Master I Livello in Diagnostica e riabilitazione delle sindromi autistiche e altri disturbi della comunicazione

in partnership didattica con logo partner
Master I Livello
A.A.: 2018-2019
CFU: 60
I Edizione I Sessione 
  • Scadenza: 30.09.2018

    proroga 31.12.2018

Obiettivi e destinatari

Il Master si rivolge preferibilmente a Medici, Biologi, Farmacisti, Dietisti, Psicologi, Logopedisti, Fisioterapisti, Educatori professionali, Terapisti occupazionali, Terapisti della Neuro e Psicomotricità dell'età evolutiva, Assistenti Sanitari, Assistenti Educativo Culturali, Insegnanti delle scuole di ogni ordine e grado e a tutte quelle figure che direttamente o indirettamente intervengono nell'ambito della salute e dell'educazione.

Il Master si prefigge lo scopo di fornire un ampio e dettagliato programma di formazione e aggiornamento sulle patologie della comunicazione, prima tra le quali l'autismo.

Saper lavorare su un soggetto affetto da autismo, significa saper affrontare praticamente tutte le patologie della comunicazione, poiché nell'ambito della sindrome autistica sono presenti, sia pure in misura diversa da caso a caso, tutti i quadri patologici appartenenti al catalogo nosologico foniatrico-logopedico.

In questo corso vengono presentati gli aspetti etiologici, anatomopatologici, clinici e terapeutici, delle sindromi autistiche, dei ritardi comunicativi e del linguaggio più o meno contestualizzati nell'autismo, dei disturbi uditivi, sensoriali, motori, prassici, cognitivi, linguistici, emotivo-relazionali-comportamentali, appartenenti a tutte le patologie della comunicazione dell'età evolutiva, adolescenziale, e nelle proiezioni verso l'età adulta.

Ci si prefigge l'obiettivo di offrire una dettagliata e pratica guida per l'acquisizione di tanti elementi utili per conoscere, comprendere e soprattutto affrontare le sindromi autistiche e gli altri disturbi della comunicazione.

Al termine del Master sarà possibile svolgere tirocinio pratico gratuito presso il CENTRO STUDI DIAGNOSI E TERAPIA DELL'AUTISMO E ALTRE PATOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE. FONIATRIA, LOGOPEDIA, RIABILITAZIONE di Napoli (Prof. Massimo Borghese).

Programma

Art.3 ORDINAMENTO DIDATTICO
Il percorso del Master prevede i seguenti insegnamenti così articolati

