Dottorato in Geopolitica e Geoeconomia

Coordinatore
Prof. Sergio Conti

Lingua
Italiano/Inglese/Francese

Durata
3 anni

Posti e borse di studio
8 posti, di cui 6 con borsa di studio

Descrizione e obiettivi del corso
Il dottorato di ricerca ha come tematiche di riferimento la geopolitica e la geoeconomia, argomenti non solo geografici ma anche fortemente interdisciplinari. Le materie che affiancano la geografia economico-politica sono quelle storiche, politologiche, giuridiche, economiche, psicologiche e altre discipline umanistiche applicate. L’intento scientifico del dottorato è quello di fornire ai dottorandi gli strumenti teorici e metodologici necessari per l'analisi di realtà complesse come i sistemi territoriali che vengono esaminati a varie scale geografiche con approccio rigoroso nello studio ed operativo nella valutazione dei processi decisionali. La scala dello studio è sia macroterritoriale, riferita alla costruzione di scenari geopolitici, geoeconomici e geostrategici, sia microterritoriale, rivolta a scelte localizzative di carattere industriale e manageriale. I docenti nelle lezioni e nei seminari, sia de visu che in modalità telematica, spaziano da tematiche metodologiche alla storia del pensiero della geografia, e nello specifico della geopolitica e della geoeconomia, da questioni storico-politico-internazionali a problematiche giuridiche nazionali e internazionali. Tra i temi proposti vi sono la sicurezza a tutti i livelli, i concetti di centro e di periferia, la pianificazione e le scelte ubicative industriali e tutti i grandi temi internazionali impliciti nei processi di globalizzazione.

Sbocchi occupazionali e professionali previsti
La professione del geografo in Italia non è molto nota poiché sono pochi i Corsi di laurea in questo settore. Il dottorato, che ha una valenza interdisciplinare, copre questa carenza. Il dottorato di ricerca in Geopolitica e Geoeconomica si posiziona nei confronti del mercato del lavoro con una specializzazione ampia che consente di affrontare attività lavorative correlate al territorio. Tra queste, le attività negli Enti pubblici nazionali e internazionali, ad esempio uffici regionali, provinciali o comunali di programmazione o di pianificazione urbanistica e ambientale e non solo. La preparazione specifica sulla negoziazione rende i dottorandi particolarmente adatti a quelle attività per le quali il modo di lavorare negoziale risulta di fondamentale importanza. Le tematiche relative ai grandi temi internazionali conferiscono particolare competenza in merito alla professione di scenarista, un mestiere recente che si interessa della previsione delle condizioni politiche che rendono possibile instaurare rapporti imprenditoriali o di altra natura (ad esempio con le ONG) con altri paesi, in particolare con i paesi in via di sviluppo. L'approfondimento della tematica dei diritti dell'uomo amplia le possibiltà di collaborazione in campo internazionale. Una buona conoscenza della lingua inglese è richiesta come requisito di ammissione.