazione dei contenuti, delle strategie e delle modalità di comportamento, di interpretazione, di azione, di comunicazione e di relazione, sia pubblica sia individuale. Essere cioè creativi a tutto campo.

Ma come possiamo impararlo? Attraverso l'apprendimento e la pratica di alcune competenze fondamentali:

  • pensare: il pensiero va educato ed esercitato in autonomia per non rischiare di omologarlo (volontariamente) a standard imposti dall'esterno. Sulla scorta della filosofia si vola sulle dinamiche del pensiero contemporaneo.
  • scrivere: la scrittura è strumento di educazione alla bellezza, stimola le idee, sviluppa la creatività ed è una forma organizzata di pensiero. Inoltre, attraverso la scrittura si comunica, si raccontano storie, si costruiscono mondi e si acquisiscono stili diversi.
  • parlare: la parola costruisce legami, distrugge relazioni, instaura fiducia, allontana le persone, implica cioè responsabilità. Imparare a parlare (in pubblico e one to one) e a scrivere discorsi è oggi più che mai importante. Una scienza che affonda le radici nel passato.
  • creare: la creatività è un muscolo, la creatività non è un'attività individuale. Quanti sono i luoghi comuni sulla creatività? E quante le sue possibili facce? Un percorso fra biografie di creativi per scoprire aspetti, stadi e qualità dei processi creativi e ciò che essi comportano.
  • interpretare: per comprendere l'efficacia del nostro segno interpretativo necessitiamo di capacità di ascolto attivo, capace di leggere la complessità delle strutture e il ruolo delle forme. Sarà la musica a sollecitare uno sguardo plurale, ricco e creativo sull'interpretazione.
  • viaggiare: il viaggio ci aiuta a pensare all'alterità, alla diversità, alla coesistenza delle identità, all'etica della relazione, alla curiosità per la conoscenza, alla messa in discussione di certezze, ma anche al rafforzamento dell'identità individuale. Oggi non possiamo farne a meno.
  • ragionare scientificamente: energia, cambio climatico, terrorismo, nuove tecnologie, medicina e malattie… sapere "leggere" la scienza ci aiuta ad affrontare i problemi quotidiani, e le grandi sfide in modo creativo. Una guida per non scienziati all'uso della scienza.
  • essere empatici: dal teatro greco alla politica di oggi, dal cinema alle teorie di leadership: l'empatia è la chiave delle relazioni umane individuali e collettive. Una guida teorico-pratica per co-creare, generare consenso, governare strutture complesse, immaginare alternative.
  • avere visione: avere un'idea e trovare la forza propulsiva che porta alla sua realizzazione, questo fa un imprenditore. Una esperienza dagli USA, per ragionare sulla capacità di vedere e pre-vedere oltre l'ostacolo e trovare soluzioni nuove.
  • cambiare: è la competenza fondamentale alla quale segue una trasformazione personale. Possiamo interpretarla come processo di autorealizzazione o come risultato della tendenza alla mutazione e delle resistenze ad essa.

I docenti:
Guido Bosticco (docente di scrittura creativa all'Università di Pavia, giornalista, imprenditore culturale);
Andrea Bocconi (scrittore, psicoterapeuta, schermidore);
Gianni Mimmo (compositore, musicista, produttore);
Claudio Visentin (docente di Cultural History of Tourism all'Università della Svizzera italiana, fondatore della Scuola del Viaggio, maestro di scacchi);
Mattero Rini (físico, editore e scrittore per l'American Physical Society, manager musicale e culturale);
Giovanni B. Magnoli Bocchi (consulente politico, dirigente pubblico, esperto di comunicazione); Andrea Panigada (ricercatore hi-tech; imprenditore, vespista);
Pietro Pontremoli (psicanalista, formatore aziendale, biker).

Durata, Organizzazione didattica, Verifiche e Prova finale

Il Master ha durata annuale pari a 1500 ore di impegno complessivo per il corsista, corrispondenti a 60 cfu.
Il Master si svolgerà in modalità e-learning con piattaforma accessibile 24 h\24h.
Il Master è articolato in :

  1. lezioni video e materiale fad appositamente predisposto;
  2. eventuali test di verifica di autoapprendimento;

Tutti coloro che risulteranno regolarmente iscritti al Master dovranno sostenere un esame finale che accerti il conseguimento degli obiettivi proposti presso la sede dell'Università sita in Roma - Via Don Carlo Gnocchi 3.

Programma

Il percorso del Master prevede i seguenti insegnamenti così articolati:

Offerta formativa
DISCIPLINECFU
PENSARE
Guido Bosticco
Analizzare le informazioni, comprendere il mondo come viene narrato; approcci filosofici utili e pratici (per non esperti); esercitare un pensiero libero e indipendente dal mainstream; come riconoscere il mainstream nei mass media, nei discorsi, nel pensiero omologato. Il bias di conferma e altri difetti del ragionamento. Modus ponens, problem solving e altri approcci alternativi ai problemi. 10
SCRIVERE
Guido Bosticco
Scrittura e storytelling, stimolare le idee, sviluppare la bellezza, la creatività, l'immaginazione, imparare a organizzazione il pensiero, migliorare la scrittura in un mondo digitale in cui essa è una competenza sempre più necessaria. Focus sulla narrazione dei luoghi e sulla scrittura di stampo giornalistico. 8
PARLARE
Guido Bosticco
Pubblic speaking - e comunicazione one to one, controllare l'emotività, migliorare le performance, obiettivi e mezzi, spiegare, parlare a un gruppo. Valore morale e potere sociale della parola, tecniche di costruzione di discorsi efficaci, il lavoro del ghost writer, i discorsi dei leader, il rapporto fra parola e politica, parola e cittadinanza, parola e potere, parola e azione. 5
CREARE
Andrea Bocconi
Che cosa è la creatività. Gli stadi del processo creativo. Aspetti, stadi, qualità in relazione all'atto creativo. Autocritica. Ambiente. Stimoli. Biografie di uomini creativi e analisi delle loro caratteristiche. 3
INTERPRETARE
Gianni Mimmo
Interpretare è agire una comprensione flessibile, ma soprattutto ascoltare attivamente, riconoscere le fonti ispirative, generare self-teaching, sublimare e oggettivare le complessità delle forme relazionali. Questo modulo - attraverso l'uso della musica - è inteso a sviluppare un'attitudine a traversare distanze e strutture, con l'aiuto creativo di uno sguardo plurale, capace di attenzione al dettaglio e di visione globale dei processi contemporanei. La responsabilità del proprio segno, la sua ricaduta verso una nuova composizione. Densità e trasparenza. Il proprio "fare" come processo creativo e multi-prospettico. 4
VIAGGIARE
Claudio Visentin
Viaggio e incontro: saper incontrare e capire, apertura al mondo, alla diversità, all'altro - la coesistenza delle identità, l'etica della relazione, la curiosità per la conoscenza, la messa in discussione delle certezze - rafforzamento delle identità individuali. 8
USARE LA SCIENZA
Matteo Rini
Una guida per non scienziati all'uso della scienza. Introduzione al metodo scientifico e al mondo della ricerca. Distinguere truffe da rivoluzioni scientifiche. I grandi temi scientifici nella società moderna: energia, cambio climatico, terrorismo, esplorazione dello spazio, nuove tecnologie, medicina e malattie. Scienza ed emozione. La creatività scientifica. Scienza ed arte. Verso una soluzione del problema delle "due culture":  stimolare la comunicazione tra scienza e mondo umanistico. La scienza nella vita di tutti i giorni. 6
ESSERE EMPATICI
Giovanni B. Magnoli
Relazioni umane, relazioni esterne, pubbliche relazioni, co-creazione, relazioni produttive, condivisione della conoscenza, lavorare in gruppo, creare consenso attorno a un'idea, costruire una struttura complessa e governarla, immaginare percorsi alternativi per un fine stabilito, comunicare per ottenere consenso. 6
AVERE VISIONE
Andrea Panigada
Vision - Action, avere visione, essere visionari, tentare di fare, osare, il modus agendi dell'imprenditore, come affrontare gli ostacoli, come prevederli: una testimonianza da San Diego (California), cuore delle start-up americane. 2
CAMBIARE
Pietro Pontremoli
Devi cambiare!: quasi un imperativo del nostro tempo, un comando metanoico, che allude al dislivello tra una vita consuetudinaria e una antitetica volontà rivoluzionaria. Devi cambiare!: regola di un rinascimento atletico portatore di un nuovo modello di virtù e di eccellenza. Dagli antichi Greci fino ad oggi cambiare era ed è l'obiettivo della saggezza. Un'analisi del cambiare attraverso la scienza, la psicanalisi, la metapsicologia freudiana e la Philosophische Praxis. 8
TOTALE 60

Quota d'iscrizione

- € 2.000,00 (suddivisa in 4 rate).

- € 1.800,00 per le seguenti categorie:

  • Laureati da meno di 24 mesi

REQUISITI E MODALITA' D'ISCRIZIONE

Consulta il BANDO e compila la DOMANDA D'ISCRIZIONE ONLINE

PER MAGGIORI INFO

Master Online: i vantaggi dello studio a distanza

I master online UniCusano sono stati pensati per gli studenti e i professionisti desiderosi di conciliare l’esercizio di altre attività con le necessità di riqualificarsi o specializzarsi ulteriormente.
I nostri Master a distanza, infatti, forniscono competenze fortemente spendibili nel mondo del lavoro, potenziano abilità già acquisite nel corso del proprio precedente percorso di studi o professionale e, grazie all’approccio estremamente pratico e operativo, garantiscono agli iscritti un elevato tasso di work-placement.
Per l’iscrizione ai master di primo livello online di UniCusano è necessario essere in possesso di un qualsiasi titolo di laurea; per i master di secondo livello online occorre invece una laurea specialistica, magistrale o vecchio ordinamento.

Master Universitari Online UniCusano

I master UniCusano sono riconosciuti dal Ministero dell’Istruzione e regolamentati dall’articolo 3 del decreto MURST 509/1999 e dal decreto MIUR 270/2004. Secondo quanto previsto dall’ordinamento italiano un master universitario online, così come quello tradizionale, deve avere una durata almeno annuale e, previo superamento dell’esame finale, riconoscere 60 CFU.
I Master online UniCusano in particolare, hanno durata annuale e si articolano in lezioni video, esercitazioni, project work e studio individuale, per un totale di 1.500 ore. Per le eventuali lezioni in presenza, gli iscritti non residenti nella provincia di Roma possono usufruire del servizio di foresteria dell’università.
Cerca il master più utile per la tua crescita professionale e scegli di specializzarti con i corsi post laurea della migliore università telematica italiana!

Requisiti per l’iscrizione ai Master Online

Per l’iscrizione ai master di primo livello online di UniCusano è necessario essere in possesso di un qualsiasi titolo di laurea; per i master di secondo livello online occorre invece una laurea specialistica, magistrale o vecchio ordinamento. L’iscrizione al Master è incompatibile con l’iscrizione ad altri Master/Corsi di Laurea/scuole di specializzazione/Dottorati di ricerca. Nel caso in cui si possieda un titolo di Laurea estero, quest’ultimo deve essere equipollente a quello italiano.