Visto studio

Documenti e procedura per entrare in Italia per i cittadini extraeuropei.

Agli studenti per i quali la domanda di registrazione pervenuta all'interno del portale UNIVERSITALY sia stata convalidata o convalidata “con riserva”, l'Ambasciata/Consolato d'Italia nel Paese di residenza rilascerà, espletate le verifiche, un visto di STUDIO di tipo “D” per “Immatricolazione all'università”.

Il visto d'ingresso è l'autorizzazione che permette allo studente extraeuropeo di entrare in Italia. Dopo l'arrivo, il Permesso di Soggiorno consentirà di soggiornare.

Una volta completata la richiesta di registrazione al portale UNIVERSITALY, lo studente riceverà una comunicazione da parte dell'Ateneo quando la domanda sarà convalidata sul portale dove troverà la lettera di idoneità all’iscrizione, accedendo con le sue credenziali.

Si prega di stampare la lettera di idoneità e il riepilogo della domanda di registrazione perché servirà in fase di richiesta del visto presso l’Ambasciata.

 Si ricorda, inoltre, di iniziare sempre queste procedure con largo anticipo rispetto alle tempistiche di immatricolazione al corso di laurea e di assicurarsi di consultare il sito Web dell'Ambasciata per informazioni prima di visitare l'ufficio visti.

Documenti necessari per richiedere un visto di studio:

Per tutti i dettagli sull'ottenimento del visto per l'Italia: https://vistoperitalia.esteri.it/home.aspx.

Cosa fare all'arrivo in Italia?

Entro otto giorni lavorativi dall'arrivo in Italia con VISTO PER STUDIO “nazionale” di tipo D, i candidati devono inoltrare domanda di permesso di soggiorno per STUDIO alla Questura competente per il comune dove intendono stabilire la propria residenza. La richiesta può essere presentata agli Uffici Postali. Al momento della presentazione della domanda di permesso di soggiorno, lo studente sarà identificato e dovrà pagare le relative spese. Al momento della presentazione del dossier all'ufficio postale, lo studente riceverà un invito di comparizione in cui è specificata la data in cui dovrà presentarsi presso gli appositi uffici della Questura, unitamente alle fotografie per sottoporsi alle procedure fotografiche e di rilevamento delle impronte digitali. L'Ufficio Postale produce ricevuta di consegna della domanda di permesso di soggiorno che equivale alla ricevuta di presentazione del dossier prodotta dalla Questura e che, inoltre, funge da prova della presenza autorizzata in Italia.