Offerta formativa
DICIPLINEARGOMENTI TRATTATIDOCENTECFUORE
Foniatria. Diagnostica 1 Inquadramento diagnostico terapeutico dell'autismo e di altri disturbi della comunicazione correlati.
Cause in generale. Meccanismi patogenetici. Localizzazioni dei danni organico-funzionali.
Espressioni cliniche. Valutazioni.
Massimo Borghese 2 50
Foniatria. Diagnostica 2 Cause nello specifico: Identificazione e significato di fattori predisponenti, scatenanti, slatentizzanti, aggravanti. Cromosomi. Epigenetica. Infezioni. Intossicazioni. Danni placentari. Parto. Patologie prenatali, neonatali, postnatali.
Meccanismi patogenetici: HLA. Intestino/cervello. Danni alla glia. Alterazioni strutturali, neuromediatoriali, ormonali, immunologiche, biochimiche.
Localizzazioni: Encefalo in generale. Aree e funzioni corticali superiori (cervello anteriore e posteriore). Vie uditive e sensoriali centrali. Cervelletto. Primo motoneurone. Cervello limbico. Aree e funzioni linguistiche.
Massimo Borghese 2 50
Foniatria.
Clinica
Espressioni cliniche: Diagnosi di base, varianti legate a linguaggio, epilessia, aggressività, ADHD.
Valutazioni strumentali e di laboratorio: TC, RMN, EEG, ERPs, Neuroimaging funzionale; analisi microbiologiche, ormonali, alimentari, tossico-metaboliche, su sangue e urine.
Massimo Borghese 2 50
Foniatria. Autismo e disturbi associati Autismo: Definizione dettagliata, modalità e tempi di insorgenza, prime manifestazioni cliniche, preautismo, autismo in progress, autismo primario e regressione autistica.
Autismo e balbuzie, autismo e linguaggio, autismo e ipercinesia, autismo e disturbi sensoriali, autismo-disprassia, autismo ed epilessia, autismo e aggressività, autismo e patologie tiroidee.
Massimo Borghese 2 50
Foniatria. Linguaggio Il linguaggio verbale, le funzioni linguistiche, l'evoluzione dell'espressione verbale nella normalità e nelle patologie. Massimo Borghese 2 50
Foniatria. Catalogo nosologico patologie della comunicazione Catalogo nosologico foniatrico-logopedico, definizione dei quadri sindromici: Disturbi della voce. Disturbi della pronuncia. Alterazioni della deglutizione. Disturbi della fluenza. Disturbi delle cosiddette funzioni corticali superiori con particolare riferimento alla codificazione e alla decodificazione. Disturbi centrali della motricità. Disturbi oligofrenici di insufficienza mentale e/o demenza. Disturbi da lesioni sensoriali, dispercezioni uditive e visive.
Disturbi linguistici e loro correlati: dislalie funzionali di varia origine, disturbi fonologici, disprassie articolatorie, disturbi semantici, disturbi morfosintattici, pragmatici… Learning diseases o disturbi degli apprendimenti curriculari e non.
Disturbi da inadeguatezze socioculturali e affettivo-emotivo-relazionali-comportamentali. Differenza tra cause ambientali da ipostimolazione, e cause organiche; combinazione tra le une e le altre.
Massimo Borghese 3 75
Foniatria. Sindrome da deficit dell'attenzione con iperattività (ADHD) La sindrome da deficit attentivo con iperattività (ADHD). Etiologia, diagnosi.
Evoluzione, prognosi.
Modalità di trattamento abilitativo, farmacologico, biomedico.
Massimo Borghese 2 50
Foniatria.
Profilo comunicativo individuale
Il profilo comunicativo individuale, con descrizione dei livelli sensoriale-percettivo, cognitivo-integrativo-decisionale, emotivo-relazionale-comportamentale, motorio-prassico-espressivo.
Valutazione e testistica relative alla disamina dei diversi livelli del profilo comunicativo, anche in base all'età anagrafica e prestazionale equivalente.
Massimo Borghese 2 50
Foniatria.
Visita foniatrica
La visita foniatrica: Anamnesi, ricollegamento all'analisi dei fattori etiologici, osservazione del paziente, primi approcci e criteri di valutazione clinico-funzionale, formulazioni diagnostiche.
Verifiche e modifiche diagnostiche progressive dei quadri clinici, monitoraggio e ridefinizione delle loro evoluzioni.
Massimo Borghese 2 50
Formazione dei terapisti Presa in carico terapeutica: Formazione dei terapisti, basi culturali e modalità di studio e tirocinio. Alessandra Borghese 1 25
Osservazione logopedica e presa in carico terapeutica Osservazione, instaurazione del rapporto terapista-bambino, contatto oculare, prime modalità di approccio terapeutico, anche in base alle diverse patologie e caratteristiche dei singoli pazienti.
Motricità globale e fine, prassie bucco-linguo-facciali, gestione e trattamento delle funzioni orali respiratoria, masticatoria, deglutitoria.
Alessandra Borghese 2 50
Categorie percettive Analisi e stimolazione delle abilità percettive, periferiche e centrali. Le categorie percettive e vie sensoriali centrali. Massimo Borghese 2 50
Orecchio. Funzioni uditive e vestibolari L'udito e le strutture periferiche e centrali preposte alle sue funzioni. Apparato di trasmissione dell'energia meccanica vibratoria, apparato di trasduzione in energia nervosa, nervo acustico.
Vie vestibolari periferiche e centrali; loro rapporti con le funzioni motorie, cognitive e di apprendimento.
Massimo Borghese 2 50
Sordità e autismo Sordità e autismo, diagnosi differenziale. Evoluzione del linguaggio e della comunicazione nel sordo in età infantile e adolescenziale. Massimo Borghese 2 50
Semeiotica audio vestibolare Semeiotica strumentale audio vestibolare, nell'infanzia e nell'età adulta. Raffaella Maresca 2 50
Audiometria e audioprotesi Protesi acustiche, impianti cocleari. Raffaella Maresca 1 25
Riabilitazione vestibolare Riabilitazione vestibolare, intervento sulle funzioni dell'equilibrio nei disturbi motori e comunicativi dell'età evolutiva. Raffaella Maresca 1 25
Il comportamento Modificazioni comportamentali, gestione delle stereotipie, rottura delle abitudini, contenimento dei comportamenti inadeguati.
Behaviour modification (modificazione comportamentale). Principi teorici e modalità operative.
Carmela Petito 2 25
Materiali per terapie Allestimento della stanza di terapia e materiale utilizzabile, organizzazione e strutturazione dei locali e degli strumenti didattici, riabilitativi e terapeutici da adottare. Marco Borghese 1 25
Autonomie Autonomie (alimentazione, vestirsi e svestirsi, controllo sfinteri, gioco e socievolezza, toletta e igiene, spostamenti). Alessandra Borghese 1 25
Logopedia. Linguaggio, apprendimento Rapporto con gli oggetti, esecuzione di ordini semplici e complessi, riconoscimento e denominazione, induzione alla verbalizzazione, uso delle immagini, costituzione e ampliamento del vocabolario, strutturazione della frase, impostazione dei fonemi.
Lettura e scrittura, calcolo matematico, gestione e trattamento delle disabilità di apprendimento.
Alessandra Borghese 2 50
Rapporti con familiari e insegnanti Consegne ai familiari e loro ruolo nei programmi abilitativi e nella quotidianità. Rapporto con gli insegnanti e gli assistenti scolastici. Formulazione del programma di intervento, obiettivi, verifiche e rivisitazioni progressive del lavoro abilitativo-riabilitativo. Marco Borghese 1 25
Alimentazione Inquadramento e strategie alimentari per un bambino allergico o intollerant
Test diagnostici.
Carmelo Rizzo 2 50
Psicologia. Collegamenti e rapporti tra operatori e famiglie Problematiche relative al rapporto con terapisti, scuole e famiglie. Accettazione della diagnosi, dei programmi terapeutici, delle previsioni di durata, della dieta e di altri provvedimenti farmacologici e/o metabolici. Carmela Petito 1 25
Foniatria. Farmacologia Bambini, adolescenti, adulti, nei rapporti con gli psicofarmaci. Nostre posizioni e criteri di gestione del problema. Massimo Borghese 1 25
Psicologia. Famiglie e problemi etici Genitori separati e divergenze di scelte di cura. Aspetti etici e legali della gestione del bambino disabile e dei familiari e/o tutori responsabili del suo percorso terapeutico abilitativo. Carmela Petito 1 25
L'uscita dall'autismo Che cosa si intende per "uscita dall'autismo"; superamento della sintomatologia clinica, persistenza del danno anatomopatologico. Parlare di autismo al proprio figlio. Testimonianze e interventi di genitori. Massimo Borghese 1 25
La gestione dell'ex autistico Gestione dell'adolescente e dell'adulto nel post-autismo. Affiancamento nelle sue attività e nell'inserimento nel lavoro. Marco Borghese 1 25
Foniatria. Apparato fonoarticolatorio Valutazione morfofunzionale dell'apparato fonoarticolatorio, la vocalizzazione, le risonanze, l'articolazione. Massimo Borghese 2 50
Foniatria e Logopedia. Linguistica Fonetica acustica, fonetica percettiva, fonetica articolatoria. Ortoepia.
La corretta impostazione dei fonemi: luogo e organo di articolazione degli occlusivi, dei costrittivi, dei semicostrittivi; modalità di correzione delle dislalie e di reimpostazione articolatoria nella normalità.
L'evoluzione del patrimonio lessicale e sintattico. Tecniche di intervento logopedico per l'arricchimento del bagaglio semantico-lessicale e morfosintattico.
Alessandra Borghese 2 50
Logopedia. Pragmatica linguistica e uso del linguaggio La pragmatica linguistica e una logopedia finalizzata non solo a far produrre verbalità, ma indirizzata a contestualizzare, finalizzare e generalizzare l'uso del linguaggio.
Forme comunicative linguistiche non verbali: se, quando, e come utilizzarle.
Grafismo fonemico, grafismo, prelettura, prescrittura, lettura e scrittura.
Alessandra Borghese 2 50
Disabilità di apprendimento Disabilità di apprendimento, dislessie, disgrafie, discalculie. Massimo Borghese 1 25
Logopedia. Funzioni orali Logopedia per le funzioni orali masticatorie, deglutitorie, respiratorie, sensoriali, mimiche.
La bocca come sensore gustativo, tattile, olfattorio, e come prima stazione anticorpale verso antigeni che entrano nell'organismo con il cibo e con l'aria.
La bocca come organo che mastica, prepara e ingoia il bolo alimentare.
La bocca come organo comunicativo articolatorio, risuonatore, mimico, e come effettore espressivo in senso più ampio, anche nell'ambito delle relazioni emotivo affettive.
Alessandra Borghese 2 50
Logopedia. Malocclusioni dentali e rapporti con l'ortodonzia Le malocclusioni dentarie e i rapporti operativi preventivi e terapeutici con l'ortodonzia. Alessandra Borghese 1 25
Logopedia. Funzioni orali nelle paralisi Principi di intervento riabilitativo sulle funzioni orali nelle paralisi centrali e periferiche, concomitanti o no, con le sindromi autistiche. Alessandra Borghese 1 25
Interazione e partecipazione dei familiari Modalità di interazione con i familiari cui affidare compiti di integrazione domestica del lavoro svolto in sedute di terapia.
Modalità di interazione con il personale della scuola cui affidare compiti di integrazione del lavoro svolto nelle stanze di terapia.
Marco Borghese 1 25
Programmazioni del lavoro. Tempi. Luoghi. Pazienti stranieri Adeguamenti e modifiche dei programmi abilitativi riabilitativi svolti secondo le modalità "full immersion", su pazienti provenienti da altre sedi; italiani e stranieri.
Uso dei video e di altri sistemi di monitoraggio e verifica dell'andamento del lavoro svolto da pazienti a distanza, e comunque per controllare con costanza, l'andamento del lavoro svolto nelle diverse realtà di vita del paziente.
Marco Borghese 1 25
Interdisciplinarietà Ruoli delle diverse figure professionali impegnate nelle aree diagnostiche e terapeutiche, anche in considerazione dell'interdisciplinarietà e delle diverse ma spesso coincidenti competenze. Carmela Petito 1 25

Il Master è di durata annuale; le attività didattiche si svolgeranno attraverso interazioni realizzate per via telematica.
Nell'insieme l'attività formativa prevede 60 CFU crediti complessivi.

Quota d'iscrizione

- € 2.200,00 (suddivisa in 4 rate).

- € 2.000,00 (suddivisa in 4 rate) per le seguenti categorie:

  • Diplomati Unicusano al Master in "Nutrizione Clinica"
  • Diplomati Unicusano al Master in "Operatore in biodiscipline olistiche per la salute"
  • Diplomati Unicusano al Corso di Perfezionamento e aggiornamento professionale in "Alimentazione vegetariana - vegan"
  • Diplomati Unicusano al Corso di Perfezionamento e aggiornamento professionale in "Nutrizione nel fitness e nel recupero funzionale dell'atleta"
  • Diplomati Unicusano al Corso di Perfezionamento e aggiornamento professionale in "Nutrizione in Pediatria"
  • Laureati Unicusano da meno di 12 mesi

REQUISITI E MODALITA' D'ISCRIZIONE

Consulta il BANDO e compila la DOMANDA D'ISCRIZIONE ONLINE

PER MAGGIORI INFO

Master Online: i vantaggi dello studio a distanza

I master online UniCusano sono stati pensati per gli studenti e i professionisti desiderosi di conciliare l’esercizio di altre attività con le necessità di riqualificarsi o specializzarsi ulteriormente.
I nostri Master a distanza, infatti, forniscono competenze fortemente spendibili nel mondo del lavoro, potenziano abilità già acquisite nel corso del proprio precedente percorso di studi o professionale e, grazie all’approccio estremamente pratico e operativo, garantiscono agli iscritti un elevato tasso di work-placement.
Per l’iscrizione ai master di primo livello online di UniCusano è necessario essere in possesso di un qualsiasi titolo di laurea; per i master di secondo livello online occorre invece una laurea specialistica, magistrale o vecchio ordinamento.

Master Universitari Online UniCusano

I master UniCusano sono riconosciuti dal Ministero dell’Istruzione e regolamentati dall’articolo 3 del decreto MURST 509/1999 e dal decreto MIUR 270/2004. Secondo quanto previsto dall’ordinamento italiano un master universitario online, così come quello tradizionale, deve avere una durata almeno annuale e, previo superamento dell’esame finale, riconoscere 60 CFU.
I Master online UniCusano in particolare, hanno durata annuale e si articolano in lezioni video, esercitazioni, project work e studio individuale, per un totale di 1.500 ore. Per le eventuali lezioni in presenza, gli iscritti non residenti nella provincia di Roma possono usufruire del servizio di foresteria dell’università.
Cerca il master più utile per la tua crescita professionale e scegli di specializzarti con i corsi post laurea della migliore università telematica italiana!